Il sonnellino pomeridiano: fa bene a mente e cuore e riduce moltissimo i livelli di stress

La società contemporanea ci toglie sempre più tempo ed energie: il lavoro telematico talvolta ci obbliga a restare svegli e attenti anche nelle ore demandate al riposo; la dipendenza da smartphone ci impone di tenerli accesi in ogni momento; i giochi multiplayer ci rubano il sonno, prevedendo operazioni che, per riuscire, vanno fatte a notte fonda. Se tutto questo è vero, è però anche vero che possediamo un valido aiuto: il sonnellino pomeridiano.

Secondo la National Sleep Foundation (NSF), un’organizzazione no-profit che si occupa di disturbi del sonno, il sonnellino pomeridiano può essere un valido aiuto per prevenire problemi di salute dovuti alla deprivazione di sonno. In particolare, il pisolino può aiutare a recuperare energie mentali, migliorando la nostra concentrazione, e malattie cardiovascolari, abbassando la pressione sanguigna e riducendo lo stress.

La NSF ha descritto tre tipologie di sonnellino:

Loading...

Programmato: un riposo introdotto nell’arco della giornata per recuperare una notte passata in bianco o un week-end in cui si è andati a dormire molto tardi.

D’emergenza: utilizzato soprattutto da chi fa lavori notturni o che occupano più di 8 ore al giorno e che serve per recuperare le energie prima di tornare a lavoro.

Abituale: fatto ogni giorno, alla stessa ora, per la stessa quantità di tempo. È il più comune.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

My whole world in one picture ❤️ . #naptime #nap #daddysgirl #dad #daughter #mylove #mywholeworld #fiance

Un post condiviso da Róża M. (@rozka_m92) in data:

 

Uno studio della Harvard Medical School, ha rilevato che gli uomini adulti che fanno un sonnellino pomeridiano almeno 3 volte a settimana hanno il 37% di probabilità in meno di avere complicazioni cardiovascolari. La NASA ha invece svolto una ricerca su 747 piloti e ha scoperto che un riposo di 40 minuti aumenta i livelli di attenzione del 16%.

Ovviamente, ogni riposo ha i suoi benefici. Infatti:

Riposare 20 minuti: migliora la memoria, la prontezza mentale e le capacità di apprendimento motorio.

20/30 minuti: aumenta la creatività.

30/60 minuti: migliora la capacità decisionale.

60/90 minuti: è il riposino più benefico poiché permette di raggiungere la fase REM, ma ha una controindicazione: è altamente sconsigliato per chi ha difficoltà ad addormentarsi perché può disturbare il sonno notturno.

Un pisolino pomeridiano è il modo migliore per recuperare una nottataccia o un week-end in cui si è andati a dormire tardi; ha effetti benefici sulla nostra psiche e sul nostro corpo, aiutandoci a concentrarci meglio, a ridurre lo stress e ad abbassare la pressione arteriosa. Avete già il vostro cuscino sotto braccio?

Fonti:

Fonte: www.curioctopus.it 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...