Il serpente in cattività più lungo del mondo ha dato alla luce sei serpenti senza l’accoppiamento con un maschio

Credito foto: Mariluna via Wikimedia

Un vecchio pitone reticolato di 11 anni di nome Thelma ha dato alla luce sei serpenti senza l’accoppiamento con un maschio. Questa è la prima volta che una nascita da un serpente vergine è stata documentata in questa specie, Malayopython reticulatus, che detiene il record mondiale come ” serpente più lungo  “in cattività.

Il serpente lungo 6 metri, nativo del Sud-Est asiatico  è stato ospitato presso il giardino zoologico di Louisville in Kentucky per quattro anni senza un partner maschile. ILa sua compagna è un’altra femmina, Louise. Nell’estate del 2012, Thelma depone  61 uova, e ha trascorso due settimane a spirale  prima che il personale dello zoo he rimosso le uova per l’esame.

“Non è raro che un serpente a depone delle uova sterili, però il personale è stato sorpreso quando le uova sembravano essere piene e sane al posto di cusci rattrappiti e scoloriti, tipico di uova di rettile infertili,” il curatore dello zoo  Bill McMahan dice in un comunicato stampa .

Loading...

Il 12 settembre 2012, il primo di sei cuccioli sani di pitone reticolato nasce. Il loro peso medio è stato di 5,23 once (148,3 grammi). Dopo che la madre e tutti e sei i suoi cuccioli sono nati, sono stati raccolti campioni  e analizzato dalla University of Tulsa di Warren Booth e colleghi. I test genetici e le analisi molecolari hanno rivelato che tutti e sei i serpenti sono stati prodotti solo dalla madre , senza alcun contributo genetico maschile. Il personale dello zoo pensava che Thelma “Avevamo sperma immagazzinato,” McMahan dice a National Geographic . “Credo che a volte la verità è più strana della finzione.”

La riproduzione asessuata (chiamato partenogenesi) si presenta naturalmente in molti insetti e vermi, ed è ancora la norma per alcuni vertebrati come le lucertole. La partenogenesi facoltativa, d’altra parte, è estremamente rara in natura. Questo è quando le femmine che normalmente si riproducono sessualmente iniziano ad avere cuccioli senza maschi. Questi tipi di nascite vergini sono state precedentemente documentate in squali, uccelli, lucertole e serpenti che vivono negli zoo e le altre situazioni in cattività, ma è stato osservato in natura per la prima volta solo un paio di anni fa. La squadra di Booth ha descritto questi primi casi  selvatici di partenogenesi facoltativa in due vipere-il copperhead e il cottonmouth-nel 2012.

Il caso di Thelma, cellule chiamate globuli polari (che contengono residui di materiale genetico di formazione delle cellule uovo) sostanzialmente hanno preso il posto dello sperma. Normalmente scompaiono, ma qui si fondono con l’uovo, ripristinando la giusta quantità di assetti cromosomici e innescando la divisione cellulare. Questo processo, chiamato automixis fusione terminale, produce “mezzi cloni” della madre. E si è verificato in tutti i casi la partenogenesi del serpente facoltativa noti, con una sola eccezione: un prigioniero pitone birmano una volta ha prodotto cloni completi. Questi risultati sono stati pubblicati nel Journal of Biological Linnean Society all’inizio di questa estate.

“E ‘qualcosa che abbiamo usato per prendere in considerazione una novità evolutiva,” dice Booth National Geographic “, che è molto più comune di quanto pensassimo.” Zookeepers sospettano che le condizioni di vita comode di Thelma innescato la nascita da una vergine. Attualmente in mostra di Thelma nel HerpAquarium, ed ecco filmati di lei e dei suoi figli:

Immagine: Mariluna via Wikimedia CC BY-SA 3.0

Janet Fang

Fonte:http://www.iflscience.com/plants-and-animals/virgin-birth-confirmed-world-s-longest-snake-species

  Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter. Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.