Cile: i ghiacciai si sciolgono e rivelano scheletri di rettili marini

vertebra di ittiosauro ritrovata in cile
Decine di scheletri quasi completi di rettili marini preistorici sono stati scoperti nei pressi di un ghiacciaio fuso nel Cile meridionale.

Gli scienziati hanno trovato 46 esemplari provenienti da quattro diverse specie estinte di ittiosauri. Queste creature, il cui nome greco significa “lucertole di pesce,” erano un gruppo di grandi rettili marini vissuti durante il Mesozoico, circa 245 a 90 milioni di anni fa.

Gli scheletri di recente scoperta comprendono embrioni e resti di esemplari adulti. Le creature, probabilmente uccise nel corso di una serie di frane catastrofiche, sono state conservate nei sedimenti di acque profonde che sono state successivamente esposte dal ghiacciaio fusione, hanno detto i ricercatori nello studio, pubblicato il 22 maggio sulla rivista Geological Society of America Bulletin.

Loading...

Gli ttiosauri avevano corpi a forma di siluro con pinne verticali, e musi lunghi con i denti.

“Sembrano un po ‘come i delfini”, ha dichiarato Wolfgang Stinnesbeck, un paleontologo presso l’Università di Heidelberg in Germania e il leader dello studio.

Stinnesbeck e il suo team hanno trovato gli esemplari nei sedimenti risalenti al Cretaceo inferiore (da 150 a 100 milioni anni) nei pressi del ghiacciaio Tyndall, nel del Parco Nazionale Torres Paine in Cile. Mentre il ghiacciaio si è sciolto, la roccia che contiene i fossili si è esposta alla luce del sole.

Prima d’ora, sono stati pochissimi i ritrovamenti degli antichi rettili in Sud America prima; si trattava di pochi resti di gabbie toraciche e di alcune vertebre.

Il più grande scheletro di ittiosauro rinvenuto in Cile misura più di 16 piedi (5 metri) di lunghezza. Gli scheletri sono estremamente ben conservati, persino con alcuni tessuti molli ancora conservati. I ricercatori hanno anche trovato gli embrioni fossili all’interno di un esemplare femmina, assegnati alla famiglia degli Ophthalmosauridae .

Queste “lucertole di pesce”, probabilmente cacciavano in un canyon sottomarino nei pressi della costa, perseguendo una dieta di animali simili a calamari e pesci, hanno detto i ricercatori. Di tanto in tanto, avvenivano colate di fango nell’acqua come una valanga, ed i ricercatori pensano che queste colate di fango abbiano ucciso gli ittiosauri. Gli animali probabilmente divennero disorientati e annegarono, risucchiati nel mare profondo, in cui i loro corpi sono stati sepolti nei sedimenti.
fossili di rettili ittiosauri nel cile meridionale
Gli ittiosauri nuotavano nei mari, allo stesso tempo, come i dinosauri vagavano per la Terra e gli pterosauri regnavano i cieli, ma i rettili marini potrebbero essersi estinti prima dell’estinzione di dinosauri e pterosauri. Un impoverimento globale di ossigeno negli oceani, forse a causa dei fenomeni legati al vulcanismo, può aver causato l’estinzione di questi rettili marini.

La scoperta di queste creature stabilisce il ghiacciaio cileno come uno dei luoghi principali per i rettili marini del Cretacico inferiore. Ma arrivare al sito fossile è la metà della battaglia. Per raggiungerla, la squadra ha dovuto guidare per cinque ore, camminare per 10 a 12 ore al campo e poi in escursione per altre due ore, a volte con pesante pioggia, grandine o neve.

Questo è stato uno dei campi più difficili che abbia mai avuto“, ha concluso Stinnesbeck.

Fonte: www.huffingtonpost.com

Condiviso da:http://www.globochannel.com/2014/05/29/cile-i-ghiacciai-si-sciolgono-e-rivelano-scheletri-di-rettili-marini/

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter.  

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog https://pianetablunews.wordpress.com/ tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.