I primi tentativi di locomozione terrestre di un tetrapode

Ricostruzione del tetrapode precoce, Ichthyostega. Immagine Julia Molnar

Prima di imparare a camminare sulla terraferma, i vertebrati hanno dovuto fare pratica. I primi tentativi di locomozione terrestre, infatti, sono stati piuttosto deludenti, e l’esempio di Ichthyostega – probabilmente il primo tetrapode a uscire dall’acqua – è emblematico. Sebbene assomigliasse a una grossa salamandra, non camminava affatto come quest’anfibio. Piuttosto, muoveva contemporaneamente gli arti anteriori, per poi sollevare il corpo e trascinarlo in avanti. La suggerisce uno studio pubblicato su Nature dal gruppo di Stephanie Pierce del Royal Veterinary College, in Gran Bretagna, che ha ricostruito in 3D lo scheletro dell’ Ichthyostega, facendolo poi muovere grazie a un software di animazione.

L’Ichthyostega è un tetrapode primitivo vissuto nel Devoniano superiore (cioè circa 365 milioni di anni fa). Ed è un oggetto di studio eccezionale, perché ne sono stati rinvenuti numerosi esemplari completi. Proprio partendo dall’analisi di questi fossili Pierce e colleghi sono arrivati a comprendere come si doveva muovere questo animale.

Per prima cosa, gli studiosi hanno utilizzato la microtomografia computerizzata per ottenere le scansioni di dozzine di fossili. Lavorando in digitale, hanno quindi separato le ossa dalle rocce circostanti per poi combinarle a formare uno scheletro tridimensionale. A questo punto, servendosi di un software d’animazione, ne hanno simulato il movimento, comparandolo con quello di cinque tetrapodi moderni morfologicamente ed evolutivamente distinti: salamandre, coccodrilli, ornitorinchi, foche e lontre.

Loading...

È venuto fuori che l’ Ichthyostega non poteva ruotare gli arti lungo l’asse longitudinale, un movimento indispensabile per una camminata a quattro zampe che si rispetti. In altre parole, i primi tetrapodi terrestri muovevano gli arti solo avanti-indietro e su-giù, avanzando le zampe anteriori

in maniera sincrona e utilizzando le posteriori

come supporto assieme alla coda. “ Questi tetrapodi primitivi si muovevano in modo simile ai pesci saltafango, usando gli arti anteriori come fossero stampelle per sollevare il corpo e trascinarlo in avanti. Dal momento che si tratta ancora di animali prevalentemente acquatici, questo tipo di movimento aiutava a stabilizzare il corpo durante le prime incursioni terrestri”, conclude Pierce.

Di Martina Saporiti

Fonte: http://www.galileonet.it/articles/4fbdf97d72b7ab4f5e000013

 

Ricordo ai visitatori di pianetablu news che su facebook è stata creata la pagina pianeta blu in cui vengono riportati gli articoli di pianetablu news ed anche altre notizie.Se la pagina è di vostro gradimento cliccate in alto a destra sul bottone mi piace e fatela conoscere anche ai vostri amici per aiutarla a farla crescere.

ecco il link della pagina:

https://www.facebook.com/pages/Pianeta-blu/190882504295322

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.