Saturno potrebbe avere lune nate una seconda volta

Riproduzione artistica di Saturno e la luna Titano. CREDIT: NASA

Riproduzione artistica di Saturno e la luna Titano.
CREDIT: NASA

Il sistema di Saturno, con i suoi maestosi anelli, lune ghiacciate, e  Titano, è la gemma del sistema solare. Ironia della sorte il sistema è pieno di indizi che è nato, o meglio rinato, da una violenta demolizione meno di 4 miliardi di anni fa.

Un indizio è il gigante Titano, la luna, più grande del pianeta Mercurio. Ogni mese la prolifica sonda  NASA Cassini svela ulteriori dettagli su questa luna di color arancione che la fanno sembrare intrigante earthlike. Proprio la scorsa settimana un ricercatore  ha riferito di aver visto un cappuccio di nuvole di ghiaccio che si è formato sopra il polo sud della luna come un presagio dell’avvicinarsi dell’ inverno nell’emisfero sud.

Con la sua enorme atmosfera di azoto,mari di  idrocarburi, continenti di ghiaccio, pioggia tropicale di metano, e criovulcani, Titano è stato soprannominato la “Terra II”. Quali sono le probabilità che esistano mondi potenzialmente abitabili delle di dimensioni di Titano intorno ai miliardi di pianeti giganti di gas stimati nella nostra galassia? E, perché  Giove non ha una tale enorme luna?

Loading...

Titano si aggiunta al mistero della famiglia di lune ghiacciate di Saturno, una volta ritenute come palle di neve morte, invece sembrano geologicamente giovane e attive. La luna Encelado presenta geyser d’acqua da un oceano sotto la superficie che potrebbe essere una dimora per la vita.

Le lune sono abbastanza piccole che avrebbero potute essere disintegrate o allontanate da Saturno in un “battesimo di fuoco” periodo chiamato come il pesante bombardamento tardivo (LHB) 4 miliardi di anni fa. Questo periodo ha portato la  Terra ad avere la Luna come satellite con conseguenze enormi, si sono formati bacini giganti da impatto su Mercurio e Marte, e presumibilmente su Venere e la Terra.

LHB è stato avviato dal riordino gravitazionale finale dei pianeti giganti. In primo luogo prima si sono mossi verso l’interno e poi esternamente sotto un conflitto gravitazionale. I giganti che si spostano di orbita  hanno forzato  asteroidi e comete su orbite eccentriche ad alte velocità distruttive.

Erik Asphaug dell’Arizona State University e i co-autori hanno legato le osservazioni di Saturno insieme per proporre che il pianeta riordino le orbite delle lune portato ad un importante restyling del sistema di satelliti di Saturno. La loro ricerca è stata pubblicata sulla rivista Icarus .

Il Modello al computer dai Asphaug suggerisce che Saturno all’ iniziato aveva diverse lune primordiali che erano delle dimensioni dei quattro principali satelliti di Giove (scoperti nel 1609 da Galileo Galilei). La teoria è che durante la LHB le loro orbite sono state interrotte e si sono scontrati e poi fusi formando Titano al posto del sistema galileiano di stile Giove. Forse non a caso, Titano è simile in massa a tutti i satelliti galileiani messi insieme. “La fisica originale della  formazione dei satelliti potrebbe essere stata la stessa attorno a Giove e Saturno”, scrive Asphaug.

Questo smashup  ha lasciato alle spalle la famiglia di Saturno di stravaganti grandi satelliti ghiacciati  che si sarebbero formati dopo la LHB. La  diversità chimica dei satelliti e la geologia ci dicono quali parti delle lune progenitrici più grandi hanno formato lune più piccole. L’idea è che le lune più dense come Encelado, con il suo nucleo di silicati sotto un oceano di acqua, provengano dalle profondità della casa madre. Mentre le lune di ghiaccio come Tethys, a bassa densità, potrebbero provenire da un manto d’acqua-ammoniaca dei perduti satelliti galileiani.

Il modello prevede che le lune ghiacciate avrebbero dovuto avere i loro anelli e subsatelliti che degradatisi si sono schiantati sulle lune. Questo potrebbe spiegare il rigonfiamento equatoriale a forma di nove  su Giapeto, dove una luna in frantumi sarebbe letteralmente piovuta dal cielo.

La ricerca precedente suggerisce che  LHB ha anche strappato lune dal  sistema satellitare di Urano e Nettuno. Le lune originali intorno Nettuno potrebbero essere state distrutte quando  è stato gravitazionalmente catturato un cugino di Plutone,  oggetti sono stati spazzati verso il bordo esterno del sistema solare verso la cintura di Kuiper. Sistema satellitare Urano ‘parzialmente sopravvissuto .

Questo tipo di caos nel sistema solare primordiale sembra la norma. Anche la luna terrestre e sistema satellitare di Plutone-Caronte sono nati dalle collisioni. Questo tipo di flipper planetaria può essere comune tra miliardi di sistemi in tutta la nostra galassia.

immagine credit: NASA

Di Ray  Villard

Fonte: http://news.discovery.com/space/saturns-system-may-contain-born-again-moons-130416.htm

Pianeta bluRicordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

Ecco il link della pagina: Pianeta blu

Beautiful exotic planet earthRicordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.