Oshun, la dea africana dell’amore e delle acque dolci

Attraverso molte antiche civiltà in tutto il mondo, l’amore è stato posto sotto il dominio di un certo nume, di solito, ma non in tutti i casi, una dea. Nel mondo classico, per esempio, ci sono stati Venere e Afrodite, l’amore  del pantheon romano e greco, rispettivamente. Nel Vicino Oriente antico, l’amore era personificato in tali dee come Ishtar e Astarte. Più lontano in Africa occidentale, il popolo Yoruba credono in una dea dell’amore con il nome di Oshun.

Il popolo Yoruba abitano la parte sud-occidentale della moderna Nigeria e la parte meridionale del Benin. I praticanti della religione tradizionale yoruba credono in un pantheon di  401 divinità (noto come Orisha) che governano i vari aspetti del mondo e della vita umana. Sebbene Oshun (scritto anche Osun) è considerata principalmente come una dea dell’amore, ci sono altri aspetti da considerare. Uno dei ruoli più importanti che Oshun interpreta è quello della dea delle acque dolci e la divinità protettrice del fiume Oshun in Nigeria. Accanto a questo fiume c’è un bosco sacro, probabilmente l’ultimo nella cultura Yoruba , dedicato a Oshun.

Il fiume Osun, Nigeria

Il fiume Osun, Nigeria ( fonte immagine )

 

Il Osun-Osogbo Sacred Grove è una fitta foresta alla periferia della città di Osogbo, Nigeria occidentale. In passato, i boschetti sacri erano comuni e si trovano in zone dove la cultura Yoruba è vissuta, e ogni città ne avrebbe avuto uno. Nel corso del tempo, questi boschi sacri erano o abbandonati o si erano ridotto in termini di dimensioni, a parte l’ Osun-Osogbo Sacred Grove. Questo bosco sacro contiene 40 santuari, 2 palazzi, molte sculture e opere d’arte. Grazie alla sua unicità, la Osun-Osongbo Sacred Grove è stata iscritta nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2005.

Loading...
Il Osun-Osogbo Sacred Grove

Il Osun-Osogbo Sacred Grove ( Wikimedia Commons )

In una storia, villaggi di una zona vicina stavano migrando in cerca di acqua, e si stabilirono in lungo  nei pressi dell’attuale città di Osogbo. Quello che i nuovi coloni non sapevano era che questa terra apparteneva a Oshun. Un giorno, quando la comunità preparava il terreno per la stagione della semina, un albero è caduto nel fiume, e si udì una voce dal fiume dicendo: “. Lei ha distrutto i miei vasi di tintura” Gli abitanti del villaggio si sono impauriti, e hanno cercato di placare la dea. Essi hanno avuto successo nella loro impresa, e Oshun ha consigliato ai coloni di passare nella parte superiore del fiume,  gli esseri umani e gli spiriti non possono vivere insieme. Gli abitanti del villaggio hanno ottemperato a comando di Oshun, e il primo insediamento è diventato il bosco Sacro Osun-Osongbo .

 

Tempio di Oshun nel Bosco Sacro

Tempio di Oshun nel Bosco Sacro ( Wikimedia Commons )

Sebbene Oshun governa l’amore e le acque dolci, ed è anche considerata come una divinità altamente benevola. Oshun è anche il protettore dei poveri e la madre di tutti gli orfani.  Inoltre, Oshun è considerata come un guaritrice dei malati, il portatore del canto, musica e danza, così come la prosperità e la fertilità.Oshun è anche raffigurato come un insegnante, che ha insegnato agli Yoruba l’agricoltura, la cultura e il misticismo. Ha anche insegnato loro l’arte della divinazione con conchiglie, così come le canzoni, canti e meditazioni insegnate da suo padre Obatala  .

 

Inginocchiarsi figura femminile, devoto di Oshun.

Inginocchiarsi. figura femminile, devoto di Oshun. Honolulu Museum of Art ( Wikimedia Commons )

Nell’ arte, Oshun è raffigurata come molti dei suoi omologhi di altre culture. Oshun è comunemente indicata come una bella, affascinante, sensuale e civettuola giovane donna. Oltre alla sua bellezza naturale, Oshun è anche adornata con  gioielli in oro, bracciali in ottone, perline, specchi e ventilatori elaborati. Si è anche affermato che Oshun è attratta da tutte le cose che brillano e sono lucide. In alcune storie, Oshun è raffigurato come una sirena con una coda di pesce, forse un’allusione al suo status come la dea delle acque dolci.

Durante la diaspora africana, Oshun è stata portata in America, ed è stata successivamente adottata nei pantheon che si dipartiva dal tradizionale sistema di credenze africane. Oggi, Oshun è ancora onorata in Nigeria nella cerimonia annuale denominata Ibo-Osun, così come il 12 giorno Osun-Osogbo che si svolge presso il Osun-Osogbo Sacred Grove ogni anno alla fine di giugno e l’inizio di agosto.

Foto di presentazione: rappresentazione di un artista di Oshun. Fonte delle foto:www.reunionblackfamily.com .

Riferimenti

African American Wiccan Society, 2013. Oshun. [Online]
Disponibile all’indirizzo: http://www.aawiccan.org/site/Oshun.html

Ellis, AB, 1894. Yoruba lingua Popoli della Costa degli Schiavi dell’Africa occidentale. [Online]
Disponibile all’indirizzo: http://www.sacred-texts.com/afr/yor/index.htm

The Reunion Black Famiglia, 2011. Oshun la dea della fertilità, Luxury And Love .. [Online]
Disponibile qui .

Ha preso, T., 2013. Oshun. [Online]
Disponibile all’indirizzo: http://www.thaliatook.com/AMGG/oshun.php

UNESCO, 2015. Osun-Osogbo Sacred Grove. [Online]
Disponibile all’indirizzo: http://whc.unesco.org/en/list/1118

Uwechia, J. 2009. Oshun la dea africana di Bellezza, Amore, Prosperità, Ordine, e fertilità.[Online]
Disponibile qui .

www.godchecker.com , 2015. Oshun. [Online]
Disponibile all’indirizzo: http://www.godchecker.com/pantheon/african-mythology.php?deity=OSHUN

Fonte:http://www.ancient-origins.net/myths-legends-africa/oshun-african-goddess-love-and-sweet-waters-002908

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianetablunews e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.

 Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà un finestrella.

Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro bloghttp:www.pianetablunews.it tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.