Con l’influenza cosa mangiare per stare meglio in breve tempo

Nonostante tutte le precauzioni suggerite, come vaccinarsi e seguire una dieta antifreddo ricca di ortaggi e verdure, può sicuramente capitare di incorrere in una spiacevole influenza. Al di là del riposo assoluto e dei farmaci e rimedi naturali da assumere per contrastarla, l’influenza si sconfigge anche e soprattutto con l’alimentazione: ecco la dieta giusta con l’influenza e cosa mangiare per stare meglio in breve tempo.

Loading...

L’organismo è già sotto attacco del virus, quindi va rinforzato a dovere con le sostanze nutritive migliori:

la vitamina C e la vitamina E aiutano a stimolare l’attività dei linfociti, mentre i minerali come zinco e ferro aiutano la produzione degli anticorpi, consentendo all’organismo di combattere più  efficacemente il virus.

Oltre a queste macroindicazioni, è fondamentale reintegrare i liquidi persi con la sudorazione, in modo da aiutare il corpo ad “espellere” i virus influenzali: sì quindi al consumo di tanta acqua, té verde (ricco di antiossidanti), spremute di agrumi e frullati di frutta fresca, che apportano vitamine e liquidi utili a contrastare la disidratazione, specialmente se la forma influenzale si presenta anche con vomito e diarrea.

Ottimi per ristabilire la salute dello stomaco e apportare moltissimi nutrienti e minerali, i brodini di verdure o di pollo sono un classico, da consumare caldi ma non bollenti; aiutano a far tornare anche l’appetito. Alternativa più ricca e indicata a chi piace per un ottimo riciclo di verdure e brodo, i passati di verdure con l’aggiunta di poco cereale a scelta tra riso, orzo o farro.

Via libera a frutta e verdura fresche, da consumare assieme a cereali integrali che aiutano la regolarità intestinale e non affaticano la digestione: ovviamente è bene mangiare questi alimenti crudi o previa cottura semplice, come al vapore, lessi o in padella antiaderente con poco olio a crudo. Vanno privilegiati tutti quei cibi ricchi di vitamina C che aiutano le difese immunitarie a contrastare il virus e a rinforzarsi: se poi via via che l’influenza sparisce torna anche il gusto di nutrirsi, è sempre meglio farlo con criterio.

Via | Men’s Health

Foto | Flickr

Tratto da: http://www.benessereblog.it/post/26485/ecco-la-dieta-giusta-con-linfluenza-e-cosa-mangiare-per-stare-meglio#continua

Cibi ricchi di vitamina C che aiutano le difese immunitarie

Si raccomanda sempre di seguire un’alimentazione bilanciata, ricca di fibre e vegetali che apportino all’organismo tutti i nutrienti di cui ha bisogno. Tra questi un ruolo fondamentale è giocato sicuramente dalla vitamina C, elemento primario per rafforzare il sistema immunitario, prevenire l’ossidazione dei tessuti e aiutare moltissime altre importanti funzioni del nostro corpo.

Già a proposito della dieta antifreddo avevamo elencato i cibi che aiutano le difese immunitarie a combattere i primi freddi; ora ecco gli alimenti più ricchi di vitamina C per incamerarla nelle giuste quantità (l’eccesso viene eliminato naturalmente dal corpo) e non incorrere in spiacevoli raffreddori e mal di gola: i valori sono espressi in milligrammi di vitamina C presenti in 100 gr di prodotto:

  1. Ribes (200 mg)
  2. Peperoni (151 mg)
  3. Broccoli e rucola (110 mg)
  4. Kiwi (85 mg)
  5. Cavoli di Bruxelles e foglie di rapa (81 mg)
  6. Cavolfiore (59 mg)
  7. Fragole, clementine e spinaci (54 mg)
  8. Arance (50 mg)
  9. Cavolo cappuccio (47 mg)
  10. Mandarini (42 mg)

Questi elencati sono gli alimenti di uso più comune o facilmente reperibili al mercato o nella grande distribuzione; esistono dei frutti tropicali, come l’acerola, la guava, la papaia e il mango che sono ricchissimi di vitamina C ma più difficili da trovare; se avete la fortuna di viaggiare in zone di produzione di questi frutti, consumateli a volontà perché, oltre ad essere ricchi di vitamina C, sono ottimi energizzanti.

Tra le verdure vanno classificati come ricchi di vitamina C anche i peperoncini piccanti, il prezzemolo e il tarassaco; mentre quest’ultimo si può consumare in gradevoli insalate (il sapore amarognolo arricchisce molto il sapore della lattuga, inoltre è un ottimo depurativo), è ben difficile addentare peperoncini uno dietro l’altro…

Essendo la vitamina C molto volatile, è bene consumare questi alimenti appena raccolti, molto freschi. Anche il calore danneggia la stabilità della vitamina C, perché è termosensibile: nella maggior parte dei casi è quindi meglio mangiare gli alimenti crudi, laddove permesso, o cotti al vapore perché è un metodo di cottura meno aggressivo di altri. Nel caso degli agrumi e della frutta da ridurre a spremuta o centrifugati, questi andrebbero consumati appena spremuti in modo da non perdere la maggior parte della preziosa vitamina.

Via | Alberto Fatticcioni

Foto | Flickr

Tratto da:http://www.benessereblog.it/post/26311/ecco-gli-alimenti-piu-ricchi-di-vitamina-c

 

Pianeta blu

Ricordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

ecco il link della pagina: Pianeta blu

Beautiful exotic planet earth

Ricordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

Loading...