loading...

Scoperto il codice di auto-distruzione delle cellule tumorali: la chemio potrebbe andare in pensione

cellule

I ricercatori della Northwestern University, negli Stati Uniti, hanno pubblicato uno studio in cui affermano di aver decifrato il codice che porta le cellule del nostro organismo all’autodistruzione. Si tratta di un meccanismo naturale molto antico, risalente a circa 800 milioni di anni fa, che ha il compito di proteggere il corpo dalla diffusione delle malattie.

I ricercatori hanno trovato un risvolto pratico molto interessante a tale meccanismo, che ha a che fare con un’ipotetica cura anticancro. 

immagine: pixabay.com

Il processo naturale di autodistruzione sembra non funzionare con le forme più aggressive di cancro, sempre più diffuse al giorno d’oggi: i ricercatori hanno però individuato il modo di riattivarlo in maniera molto poco invasiva. Tutto questo potrebbe voler dire indurre al suicido le cellule tumorali, senza andare ad intaccare la salute di quelle sane.

Diversamente dalla chemioterapia, che coinvolge indistintamente le cellule sane e maligne, si tratta di una terapia molto più mirata, che salvaguarda la salute del paziente.

“Adesso che conosciamo il codice di autodistruzione, possiamo modulare il meccanismo senza dover ricorrere alla chemioterapia e senza andare a manipolare il genoma”, ha detto il dottor Marcus E. Peter, autore principale dello studio. “Il mio obiettivo non era tirare fuori un’altra sostanza artificiale. Volevo solo seguire il percorso naturale, un meccanismo a cui la natura aveva già pensato”, ha poi aggiunto lo stesso.

Il codice si trova custodito all’interno dell’acido ribonucleico – l’RNA – delle cellule: ai ricercatori basterà duplicare la sequenza, introdurla nelle cellule maligne e attivare la distruzione spontanea. La modifica in laboratorio dell’RNA permetterà anche di progettare un codice di gran lunga più potente di quello sintetizzato dalla natura.

Source:

 

Fonte: www.curioctopus.guru 

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

loading...