loading...

Un’antica tomba egizia nel Grand Canyon? Prova delle rovine di Cyclopean

Nel 1909, L’ Arizona Gazette  ha pubblicato una storia incredibile che fino ad oggi, alimenta una serie di teorie cospirative.

Secondo l’articolo, un uomo chiamato GE Kincaid di Lewiston,  nell’Idaho, stava viaggiando lungo il fiume Colorado quando si imbatté in una scoperta senza precedenti.

In un certo numero di storie che circolano su Internet e innumerevoli libri scritti sull’argomento, GE Kincaid è descritto come “un esploratore e cacciatore ” e un uomo che ha lavorato per oltre trent’anni per lo Smithsonian Institute.

Stava viaggiando da solo, lungo il fiume Colorado, su una barca di legno, in cerca di “minerali”. Quando il signor Kincaid affermò di aver visto “macchie nei sedimenti” sulla parete est della gola del canyon,che stava attraversando.

Gazette dell'Arizona

Molto probabilmente con  la sua barca  risalì il lato est del canyon, e sopra una “mensola”, poi passò dei”gradini” fino all’ingresso della “bocca di una caverna”.

Entrò nell’ingresso e scoprì corridoi, stanze, “mummie” “oggetti di rame” e vari altri “artefatti” insieme a quello che gli apparve all’epoca come un “geroglifico” di tipo “egiziano” o “orientale”.

Dopo aver visitato una “caverna  quasi inaccessibile”, si ritiene che il signor Kincaid abbia  riportato alcuni manufatti a Yuma in Arizona e li abbia poi mandati a Washington (presumibilmente allo Smithsonian , anche se non lo ha detto in modo specifico). Dopo aver consegnato gli artefatti agli studiosi, lo Smithsonian Institute ha continuato a indagare sul sito sotto la supervisione di un uomo chiamato “SA Jordan” e un gruppo di archeologi, un ” gruppo ” che alla fine doveva ammontare a 30-40 persone.

Storie diverse raccontano cose diverse. Alcune storie e libri collocano il signor Jordan come un impiegato dello Smithsonian, mentre altre storie suggeriscono che si limitasse a “supervisionare” la misteriosa spedizione.

Arizona Gazette, Explorations in the Grand Canyon:

“A oltre un centinaio di metri dall’ingresso si trova la sala a croce, lunga diverse centinaia di metri, nella quale si trova l’idolo, o immagine, del dio del popolo, seduto a gambe incrociate, con un fiore di loto o un giglio in ogni mano.

Il viso è orientale,l’idolo assomiglia quasi al Buddha … ”

“Intorno a questo idolo ci sono immagini più piccole, alcune molto belle nella forma – altre  deformate e distorte,che  probabilmente,simboleggiano il bene e il male … Tutto questo è scolpito in una roccia dura che ricorda il marmo …”

Molti autori, tra cui David Hatcher Childress, hanno scritto su questa scoperta,definendola  la prova di una civiltà estremamente avanzata che un tempo abitava parti del Grand Canyon.

Una lunga storia in prima pagina della Phoenix Gazette del 5 aprile 1909 fornì un resoconto estremamente dettagliato di una scoperta e degli scavi di una volta scavata nella roccia presumibilmente guidata da un professore della Giordania dello Smithsonian.

La scoperta non ha precedenti e potrebbe cambiare il modo in cui guardiamo alla storia, spiegano gli studiosi.

Lo Smithsonian, tuttavia, afferma di non avere assolutamente alcuna conoscenza della scoperta o dei suoi scopritori.

L’entrata

La presunta grotta presenta non solo artefatti non nativi della regione, ma  anche un’architettura ciclopica.

Secondo i rapporti della Gazette, l’entrata è di 1.486 metri lungo la parete del canyon.

Sopra una mensola che lo nascondeva alla vista dal fiume, c’era la bocca della caverna.

Ci sono gradini che portano da questo ingresso, una trentina di metri ,a quello che era al tempo il livello del fiume.

Il passaggio

Kincaid ha spiegato che “il passaggio principale nella grotta è largo circa 12 piedi, restringendosi fino a nove piedi verso la fine”.

“A circa 57 piedi dall’ingresso, i primi passaggi laterali si diramano a destra e a sinistra, lungo i quali, su entrambi i lati, ci sono un certo numero di stanze delle dimensioni dei salotti ordinari di oggi, anche se alcuni sono da 30 a 40 piedi .”

“Questi presentano porte di forma ovale e sono ventilati da spazi di aria rotondi  nelle pareti dei passaggi. Le pareti sono di circa tre piedi e sei pollici di spessore. ”

Il Buddha del Grand Canyon?

La trama è misteriosa e spinge l’immaginazione al limite. Kincaid spiegò che a una trentina di metri dall’ingresso si trova una stanza che chiamò la sala della croce, che si dice fosse lunga diverse centinaia di metri. Lì, trovò un idolo o un’immagine, ciò a cui si riferisce è il Dio di coloro che hanno scolpito e costruito il volto.

“È una rappresentazione di una figura seduta a gambe incrociate, con un fiore di loto o un giglio in ogni mano. Il  viso è orientale,l’idolo assomiglia quasi al Buddha, anche se gli scienziati non sono sicuri di quale culto religioso rappresenta. Prendendo in considerazione tutto ciò che è stato trovato finora, è possibile che questa adorazione assomigli maggiormente all’antico popolo del Tibet “.

Geroglifici del mistero

Ma se la misteriosa caverna, i resti di una statua di Buddha non erano abbastanza, c’è di più.

Secondo Kincaid, “Scolpiti su tutte le urne, su porte e tavolette di pietra,vi  sono misteriosi geroglifici, la chiave che l’Istituto Smithsonian spera di scoprire. Le incisioni sulle tavolette hanno probabilmente qualcosa a che fare con la religione dell’antico popolo che abitava in quel luogo. Geroglifici simili sono stati trovati nel sud dell’Arizona. Tra gli scritti pittorici si trovano solo due animali, uno dei quali sembra preistorico. ”

Civiltà antica avanzata?

“Indubbiamente molte migliaia di anni prima dell’era cristiana, qui viveva un popolo che raggiunse un alto grado di civiltà. La cronologia della storia umana è piena di lacune … ”

Tali storie e leggende sono ampiamente diffuse in Nord, Centro e Sud America.

I racconti di antiche civiltà perdute che esistevano nel “Nuovo Continente” migliaia di anni fa sono stati resi popolari nel corso degli anni. Tuttavia, le storie sono rimaste solo storie, e possiamo solo chiederci se una tale scoperta sia stata effettivamente fatta, più di cento anni fa, nel profondo di una delle formazioni geologiche più incredibili sulla Terra: il Grand Canyon.

Oggi, tutto ciò che rimane di questa storia è una cospirazione massiccia che suggerisce come lo Smithsonian Institute abbia continuato a coprire ciò che viene indicato da molti studiosi come la più grande scoperta  archeologica nascosta nella storia dell’umanità.

Fonte: www.ancient-code.com 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

loading...