Eccezionale scoperta archeologica in Sardegna: trovata la prima raffigurazione del mitico dio sardo al tempio di Antas.

Per quasi 50 anni, erano rimaste in una cassa. Sono le decorazioni in terracotta del Tempio di Antas in Sardegna, vicino a Iglesias, uno dei più antichi e dei più misteriosi dell’isola. Le ha ordinate e studiate Giuseppina Manca di Mores, archeologa isolana e vicepresidente dell’ANA, l’Associazione nazionale Archeologi. E ha scoperto così la più antica raffigurazione del “Sardus Pater”, mitico progenitore della Sardegna, la cui immagine di divinità con il cappello inequivocabilmente piumato si fonde con quella di Iolao, il nipote di Eracle. Perché nella prima raffigurazione di questo mitico personaggio, si uniscono le tradizionali origini greche e fenicie della fondazione dell’isola.
Antas. Vicino a Fluminimaggiore, c’è uno dei grandi misteri sardi: un tempio punico del 500 a.C. dedicato al dio Sid Addir, forse dove già c’era un luogo di culto nuragico per il dio delle acque. Due secoli dopo, è ristrutturato. Per volere di Augusto (27 a.C.-14 d.C.), restaurato da Caracalla (213 – 217 d.C.) diventa un tempio romano. Lo scopre nel 1836 il generale Alberto La Marmora; oggi, lo vediamo, sei colonne ioniche alte otto metri, come è stato ricostruito nel 1967. Da un dito trovato in loco, doveva esserci una statua alta tre metri: quella del Sardus Pater, cui il tempio è dedicato, e una cui effige fu collocata al Santuario di Delfi.

Loading...

La nemesi. Una tra le frasi preferite di un famoso archeologo che non c’è più, Sabatino Moscati, era che «gli scavi più importanti sono quelli nei magazzini dei musei»: una nemesi. A scavare il tempio di Antas (e molto altro) è stato infatti proprio lui. Ma le terrecotte che, sulla facciata del tempio, ne proteggevano e decoravano il legno, sono finite nei depositi; e lì sono rimaste per oltre mezzo secolo, non studiate da nessuno.
Libro dei Lincei. A metà del prossimo anno, sarà pronto un poderoso libro sul tempio, curato, per l’Accademia dei Lincei, da Mario Torelli, un maestro dell’archeologia. E per questo lavoro a più voci, Giuseppina Manca ha finalmente esaminato, dal 2008 in poi, proprio quegli oggetti. Davvero importanti: il tempio di Antas è tra i più remoti ed importanti dell’isola. In un iscrizione, si legge la dedica: «TEMPL(um) DE SARDI PATRIS BAB», al Sardus Pater, così chiamato dai Romani, che può essere identificato con il dio Sid dei Cartaginesi. A ribadire l’importanza del luogo, Tolomeo lo cita già.
Nascita dell’isola. Sul sorgere della Sardegna abitata, si fronteggiano, entrambe con nobili sponsor e dotta letteratura, due diverse tradizioni. Sallustio e Pausania la vogliono colonizzata da Sardo, il figlio dell’Eracle libico, cioè del fenicio Melqart; Diodoro Siculo e altri, da Iolao, che sarebbe il padre degli Iliensi, giunto sull’isola con i figli di Eracle. Tra le terrecotte nei magazzini, Manca di Mores ha ricomposto una figura di Eracle con la leonté, e un personaggio maschile nudo, in piedi, con la doppia corona di piume in testa che lo qualifica con certezza come Iolao. Lo vediamo sulle monete romane di Azio Balbo, in un bronzetto punico trovato a Genoni, ed altrove.

Un “primum”. «Ma questa è la prima raffigurazione che ora, finalmente, conosciamo», racconta Giuseppina Manca; risale alla fase romana non imperiale, ma repubblicana, «nel primo, finora unico tempio romano-repubblicano con decorazione architettonica completa, tra gli ultimi decenni del II e la prima metà del I secolo a.C.». Chi arrivava al tempio, si trovava immediatamente di fronte le figure della mitica fondazione dell’isola. Solo che, per saperlo, abbiamo dovuto attendere mezzo secolo dagli scavi, perché «quelli più importanti avvengono nei depositi dei musei»: Moscati aveva proprio ragione; evidentemente, anche per quanto riguardava lui stesso.
Fonte: ww.artemagazine.it

Condiviso da:http://pierluigimontalbano.blogspot.it/2013/08/eccezionale-scoperta-archeologica-in.html

 

 

Pianeta bluRicordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

Ecco il link della pagina: Pianeta blu   -Pianetablunews lo trovate anche su su twitter

 

 

Beautiful exotic planet earthRicordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

Loading...

  • e come scoprire l’acqua calda; negli anni 1965 1967 incominciaronno sia la ricostruzione del Tempio ,e Scavi , grazie all’epoca Prof.Ferruccio Barecca ,, grande uomo, e grande studioso sull’archeologia ,forse chi lo ha sostituito aveva tutto l’interesse di tenere la cosa nascosta.magari ,sia x l’invidia, sia x tenere un territorio scomodo per poter svilluparsi in parte ,nell’interesse storico culturale ,nel campo dell’archeologia. speriamo questo ritrovamento sia portato in prossimo ,futuro a casa sua presso il museo archeologico di Fluminimaggiore ,dove e stata ritrovata ,,il SID .. Nella valle di Antas dove e Ubicato il Tempio ,,,,,,,il Ministro dovrebbe dare Risorse anche x questo luogo,,,,creerebbe molto interesse sul territorio…….SARDI: poco locos e malo Unidos ……Significa INVIDIA……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.