Scienziati scoprono come invertire l’invecchiamento nei topi

I ricercatori hanno identificato un meccanismo cellulare che permette di invertire l’invecchiamento nel DNA del topo e a proteggerlo da danni futuri.

Hanno dimostrato che dando un particolare composto ai topi più anziani, si può attivare il processo di riparazione del DNA e non solo per la protezione contro danni futuri, ma riparare gli effetti esistenti dell’invecchiamento. E sono pronti a iniziare i test sugli esseri umani entro sei mesi.

“Le cellule dei topi erano indistinguibili da quelli dei giovani topi dopo una sola settimana di trattamento”, ha detto il ricercatore David Sinclair della University of New South Wales (UNSW), Australia, e la Harvard Medical School, Stati Uniti d’America. “Siamo più vicini ad un farmaco anti invecchiamento è se le prove vanno bene sarà sul mercato fra 3 -5 anni. “

Loading...

Sinclair e la sua squadra sono apparsi in prima pagina nel 2013, quando hanno scoperto che le cellule giovani dei topi contiene più nicotinamide adenina dinucleotide, o NAD +, rispetto ai loro colleghi più anziani.Non solo, quando hanno dato ai topi più anziani più NAD +, sembravano più giovane, anche troppo.

Era una grande novità, al momento, ma una delle cose più difficili della medicina è che, per dimostrare che qualcosa può agire come un potenziale trattamento, è necessario prima capire come agisce nel corpo. E anche se i ricercatori sapevano che il NAD + stava avendo un effetto sorprendente, non hanno potuto dire con certezza come stava facendo.

Ora Sinclair e la sua squadra hanno lanciato un nuovo studio, che descrivono in dettaglio il meccanismo con cui NAD + protegge il DNA dai danni causati dall’ invecchiamento e la radiazione nei topi.

Come funziona

Quando siamo nati, tutte le nostre cellule avevano la capacità di riparare i danni al DNA, lo sperimentiamo costantemente attraverso mutazioni casuali quando le nostre cellule si dividono o quando andiamo fuori al sole.

Ma con l’età, la nostra capacità di correggere questi danni diminuisce, e di conseguenza la nostra età cellule. Ciò che i ricercatori hanno dimostrato in questo ultimo studio è che molti di questi danni sono ridotti a un composto di riparazione del DNA chiamato PARP1. Quando c’è un sacco di NAD + in una cella, PARP1 fa il suo lavoro e mantiene il nostro DNA sano. Ma quando il NAD + cade naturalmente con l’età, PARP1 comincia a declinare, e aumentano i danni.

Per vedere se potevano trarre vantaggio da questo meccanismo cellulare, Sinclair e il suo team hanno sviluppato un farmaco che contiene il precursore NAD +, noto come NMN, o mononucleotide nicotinamide. Nei topi, NMN messo in animali più vecchi è stato sufficiente per mettere la riparazione del DNA in azione e anche a invertire il danno esistente esso.

Protezione dalle radiazioni

I ricercatori hanno in programma di testare un farmaco simile negli esseri umani prima della fine dell’anno – non solo per scopi anti-invecchiamento, ma anche per proteggere contro i danni del DNA di qualsiasi tipo. In effetti, il team sta collaborando con la NASA per vedere se il NMN potrebbe aiutare a proteggere i loro astronauti dalle radiazioni spaziali nel loro viaggio di quattro anni su Marte, durante la quale si stima che il 5%  delle cellule degli astronauti muoiono e le loro possibilità di avere il cancro si avvicinerebbe al 100%.

Il farmaco può anche essere utile per gruppi particolarmente vulnerabili agli effetti delle radiazioni, come i comuni passeggeri di aerei e quelli che subiscono CT frequente o radiografie. “L’idea è quella di proteggere il corpo da esposizione alle radiazioni qui sulla terra, causati naturalmente o dalla medicina”, ha dichiarato Sinclair. “Se dovessi fare una radiografia o una TAC, vorrei avanzare NMN.”

I sopravvissuti di cancro infantile possono anche beneficiarne – attualmente, il 96% di queste persone inizia a soffrire di una malattia cronica intorno all’età di 45 anni, comprese le malattie cardiovascolari, il morbo di Alzheimer, o tumori estranei al cancro originale.

“Tutto questo si aggiunge al fatto che essi hanno accelerato l’invecchiamento, che è devastante”, ha detto uno dei ricercatori, Lindsay Wu. “Sarebbe bello fare qualcosa al riguardo, e crediamo che possiamo con questa molecola.”

Prima di essere troppo euforici, però, dobbiamo tenere a mente che molti, molti studi sui topi non vengono replicati negli esseri umani. Quindi, fino a quando i risultati di studi clinici iniziali sulle persone non cominciano ad apparire, non c’è alcuna promessa che il NMN aiuterà a proteggere il DNA umano. Ma la comprensione del DNA  e del meccanismo di invecchiamento è un grande passo per una migliore comprensione di come mantenere le nostre cellule sana più a lungo, e questo è molto eccitante. [Science Alert ]

Fonte: hypescience.com

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.