Le ondate di caldo marine sono dovute all’attività umana e sono 20 volte più frequenti

Se non ci poniamo obiettivi climatici ambiziosi, scompariranno alcuni preziosi ecosistemi marini Secondo lo studio “High-impact marine heatwaves attributable to human-induced global warming”, pubblicato su Science da Charlotte Laufkötter, Jakob Zscheischler, Thomas Frölicher dell’Oeschger-Zentrums für Klimaforschung (OCCR) dell’Universität Bern, a causa dell’attività antri opica, le ondate di caldo nei mari del mondo sono diventate 20 volte più frequenti, distruggendo gli ecosistemi marini […]

» Read more

Record di UFO su New York durante il lockdown

Gli UFO preferiscono New York. È una delle curiosità che emergono dal database del National UFO Reporting Center, un’organizzazione privata statunitense che studia gli avvistamenti di oggetti volanti non identificati attiva dal 1974. La metropoli americana che ha affrontato il più lungo e difficile lockdown di tutti gli Stati Uniti è stata quella con il maggior numero di avvistamenti registrati finora in questo 2020 (per […]

» Read more

Marte, nuova scoperta italiana trovata la presenza di laghi sotterranei

Grazie al radar Marsis dell’orbiter Esa Mars Express, un team guidato da Sebastian Emanuel Lauro ed Elena Pettinelli dell’Università di Roma Tre ha confermato la presenza di un complesso sistema di laghi d’acqua salata sotto la calotta del polo sud marziano. Roberto Orosei (Inaf): «Potrebbero conservare ancora oggi le tracce di eventuali forme di vita» A due anni dalla scoperta […]

» Read more

Clima, l’allarme dell’ESA: due ghiacciai stanno crollando, “primo passo verso la disintegrazione di questi colossi” [VIDEO]

Le immagini satellitari hanno rivelato che due dei ghiacciai in più rapida evoluzione in Antartide si stanno fratturando e indebolendo più velocemente che mai I ricercatori hanno esplorato i ghiacciai Pine Island e Thwaites nell’Amundsen Sea Embayment, nella regione occidentale dell’Antartide, scoprendo un peggioramento nelle fratture.I due ghiacciai sono tra i più dinamici del continente antartico e responsabili di un sostanziale 5% dell’innalzamento del livello […]

» Read more