Una nuova speranza per i malati di sclerosi multipla

 

Detail-sclerosi multipla

Ingannare il sistema immunitario per bloccare la distruzione dellamielina nei pazienti affetti da sclerosi multipla. È questo il nuovo approccio terapeutico proposto da uno studio condotto dallaNorthwestern’s Feinberg School negli Stati Uniti, l’University Hospital di Zurigo e l’University Medical Center Hamburg-Eppendorf in Germania, pubblicato su Science Translational Medicine. Secondo gli autori è possibile bloccare la reazione autoimmune alla base della malattia “resettando” il sistema immunitario, ovvero facendo in modo che riconosca la mielina come elemento non-estraneo e sviluppi quindi tolleranza. Il trial clinico di fase I (Etims trial) condotto su nove pazienti ha, infatti, dimostrato che questo trattamento è sicuro e ben tollerato e riduce in maniera marcata la reattività del sistema immunitario alla mielina, senza alterare la normale risposta ad altri antigeni.

La sclerosi multipla (Sm) colpisce circa tre milioni di persone nel mondo, con circa 68000 casi solo in Italia. È causata da una reazione autoimmune contro la mielina, la proteina che riveste i neuroni del sistema nervoso centrale, causando così l’interruzione della trasmissione degli impulsi nervosi. La maggior parte delle terapie attuali sopprimono le funzioni immunitarie in modo da ridurre gli effetti degenerativi della patologia, ma sono spesso associate a un’aumentata suscettibilità alle infezioni e rischio di tumore.

Loading...

Il nuovo trattamento proposto da Stephen Miller, Roland Martin e Mireia Sospedra, co-responsabili dello studio, si basa su una strategia diversa, ossia di induzione della “tolleranza” alla mielina. In pratica in questo processo – usato con successo in vari modelli animali di malattie auto-immuni – il sistema immunitario viene esposto allamielina presentata da cellule opportunamente preparate in laboratorio e “impara” a riconoscerla come elemento non estraneo e non pericoloso.

Nel loro studio i ricercatori hanno prelevato le cellule mononucleate del sangue periferico (Pbmc), ossia linfociti, monociti e macrofagi, da nove pazienti affetti da Sm. Utilizzando una tecnica sviluppata nei laboratori tedeschi le hanno quindi processate in vitro, attaccando sulla loro superficie sette peptidi derivati dalla mielinaconsiderati gli epitopi (la parte degli antigeni che si legano agli anticorpi) più immunogenici nella Sm e le hanno reiniettate nei pazienti in quantità diverse fino a un massimo di tre miliardi. L’induzione della tolleranza dipenderebbe dal fatto che, come osservato negli animali, una volta raggiunta la milza, le Pbmc “modificate” vengono fagocitate dalle cellule dendritiche che prensentano l’antigene e stimolano la produzione di fattori, come l’interleuchina 10, necessari per bloccare la reazione autoimmune.

I risultati dell’Etims trial, sebbene preliminari dato il numero limitato di pazienti, hanno dimostrato che questo tipo di trattamento è sicuro e ben tollerato con effetti avversi abbastanza contenuti e controllabili. Durante i sei mesi di follow-up, in cui i pazienti sono stati monitorati tramite risonanza magnetica, esami di laboratorio, test di immunoreattività e test neurologici, non hanno mostrato peggioramenti o avuto recidive della malattia e le loro abilità cognitive sono rimaste stabili. Inoltre negli individui cui era stata somministrata la dose più alta di Pbmc si osservava una forte riduzione di reattività alla mielina, con una diminuzione delle cellule T reattive e un aumento di quelle regolatorie responsabili dei fenomeni di tolleranza, mentre la risposta ad altri agenti infettivi, come ad esempio il tetano, non venivainfluenzata.

“La fase successiva della sperimentazione – spiega Miller – prevede un trial clinico di fase II per verificare l’efficacia del nuovo trattamento nel bloccare la progressione della malattia. L’obiettivo è quello di intervenire nelle fasi iniziali della Sm, prima che il danno mielinico sia troppo esteso e difficile da riparare”. Inoltre la possibilità di “resettare” la risposta immunitaria agli autoantigeni (quelli propri del corpo) potrebbe avere molte applicazioni terapeutiche non solo per il trattamento della Sm ma anche di altre malattie autoimmuni, come il diabete di tipo 1, le allergie alimentari e altre patologie, come l’asma per esempio.

Riferimenti: Sci. Transl. Med. Doi: 10.1126/scitranslmed.3006168

Credits immagine: Marvin 101/Wikipedia

Di Maria Antonietta Cerone

Fonte: http://www.galileonet.it/articles/51b03461a5717a1c4b000281

 

Pianeta bluRicordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

Ecco il link della pagina: Pianeta blu

 

Beautiful exotic planet earthRicordo che pianeta blu news su facebook ha una nuova pagina da un po di tempo Beautiful exotic planet earth. La sola intenzione di questa nuova pagina è quella di mostrare quanto sia incredibilmente bello il nostro pianeta attraverso foto ,video di animali e piante o paesaggi esotici,con qualche descrizione anche sulla gastronomia.Ecco il link della pagina: Beautiful exotic planet earth

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.