Ricerca della misteriosa opera smarrita di Leonardo da Vinci rimarrà irrisolta

Battaglia di Anghiari di ricerca

Un restauratore  illustra il lavoro sul progetto Leonardo con  il sindaco di Firenze Matteo Renzi, in qualità di ricercatori Maurizio Seracini osserva. Lo sforzo di ricerca globale per individuare il dipinto perduto di Leonardo da Vinci  “La Battaglia di Anghiari”, è stato condotto dalla National Geographic Society e University of Centro della California di San Diego della scienza interdisciplinare per l’Arte, Architettura e Archeologia (CISA3), in collaborazione con il Comune di Firenze. Credit: Photo by Dave Yoder / National Geographic. La Battaglia di Anghiari Progetto 2012.

Un mistero di lunga data di Leonardo da Vinci sul destino di un capolavoro perduto noto come la Battaglia di Anghiari – rimarrà irrisolto.L’ambizioso progetto di trovare le opere d’arte è stato messo in attesa a tempo indeterminato e l’enorme impalcature erette per la ricerca saranno smantellate  fine mese.

Loading...

I ponteggi sono stati in piedi per circa 10 mesi, di fronte a una parete affrescata nel Palazzo Vecchio, Firenze nel 14 ° secolo, nella Sala imponente dei Cinquecento. Questa era una camera costruita alla fine del 15 ° secolo per ospitare le riunioni del Consiglio di Firenze.

Proprio lì, dietro un murale noto come “Battaglia di Marciano,ci sarebbe nascosto il capolavoro di Leonardo da Vinci, in base alla diagnostica dell’esperto Maurizio Seracini, direttore del Centro della Scienza Interdisciplinare di Arte, Architettura e Archeologia presso l’Università di California, San Diego .

Creato nel15 ° secolo dal famoso pittore, architetto e scrittore Giorgio Vasari (1511-1574), il murale è stato al centro della ricerca di Seracini dal 1970.

Infine, alla fine del 2011, Seracini individua 14 aree di piccole dimensioni nella parete affrescata che potrebbero essere esplorate mediante endoscopia e chiese il permesso di indagare su di essi.

Il Ministro della cultura  ha concesso l’autorizzazione a lavorare in sette aree, lasciando la decisione di dove inserire la sonda endoscopica alla soprintendenza locale e all’Opificio delle Pietre Dure (OPD), laboratorio di arte e restauro.

Per garantire che nessun danno sarebbe stato fatto alla superficie del murale del Vasari, sono state scelte le aree che erano senza vernice originale del Vasari o erano spaccate o precedentemente restaurata.

Nel mese di gennaio, il team di Seracini ha sei fori piccoli  nell’affresco del Vasari,quindi ha inserito una sonda 0,15 pollici di larghezza e micro-telecamere e raccolto campioni di rosso, bianco, arancio e materiale nero.

“Nessuno dei sei punti di entrata scelti dall ‘Opificio delle Pietre Dure è stato tra i 14 punti originali indicati dal Prof. Seracini. Tuttavia, lui e il suo team scientifico sono stati incoraggiati dai risultati”, ha detto National Geographic, che ha patrocinato il progetto la battaglia di Anghiari , in un comunicato.

Anghiari foro

Buco da0,4 pollici è stato creato dopo un frammento di vernice sciolto dal murale Vasari rimosso dai restauratori nella zona circostante. Il punto di entrata si trovava in una fessura esistente nel murale delVasari. Credit: Photo by UCSD. La Battaglia di Anghiari Progetto 2012

Infatti, l’analisi al microscopio elettronico a scansione ha rivelato il materiale nero aveva una composizione chimica insolita di manganese e ferro. Secondo Seracini, il composto corrispondeva al pigmento nero trovato in smalti marroni nei dipinti di Leonardo: “Mona Lisa” e “‘San Giovanni Battista”.

Materiale rosso, molto probabilmente lacca rossa, è stato anche trovato. Inoltre, le immagini endoscopiche ad alta definizione hanno rivelato un materiale beige che “non potevano che essere stati applicati da un pennello”, ha detto il ricercatore.

Secondo Seracini, l’endoscopia ha anche fornito la prova visiva di un traferro, previamente individuato dalla scansione radar, tra La Battaglia di Marciano e la parete dietro di esso. Questo suggerisce che il Vasari lo ha creato intenzionalmente per preservare il capolavoro di Leonardo.

L’ipotesi più intrigante aggiunta al capolavoro perduto di Leonardo da Vinci.

Descritto come “la storia di grande mistero del Rinascimento” dal sindaco di Firenze Matteo Renzi, la Battaglia di Anghiari è stata concepito nel 1503, quando Leonardo e Michelangelo hanno ricevuto commissioni per dipingere due storiche vittorie fiorentine su pareti opposte di Palazzo Vecchio a Firenze.

Anche se  Michelangelo non ha passato uno schizzo della sua “Battaglia di Cascina”, Leonardo iniziò a dipingere il fulcro della” Battaglia di Anghiari “,il 6 giugno 1505, quando aveva 53 anni.

“Rappresentare vividamente la rabbia e la furia sia degli uomini e dei cavalli”, come il Vasari scrisse nel 1550nel suo libro “Vite degli artisti”, dal12 al 15 piedi del murale avrebbe celebrato la vittoria di Firenze sulle truppe milanesi nel 1440.

Vasari ha riferito che Leonardo ha abbandonato il progetto a causa di problemi tecnici derivati dalla sua miscelazione sperimentale di pittura ad olio per l’affresco.

Gli storici, tuttavia, hanno messo in dubbio la sua conclusione. Alcuni hanno speculato che il Vasari fatto la storia, e che in realtà l’affresco è stato completato.

Acclamato dai contemporanei di Leonardo come la sua opera più bella, la “Battaglia di Anghiari” sopravvive oggi in diversi disegni preparatori e schizzi dal Maestro stesso e in un disegno di Rubens , che è stato ispirato da una copia anonima dell’affresco.

Dieci anni dopo aver scritto il suo racconto della “Battaglia di Anghiari”, il Vasari è stato assunto per modificare la sala del consiglio nella Sala dei Cinquecento, una sala dedicata alla famiglia regnante dei Medici. Nel corso di questo lavoro, il murale di Leonardo scomparve.

Non era l’unica l’opera d’arte a dissolversi.

Il piano di ristrutturazione della città messo a punto dal duca Cosimo I per celebrare la famiglia dei Medici,portò il Vasari ha  sacrificare capolavori quali la Trinità di Masaccio nella chiesa di Santa Maria Novella.

Tuttavia, egli non ha distrutto il lavoro, ha appena murato e aggiunto il suo affresco, la “Madonna del Rosario”.

Masaccio rimase oscurato fino al 1861, quando la parete del Vasari è stata rimossa.

Anghiari muro

L’immagine endoscopica del traferro che conferma l’esistenza tra il muro originale in sala Palazzo Vecchio del 500 e la parete su cui è stato dipinto il murale Vasari. Credit: Photo by UCSD. La Battaglia di Anghiari Progetto 2012

Nel 2000, in una conferenza  su Da Vinci,  lo studioso Carlo Pedretti ha proposto che il Vasari ha salvato il capolavoro di Leonardo proprio come aveva fatto per Masaccio.

La conferenza viene richiesta a Seracini di eseguire esami sofisticati che hanno coinvolto l’uso del laser scanner, macchine a raggi X, e attrezzature termografiche e radar.

Il Seracini trova un marrone-come indizio nella scatola a muro della “Battaglia di Marciano”. Lì, su una piccola bandiera dipinta di verde, Vasari ha scritto:”cercate e troverete”.

Le tracce di vernice trovate dietro affresco del Vasari rappresenta “un risultato storico, una pietra miliare”, secondo Renzi.

Tuttavia, per continuare il loro lavoro, i ricercatori hanno richiesto gli esami chimici più sofisticati come la tomografia da XRD / XRF presso la European Synchrotron Radiation Facility, a Grenoble, Francia.

Renzi ha recentemente chiesto il permesso alle autorità italiane di riprendere e portare a compimento la ricerca, ma una polemica era già sorta rispetto all’approccio invadente.

Cecilia Frosinini , direttore sezione dipinti murali presso l’Opificio, immediatamente rassegna le dimissioni in segno di protesta dal progetto.

“E ‘una questione etica. Dovrei proteggere le opere d’arte, e qui vi è un intervento invasivo sulla pittura”, ha scritto Frosinini.

In seguito la sua reazione, molti storici dell’arte hanno firmato una petizione per chiedere di fermare la perforazione e anche mettere in discussione la possibilità che l’affresco è stato effettivamente nascosto dietro murale del Vasari.

“Vasari non avrebbe mai coperto un lavoro di un artista che ammirava così tanto nella speranza che un giorno qualcuno lo avesse cercato e trovato. Ci si potrebbe aspettare una tale ipotesi da Dan Brown, non certo da storici dell’arte,” Tomaso Montanari, uno storico dell’arte presso l’Università Federico II di Napoli, ha detto.

Questa estate, la saga sull’affresco  perduto di Leonardo da Vinci ha preso il colpo di scena finale.

Cristina Acidini, Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino, ha risposto a Renzi, autorizzando l’indagine endoscopica di un settimo foro in una zona senza vernice originariamente identificato dalla OPD, ma ha escluso la possibilità di effettuare fori come richiesto dal team scientifico .

In risposta, Renzi ha deciso di sospendere il progetto in attesa.

In una lettera molto polemica al ministro della cultura Lorenzo Ornaghi, Renzi,  ha dichiarato: “se il governo ha paura di autorizzare questo restauro, che sarebbe autorizzato in qualsiasi altro luogo in qualsiasi punto del tempo, aspetteremo “.

Pochi giorni fa, Acidini ha dato il via libera per riempire i sei fori dell’affresco del Vasari e smontare i ponteggi.

“Questo è come finisce, a colpi di stucco e vernice, la ricerca del mitico lavoro di Leonardo”, il quotidiano La Repubblica ha scritto.

Di Rossella Lorenzi

Fonte: http://news.discovery.com/history/leonardo-da-vinci-mystery-lost-masterpiece-battle-of-anghiari-120922.html

Pianeta blu

Ricordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

ecco il link della pagina: Pianeta blu

Beautiful exotic planet earth

Ricordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

Loading...