loading...

Assenza, un romanzo che affronta il dramma dell’ Alzheimer

«Cos’è un uomo senza memoria?» scrisse Daniel sul quaderno degli appunti che era diventato una specie di diario. «Che cos’è un uomo che non si riconosce più in nessun tempo, in nessun luogo, in nessun volto?»

L’ Alzheimer colpisce un rinomato accademico, Ervin de Apolinario, che comincia a presentare una forte alterazione comportamentale e ricorrenti vuoti di memoria. La malattia sconvolge la vita delle persone che lo circondano, in particolare della famiglia, colpita dalle conseguenze della perdita progressiva di identità di Ervin, che si isola sempre più dal mondo e dopo pochi anni è ricoverato in una clinica specializzata. Lo psichiatra che prende in cura Ervin, nonostante le resistenze iniziali, è Daniel, che ha vissuto il dramma dell’Alzheimer nella propria infanzia (la nonna ne era affetta) e che da adulto si era sempre rifiutato di riavvicinarsi alla realtà di questa malattia. La vera spinta a seguire Ervin, oltre all’ammirazione per il paziente, è in realtà l’attrazione per la figlia di Ervin, Natasha. Si delineano così i temi importanti del romanzo, quelli del conflitto, del desiderio, dell’amore. Ma soprattutto Flavia Cristina Simonelli tiene a sottolineare il tema della assenza nella vita quotidiana e il momento in cui ciascuno si risveglia e cerca di prendersi in mano la propria vita.

Assenza è un romanzo che affronta il dramma dell’Alzheimer all’interno di una storia che fa emergere molti altri conflitti umani. Ha ottenuto il patrocino dell’Associazione Italiana Malati Alzheimer (AIMA Firenze) e della Associação Brasileira de Alzheimer (Abraz).

Flavia Cristina Simonelli

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

loading...