loading...

5 metodi infallibili per sapere se il miele che acquistiamo è vero o falso

Molti produttori di miele,spesso  lo diluiscono, vendendolo  però come puro. Queste 5 prove ci  aiuteranno a distinguere il miele puro da quello  adulterato .

Se siamo  consumatori abituali di miele,certamente sappiamo che è un prodotto molto apprezzato e, quindi, a volte, è piuttosto costoso. Il motivo è che è composto da minerali, sostanze nutritive ed enzimi che sono molto benefici per la salute,tanto che  risulta anche un naturale sostituto dello zucchero.

Ma c’è un problema: la qualità e la  purezza  di questo prodotto naturale sono  difficili da individuare. Il miele di migliore qualità  proviene dalle api, quindi, quando acquistiamo  del  miele,dobbiamo assicurarci di leggere sul barattolo le parole “naturale”, “miele di bosco” o “biologico”. Tuttavia,le indicazioni sul barattolo non  sempre sono  affidabili, poiché i produttori approfittano delle scappatoie legali per inserire etichette ambigue.

Per sapere una volta per tutte se il miele che abbiamo a casa è puro e di qualità,possiamo seguire  questi suggerimenti. 

miele

Thumb test

Uno dei modi migliori per verificare se il miele è puro, è quello di mettere un po ‘di miele sul pollice e controllare se è denso e viscoso  o se è un liquido meno denso.

Se il miele è meno denso significa che non è puro, il vero miele è denso e viscoso, mentre l’adulterato è più liquido, anche se il suo sapore persiste a causa della grande quantità di zucchero che viene aggiunto a quest’ultimo.

Test dell’acqua

Versare un cucchiaio di miele in un bicchiere d’acqua. Se il miele rimane sul fondo del contenitore, significa che è vero miele, poiché il miele puro è denso e, per dissolversi, deve essere mescolato costantemente, mentre il miele adulterato, poichè è più liquido, si dissolverà insieme con l’acqua

miele

Test del fuoco
Il miele puro è  infiammabile, quindi, se si ha intenzione di eseguire questo test,bisogna  farlo con molta cautela. Prendiamo un po ‘di cotone e mettiamo sopra ad esso un pò di  miele.

Prendiamo un accendino e facciamo in modo che il miele entri in contatto con il fuoco. Se si accende, è puro miele, se no, è adulterato.

Prova dell’ aceto

Mescolare un cucchiaio di miele con un po ‘d’acqua e 2 o 3 gocce di aceto. Se il risultato di questa miscela crea una sorta di schiuma, allora questo miele è stato adulterato. Non è puro.

Test del calore

Quando si riscalda del miele puro, si caramella immediatamente, ma se è falso, bollirà, evaporando.

miele

Se non abbiamo  voglia di fare nessuno di questi test, possiamo rivedere la semplice composizione fisica del prodotto, ad esempio la sua consistenza, che dovrebbe essere morbida ma densa, il suo odore dolce o la sensazione di formicolio alla gola quando lo si consuma.

Ci sono altri test che gli esperti usano per determinare il grado di purezza, ma questi sono i più pratici e quotidiani.

Non dimentichiamo di sostenere i nostri apicoltori locali,che producono miele puro, di buona qualità.

FONTE:

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *