Perché mangiare cachi fa bene

Il frutto tipico dell’autunno apporta buone quantità di minerali importanti, soprattutto potassio, e basse quantità di quelli tossici. Ma la varietà fa la differenza

816436_f830c0c00b_z.jpg

 

È originaria della Cina, ma pare avere trovato il suo habitat ideale anche sulle sponde del Mediterraneo. Si tratta della pianta di cachi (Diospyros kaki l.) che oggi, non a caso, viene ampiamente coltivata in Spagna: nel 2012 ben 9.560 ettari sono stati dedicati al frutto dal caldo colore rosso aranciato, di cui oltre l’80% coltivati nella regione di Valencia. Forse è per questa ragione che l’Università di Valencia ha condotto uno studio sui benefici del tipico frutto autunnale, e in particolare sul suo contenuto in sali minerali, analizzando quasi 170 varietà.

Loading...

La ricerca, pubblicata su Food Chemistry, ha analizzato le proprietà nutrizionali di 167 campioni provenienti da diverse regioni spagnole, prodotti fra il 2010 e il 2011. E il risultato ci dice che mangiare cachi fa bene alla nostra salute, perché apporta delle buone quantità dei minerali di cui abbiamo bisogno: una porzione di 400 grammi contiene infatti fino al 10% dell’apporto giornaliero raccomandato di calcio, fino al 15% di quello di ferro e magnesio, fino al 30% di quello di potassio e rame. Al contempo, i livelli di sodio e zinco sono molto bassi (fino all’1% e al 4%, rispettivamente).

Dallo studio è emerso anche che le diverse varietà di cachi non sono per nulla equivalenti, chimicamente parlando. La migliore per l’apporto di minerali è risultata quella definita Rojo Brillante di origine protetta (con la denominazione Kaki Ribera del Xúquer) proveniente dall’area di Ribera. Pare che Rojo Brillante sia molto ricercato per il suo valore alimentare ed economico. Le particolari condizioni climatiche di questa zona appaiono le migliori amiche dei cachi: la regione vanta la produzione locale di 25 milioni di kg/anno, complici le temperature miti, il livello delle precipitazioni annuali e l’efficace protezione delle montagne.

Riferimento: DOI: 10.1016/j.foodchem.2014.09.076

Photo Credits: king nikochan via Compfightcc

Di Paola Abruzese

Fonte:http://www.galileonet.it/articles/54536ef9a5717a4759000051

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter. Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.