Il materiale che imprigiona la luce

Costringere la luce a rallentare, così che acciuffarla sia più semplice. Se infatti la radiazione elettromagnetica rimane più tempo a contatto con una superficie la possibilità che venga assorbita aumenta. È quanto sostenuto da un gruppo di ricercatori del Mit di Boston che, proprio basandosi su questo concetto, ha sviluppato un nuovo modello di cella solare in grado di assorbire con elevata efficienza la luce su un vasto […]

» Read more

La vita senz’acqua?

Uno dei meteoriti analizzati dal team fu scoperto in Antartide. Credit: Case Western Reserve University Caldi o freddi i mattoni primordiali per la vita sembra che funzionino comunque. Nuove analisi sulle meteoriti antartiche hanno dimostrato che i metodi naturali, atti a creare le parti essenziali alla nascita dei primi esseri viventi, siano probabilmente molto più vari di quanto si pensi […]

» Read more

Quel meteorite che magnetizzò la Luna

  Un impatto gigante, tale da lasciare un’impronta del diametro di 2.500 chilometri, cioè due volte e mezzo l’Italia in lunghezza. È avvenuto in passato sullaLuna, e non ha solamente scavato il più grande cratere del Sistema solare. Ai suoi margini, infatti, affiorano zone di crosta intensamente magnetizzate: un caso insolito, dato che il nostro satellite presenta un debole campo magnetico ed è povero […]

» Read more