Atlantropa

Atlantropa Sörgel

Uno dei progetti più strani e ciclopici mai immaginati dall’uomo fu il parto della mente di Hermann Sörgel, un architetto che negli anni ’20 del secolo scorso propose l’idea di “Atlantropa” (o “Panropa”), un blocco geopolitico ed economico che avrebbe incluso Europa, parte del Medio Oriente e il Nord Africa.

Sörgel era preoccupato del fatto che si stessero formando due blocchi globali: il blocco Americano, e il blocco emergente Pan-Asiatico. Se l’Europa non fosse riuscita a divenire autosufficiente, ne avrebbe gravemente risentito a livello economico e politico.

Inglobare l’Africa, secondo Sörgel, avrebbe consentito all’Europa di ottenere tutto ciò che mancava nel nostro continente. Come realizzare, a livello pratico, un’idea del genere? Sörgel pensò alla costruzione di una diga enorme, che bloccasse il Mediterraneo all’altezza dello Stretto di Gibilterra chiudendo di fatto il mare che bagna la parte settentrionale dell’Africa e le regioni meridionali europee.

Loading...

AtlantropaLa diga (in realtà, una serie di dighe), oltre a generare un quantitativo enorme di elettricità, avrebbe abbassato di circa 200-300 metri il livello medio del Mediterraneo, creando nuove zone sfruttabili dall’uomo. La regione più settentrionale del Mare Adriatico, per esempio, sarebbe finita completamente sopra al livello delle acque. In totale, Sörgel progettava di creare oltre 660.000 chilometri quadrati di nuova terra.

La Sicilia, grazie all’abbassamento delle acque, sarebbe stata direttamente connessa con la Calabria, e tramite un ponte anche con la Tunisia. Corsica e Sardegna avrebbero costituito un corpo unico molto vicino alla Toscana, che nel frattempo avrebbe inglobato l’isola d’Elba.

Le nuove terre sarebbero state utilizzate per l’agricoltura, come terreni edificabili, per la generazione di energia. Sörgel ideò anche una gestione delle acque che consentisse di irrigare parte delle regioni nordafricane, una serie di protezioni per siti culturalmente importanti come Venezia, tracciò addirittura uno schema di massima della griglia elettrica che, secondo la sua idea, avrebbedovuto portare l’elettricità in ogni più remoto angolo di Atlantropa.

Atlantropa
La cosa curiosa è che Sörgel, nonostante tutte le mappe, i progetti e i modelli in scala realizzati in quasi 30 anni, non considerava come importanti o degni di troppa attenzione “dettagli” come terremoti, cambiamenti climatici locali o di portata più vasta, e la sorte dei popoli africani coinvolti involontariamente nel progetto.

Alla nascita dell’idea di Atlantropa (intorno al 1929), il progetto non era considerato del tutto impossibile. Alcuni ritenevano che fosse un’idea fattibile, seppur con un enorme sforzo economico di tutto il Mediterraneo.
Si venne a creare anche un movimento di sostegno al concetto di Atlantropa, un movimento fondamentalmente pacifista, ma con una logica neocoloniale e addirittura razzista (si affermava ben chiaramente la superiorità della razza bianca, per cui immaginate che gran fortuna sarebbe stata per l’Africa essere parte di Atlantropa…).

Nonostante il movimento di supporto, l’idea di Atlantropa non venne mai resa concreta da nessuno, e fu bollata come una sorta di fantasia su scala continentale di un espansionismo europeo verso sud.

Fonte:A Monumental and Fantastically Bad Idea: Draining the Mediterranean

Fonte:http://www.ditadifulmine.net/2011/04/atlantropa.html#.UrqopdLuIb0

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.

Segui anche il nostro blog http://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca!

Loading...

  • massimo sottile

    Buongiorno a tutti
    innanzi tutto vorrei complimentarmi con l ideatore di questo sito e ringraziarlo . Ho trovato molte notizie interessanti e collegandole alle mie mi sono chiesto se veramente fosse possibile costruire queste ipotetiche dighe sullo stretto di Gibilterra. Pensate a questo come un ipotetico risolutore del problema di Venezia ……..non sarebbe una cattiva idea e poi si creerebbe molta energia gratis per tutti e l intero sistema potrebbe giovarne . Nuove terre , inserimento delle regioni meno sviluppate come Sicilia e Sardegna ed a sua volta si comincerebbe a pensare ad una vera unione tra i popoli cosi da eliminare questa guerra mentale tra Nord e Sud .Cambiando tutto questo Sistema CORROTTO e manipolatore che ci costringe di essere schiavi del petrolio . Ma sono sicuro che tutto questo finira presto perche la Gente sta cominciando a capire che non sono i Soldi a far girare il mondo ma solo un po di intelligenza e di voglia di fare . Ci sono ormai metodi per produrre energia illimitata da anni . Abbiamo la tecnologia dalla nostra parte e dobbiamo usarla a fin di bene e nel modo giusto . Ma la cosa piu importante e capire che prima di tutto va rispettata la VITA e nel nostro caso quella Umana e come e’ sempre stato bisogna togliere il Potere a Quei pochi che Governano il Mondo e l unico modo per farlo e’ di uscire completamente dall uso del petrolio .Un saluto a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.