Due antiche città Maya rinvenute nella giungla Messicana

Gli archeologi stanno iniziando a scoprire ancora più segreti sui Maya con l’emozionante scoperta di due antiche città in una foresta messicana.

Le città, che sono state trovate nello stato di Campeche, Penisola dello Yucatan, sono rimaste sconosciute per secoli  avvolte in una fitta vegetazione, che appare come nient’altro che cumuli di erba  ad un occhio inesperto. Gli archeologi che lavorano in America Centrale conoscono fin troppo bene quello che di solito si trova sotto queste gobbe erbose, ma questo particolare sito era stato in gran parte inaccessibile per molti anni ed è rimasto intatto così.

Loading...


Secondo il capo spedizione Ivan Sprajc, la squadra ha trovato le città con l’aiuto di fotografie aeree. Il sito è in realtà vicino a un’altra città Maya chiamato Chactun che è stata anche scoperto da Sprajc nel 2013 l’area che ospita le antiche rovine è enorme, circa 1800 chilometri quadrati, che si estende tra le regioni di Rio Bec e Chenes.

Tra i ritrovamenti  un imponente facciata con ingresso impostato nelle fauci di pietra di un mostro. Le facciate Maya sono porte del tempio che erano di solito riccamente decorati, spesso con enormi maschere ornate.

La facciate e varie altre parti di questa particolare città sono stati effettivamente prima documentati negli anni ’70 da un archeologo americano, Eric Von Euw, che ha visitato il sito e coniato esso Lagunita. Mentre egli può aver fatto alcuni schizzi utili, ha fatto un lavoro molto povero nelregistrare la posizione della città e quindi non era in grado di ri-tracciare le sue orme.

Quando i ricercatori hanno confrontato la facciata con le illustrazioni di Von Euw era chiaro che la città  scoperto era davvero il tempo perduto Lagunita. Secondo Sprajc, la facciata rappresenta una divinità Maya  associata alla fertilità. “Questi portali simboleggiano l’ingresso di una grotta e, in generale, al mondo sotterraneo acquoso“, ha aggiunto.

Accanto alla facciata mostro, il team ha anche scoperto diversi edifici del palazzo che circondano quattro piazze, un campo da palla e una piramide di 65 metri di altezza. Alcune delle pietre  rappresentano iscrizioni, uno dei quali è stato inciso il 29 novembre, AD 711.

La seconda città, che è una nuova scoperta, è stata nominata Tamchen, che significa “pozzo profondo” in Yucatec Maya. Ciò è dovuto al fatto che è dotata di un numero impressionante di sotterranei che sono stati installati per raccogliere l’acqua piovana. Simile a Lagunita, Tamchen ha anche avuto diverse piazze fiancheggiate da edifici e un grande tempio a piramide. La squadra non è certa di quando sono state costruite queste città, ci sono alcune evidenze che suggeriscono che Tamchen potrebbe risalire già al 300 aC .[Via Discovery News]

Fonte: http://www.iflscience.com/environment/two-ancient-maya-cities-unearthed-mexican-jungle#bxcemLSXSB46yxC2.99

 

 

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.