Speciale alimenti per gatto. Tutti i consigli per nutrirlo al meglio

gatti sono tra gli animali da compagnia più amati nel nostro paese (insieme ai cani sono presenti nel 41,7% delle famiglie) e in molti li considerano veri e propri membri della famiglia. Nonostante la crisi economica, i padroni non rinunciano al loro benessere e sull’alimentazione si affidano sempre di più agli alimenti preconfezionati (con una spesa che si aggira agli 870 milioni l’anno). Non è un caso infatti che le catene organizzate (dati Nielsen), nel primo semestre 2012 hanno registrato una crescita a volume del 13,6%. Ma cosa diamo realmente da mangiare ai nostri amici a 4 zampe e cosa è meglio per loro?

Alimentazione micio

Sul mercato sono disponibili mousse, crocchette, spezzatini e tantissimi altri prodotti: la scelta è sempre più vasta e variegata, per venire incontro ad ogni esigenza nutrizionale. Ma cosa scegliere tra un alimento secco (es: le crocchette) e uno umido?

I gatti, anche per via della loro sensibilità al gusto, tendono a preferire l’umido al secco, così come i loro padroni (sono preferiti da 2 consumatori su 3). Questa scelta si rivela in ogni caso giusta: i bocconcini o i paté (due delle formulazioni più diffuse in commercio) contengono una percentuale di acqua di circa il 70% e, a parità di volume con il cibo secco, ha un apporto calorico inferiore. C’è solo una cosa da ricordare – molto importante – se si vuole alimentare il proprio gatto solo con questa tipologia di cibo: l’umido diventa deperibile in breve tempo. Importante quindi pulire sempre bene la ciotola dopo l’utilizzo, in modo da evitare che si sviluppino pericolosi microrganismi

Calorie. L’etichetta rimane sempre il punto di riferimento per valutare uno o l’altro prodotto che si vuole acquistare per il proprio micio, ma non sempre è facile trovare tutte le informazioni che servono, in particolare i giusti dosaggi. Ogni gatto, in base al peso e all’età, necessita di un numero diverso di calorie. Normalmente la media è calcolabile tra le 60 e 80 calorie al kg, ricordando che più cresce con l’età e più bisogna fare attenzione nel non esagerare con il numero di calorie (in questo caso il miglior consiglio può arrivare solo dal veterinario).

Etichetta e ingredienti. Come per altri prodotti, anche per gli alimenti per gatti, l’elenco degli ingredienti è in ordine decrescente di peso, quindi il primo in elenco sarà quello presente in maggiore quantità e l’ultimo in quantità irrisorie. Una cosa che va tenuta in seria considerazione (e che può trarre in inganno) è la dicitura “alimento completo” e “alimento complementare“: nel primo caso si tratta di un prodotto che può essere utilizzato per l’alimentazione quotidiana del proprio micio, nel secondo caso no, perchè significa che non contiene tutte le sostanze nutritive di cui necessita. Attenzione anche ai termini usati sul contenuto dell’alimento: se la dicitura è “al manzo” allora deve contenere minimo il 70% di manzo, se la dicitura è “a base di manzo” ne conterrà solo il 10% mentre se si tratta di cibo per gatti “con manzo“, la percentuale scende al 4%.

Per quanto riguarda gli ingredienti, ecco quali è consigliato evitare: coloranti artificiali (non sono conosciuti effetti collaterali nei gatti, ma nel dubbio, preferire quelli che non ne contengono); zuccheri (come quello di barbabietola, ma anche lo sciroppo di mais e melassa); conservanti chimici (come il BHA, BHT, l’etossichina e il gallato di propile).

Per le proteine, sono da preferire quelle di origine animale (contengono amminoacidi di migliore qualità e più facili da digerire) a quelle di origine vegetale. Importanti anche la presenza di Taurina (uno degli amminoacidi essenziali per la salute del gatto, che lo protegge da cardiopatie, sordità e degenerazione della retina) e lavitamina A (una carenza può causare malattie della pelle e degli occhi). Valutare anche i prodotti integrati convitamina E, un antiossidante molto importante che permette non solo di combattere i radicali liberi ma protegge i nostri amici a quattro zampe dai tumori.

Nei casi abbiate un gatto in fase di svezzamento o in età avanzata e avete dei dubbi sul tipo di alimentazione da seguire, il miglior consiglio può arrivarvi unicamente da un veterinario. Una volta ricevute le informazioni e i suggerimenti sul tipo di prodotto da preferire, non vi resta che fare un giro tra le offerte in corso e cercare quella più conveniente nei supermercati e ipermercati vicino casa…

Fonte: http://news.klikkapromo.it/2013/05/speciale-alimenti-per-gatto-tutti-i-consigli-per-nutrirlo-al-meglio/

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.  

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca