Dipendenza da zucchero: segni per identificarlo e le chiavi per combatterlo

Senza saperlo, abbiamo aumentato l’assunzione di zucchero. Ecco una guida per rivedere e migliorare la qualità del nostro cibo.

Lo zucchero è necessario per sopravvivere,infatti le nostre cellule hanno bisogno di glucosio per il carburante. Il problema con lo zucchero è che è troppo disponibile e consumato in eccesso nella nostra società, perché tendiamo a scegliere alimenti pratici, economici e facili da raggiungere. Lo possiamo trovare in luoghi insoliti come le farmacie, in forme elaborate, semplici e artificiali. 

Loading...

Ciò può portare a una vasta gamma di problemi di salute, alti livelli di zucchero nel sangue e aumento di peso. Quando si tratta di consumo di zucchero, la consapevolezza è la chiave. Quindi, prima di iniziare a parlare di dipendenza, ti sei mai chiesto quanto zucchero mangi effettivamente? Sai quanto è grave?

Negli ultimi 40 anni, abbiamo aumentato l’apporto calorico di circa 500 chilocalorie (kcal) al giorno, ovvero consumiamo 500 kcal in più rispetto a prima. Tutto questo aumento è dovuto allo zucchero e allo sciroppo di mais ad alto fruttosio (HFCS): un tipo di zucchero completamente artificiale che viene aggiunto praticamente a tutto. Dai biscotti e prodotti da forno a salse e condimenti.

Il cibo nei ristoranti e sugli scaffali dei supermercati tende oggi ad avere così tanto zucchero che aumentiamo il nostro consumo quasi senza accorgercene. Prestare attenzione alla quantità di zucchero che consumiamo in un giorno medio , può aiutarci a svelare se siamo consapevoli della quantità che mangiamo.

PER SAPERE SE SIAMO DIPENDENTI DALLO ZUCCHERO, DOVREMO FARE UNA PICCOLA RICERCA

Dove iniziare? Innanzitutto, possiamo leggere l’elenco degli ingredienti degli alimenti che abbiamo a casa. Lì potrai identificare zuccheri aggiunti di ogni tipo: sciroppi, HFC, glucosio, zucchero, maltosio, maltodestrine, destrosio e molti altri.

Ma fondamentalmente, dovresti ascoltare il tuo corpo e iniziare a prestare attenzione al tuo livello di energia e all’umore dopo aver mangiato. Il nostro corpo è molto intelligente, ma a volte ci dimentichiamo di ascoltarlo.

L’elevato consumo di zucchero provoca un aumento del rilascio di dopamina : un neurotrasmettitore che agisce nel sistema nervoso centrale e fa parte del sistema di ricompensa, generando piacere e soddisfazione. Più zucchero mangiamo, più dopamina viene rilasciata. Ma man mano che il consumo aumenta e continua nel tempo, si sviluppa una “resistenza” a questo segnale della dopamina: abbiamo sempre più bisogno di avere la stessa sensazione di soddisfazione . Con questo meccanismo si verificano dipendenze.

Se mangi molti dolci e senti che non riesci a smettere e il tuo umore ed energia sono spesso bassi, potresti essere dipendente dallo zucchero.

I SEGNI POSSONO INCLUDERE

• Il “crollo pomeridiano” in cui la tua energia raggiunge il picco subito dopo pranzo e poi precipita.

• Voglie di zucchero e carboidrati come il famoso “Ho bisogno di qualcosa di dolce”.

• Focolai di irritazione, disagio, ansia o depressione, che spesso si dissipano dopo aver mangiato dolci.

• Crescita eccessiva di lieviti o batteri: disbiosi e alterazioni del microbiota intestinale.

• Infiammazione o dolore alle articolazioni.

Spesso questi sono il risultato della dipendenza da zucchero. È importante consultare il medico quando si verifica uno di questi sintomi.

Se sei sotto la dipendenza da zucchero, può essere difficile interrompere il ciclo, ma non è impossibile. Puoi farlo cambiando la tua dieta e stile di vita . Questo ti aiuterà a bilanciare i livelli di zucchero nel sangue, cioè la glicemia. Questo è importante indipendentemente dal fatto che tu abbia il diabete. Soprattutto perché ti permetterà di tenere a bada le voglie e raggiungere o mantenere un peso sano nel tempo.

L’aumento di peso e lo squilibrio nei livelli di zucchero nel sangue si influenzano a vicenda, perché gli ormoni che indicano fame e sazietà sono influenzati dalla glicemia e dalle nostre abitudini.

6 MODI PER RITROVARE L’EQUILIBRIO

1. Eliminare lo zucchero (in particolare HFC e dolcificanti artificiali).

2. Aggiungi cibi ricchi di nutrienti, come proteine ​​di alta qualità, verdure e grassi sani, pochi minuti prima di mangiare carboidrati.

3. Aggiungi fibre solubili (sì, più verdure) per bilanciare i livelli di zucchero nel sangue e insulina.

4. Dormi almeno 7-8 ore ogni notte. Quando dormiamo poco o male, aumentano le voglie di dolci e carboidrati. Scarse ore o scarsa qualità del sonno sono associate ad un aumentato rischio di diabete e obesità.

5. Combina i carboidrati e gli zuccheri che mangi con grassi e / o proteine.

6. Muoviti! L’esercizio fisico regolare aiuta a ridurre i livelli di zucchero nel sangue e quindi riduce l’appetito per i dolci.

In conclusione: un’elevata assunzione di zucchero può causare squilibri di zucchero nel sangue, influenzare l’umore e innescare una risposta esagerata allo stress. Ma fondamentalmente, ricorda che mangiare zucchero ti fa desiderare più zucchero.

Valeria Lopez

Fonte: www.bioguia.com/salud/adiccion-azucar_79587559.html

SEGUICI SENZA CENSURA SU TELEGRAM

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...