Uno studio spinge indietro la nascita della cultura dell’uomo moderno di 20.000 anni

La ricerca condotta nella caverna sudafricana Border Cave ha dimostrato che la cultura dell'uomo moderno è più antica di 20.000 anni (fonte:  Paola Villa, Università del Colorado)

La ricerca condotta nella caverna sudafricana Border Cave ha dimostrato che la cultura dell’uomo moderno è più antica di 20.000 anni (fonte: Paola Villa, Università del Colorado)

La cultura dell’uomo moderno è nata molto prima di quanto si pensasse, ben 44.000 anni fa. Lo dimostrano i manufatti scoperti nella grotta Border Cave in Sudafrica e analizzati da un gruppo internazionale al quale l’Italia partecipa con l’università di Pisa. I risultati dello studio sono pubblicati sulla rivista dell’Accademia delle scienze degli Stati Uniti, Pnas.
La datazione dei reperti e dei resti organici rinvenuti ai piedi dei monti Lebombo a KwaZulu-Natal, vicino al confine tra Sudafrica e Swaziland, ha permesso di retrodatare di quasi 20.000 anni l’ultima fase dell’età della pietra e la nascita della cultura dell’uomo moderno.

Alcuni manufatti rinvenuti nella caverna sudafricana (fonte: Francesco d’Errico e Lucinda Backwell)

La conferma è arrivata dai manufatti prodotti dagli abitanti di questa antica caverna, incredibilmente simili a quelli del popolo africano San, i cosiddetti boscimani.
”Usavano adornarsi con uova di struzzo e monili fatti di conchiglie marine, e incidevano le ossa per fare i conti”, spiega Lucinda Backwell, dell’università sudafricana di Witwatersrand. ”Modellavano delle sottili punte di osso da usare come punteruoli e punte di freccia avvelenate. Una in particolare – precisa l’esperta – è decorata con una scanalatura a spirale riempita con l’ocra rossa, una decorazione molto simile ai segni usati dai boscimani per riconoscere le loro punte di freccia per la caccia”.

Manufatti rinvenuti nella caverna sudafricana a confronto con le tecniche di lavorazione dell’attuale popolazione San(fonte: Francesco d’Errico e Lucinda Backwell)

Nella grotta sono state trovate inoltre le tracce che testimoniano il più antico uso del veleno: in questo caso si tratta di una sostanza tossica estratta dai semi di ricino e impiegata per intingervi le punte di lance e frecce per la caccia. Sempre nello stesso sito archeologico sono presenti le tracce che provano l’uso più antico al mondo della cera d’api, qui impiegata insieme a una resina e a fibre vegetali per creare l’impugnatura degli utensili.

Loading...

Fonte: http://ansa.it/scienza/notizie/rubriche/biotech/2012/07/31/cultura-uomo-moderno-piu-antica-20-000-anni-_7264075.html?idPhoto=1

 

 

Ricordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

ecco il link della pagina: Pianeta blu

Immagine del profilo

Da oggi su facebook trovate una  nuova pagina di pianeta blu: Beautiful exotic planet earth.

La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Questa pagina non ha alcuna finalità di lucro o politica.

ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

 

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.