loading...

La più antica fotografia di un bigfoot : una cospirazione di Criptozoologia?

bigfoot

C’è una foto sorprendente  scattata in Canada nel 1894, che sembra essere la più antica fotografia raffigurante un  bigfoot. La foto era stata originariamente inviata a Tom Biscardi da Lyle Billett di Victoria, in Canada. La blogger di Cryptomundo Loren Coleman ha quindi pubblicato la foto sul suo sito web. La foto appare anche nella versione aggiornata del libro Bigfoot Casebook del 1982 di Colin e Janet Bord.

Si dice che un’immagine mostri mille parole e questa foto dice molto. Non sembra essere un falso. La foto è spezzata da una piega nel quarto superiore. Un bigfoot è sdraiato sulla neve con le braccia davanti e le  mani pelose  ben visibili. La faccia è pelosa ma non molto dettagliata. Le racchette da neve  si vedono sul bordo sinistro della foto. Sembra che ci sia una staccionata e un edificio sul lato destro. I piedi del bigfoot morto non sono visibili, ritagliati dal lato destro della foto.

La foto del 1894 del bigfoot. (L'autore ha fornito)

La foto del 1894 del bigfoot.

La storia dietro la foto

La storia di questa foto ci dice che nel 1894 nelle terre selvagge del Canada occidentale alcuni trapper e uomini di montagna incontrarono un bigfoot e gli spararono. Potrebbe essere successo vicino alla loro cabina. Hanno scattato una foto. Ma c’è dell’altro: la foto aveva qualche scritta sul retro.

Il retro della foto riporta questo testo:

C'è scritto sul retro della foto del bigfoot. (L'autore ha fornito)

C’è scritto sul retro della foto del bigfoot.

Anno 1894

Yalikom River Around Lilliott BC

Forestry-Hudsonbay Co.

Hanno scattato la foto e il ragazzo che era nella foto è andato e l’ ha rubata dai registri forestali (hudsonbay co.) Credo che il suo cognome fosse Holiday (Non so il nome)

Non ho mai scattato tutte le foto (solo una) e ho scattato foto del resto.

(Fotografia di lastre di vetro)

Un coverup

Questa è un’informazione molto interessante e conferma quello che alcuni hanno sospettato per molti anni:è in corso un  insabbiamento riguardo alle prove sull’esistenza  del bigfoot. Ora abbiamo una storia più completa: c’era più di una foto e qualcuno che si chiamava apparentemente Holiday  ha scattato le foto o è stato raffigurato in una o più di esse. Andò ai registri forestali della Hudson’s Bay Company dove “rubò” una delle foto: il numero di foto del bigfoot non è noto. Potremmo immaginare che c’erano quattro o cinque foto originali in vetro.

Così, alcuni trapper hanno sparato e ucciso un bigfoot nel 1894, e lavoravano per la Hudson’s Bay Company, la prima società commerciale canadese, fondata nel 1670. La Hudson’s Bay Company non è una compagnia ordinaria; era il governo di fatto ad occuparsi di  vaste zone del Nord America prima che gli stati europei o gli Stati Uniti potessero reclamare aree in questo vasto dominio.

Trading presso una postazione commerciale della Hudson's Bay Company. (Dominio pubblico)

Trading presso una postazione commerciale della Hudson’s Bay Company. ( Dominio pubblico )

Proprietari di Rupert’s Land

Oggi è una delle più antiche società operative al mondo. Iniziata come una società commerciale di pellicce sulla baia di Hudson, ora ha sede nella Simpson Tower a Toronto. A un certo punto la Hudson’s Bay Company aveva un suo paese, chiamato Rupert’s Land. A quel tempo, la Hudson’s Bay Company era uno dei più grandi proprietari terrieri del mondo, con circa il 15% della superficie terrestre del Nord America. Rupert’s Land consisteva di terre che si trovavano nel sistema di drenaggio della Baia di Hudson, in pratica la terra che circondava i fiumi che defluivano nella baia di Hudson.

Prese il nome dal primo governatore della compagnia, il principe Rupert del Reno, che era un nipote del re britannico Carlo I. Il governatore e la Compagnia degli avventurieri dell’Inghilterra  comprendevano il gruppo originario che noleggiava la Hudson’s Bay Company.

 

La Rupert’s Land e la Hudson’s Bay Company avevano il loro quartier generale presso la York Factory, una città e un forte lungo il fiume Hayes che conduceva alla Baia di Hudson. Un tempo capitale della Rupert’s Land, fu chiusa nel 1957 dalla compagnia.

La Hudson’s Bay Company nominalmente ha  posseduto Rupert’s Land per 200 anni, fino al 1870 circa, circa 24 anni prima che questa foto fosse presumibilmente presa e soppressa.

1825 illustrazione dei funzionari della Hudson's Bay Company in una canoa veloce che attraversa un lago. (Dominio pubblico)

1825 illustrazione dei funzionari della Hudson’s Bay Company di una canoa veloce che attraversa un lago. ( Dominio pubblico )

Tuttavia, la Hudson’s Bay Company è stata molto potente nel 1894 e rimane oggi un importante punto di riferimento nell’economia canadese come proprietario di molte catene commerciali del Canada come The Bay, Zellers, Fields e Home Outfitters. La società ha archivi, situati a Winnipeg, in Manitoba, che si dice siano una raccolta dei registri e delle mappe della compagnia ,forse  include alcune foto di bigfoot? Questo è ciò che suggerisce la scrittura scarabocchiata su questa foto di bigfoot.

Dove sono tutte le prove?

Ci si deve chiedere, se questa foto è autentica,perchè  non è stata pubblicata molti anni fa e contenuta in tutti i libri di bigfoot scritti dal 1894′?.Qui abbiamo quello che sembra essere una prova abbastanza solida dell’esistenza del bigfoot che è proprio ciò che la comunità scientifica  sta cercando. In effetti, queste persone che lavoravano per la  Hudson’s Bay Company non solo hanno alcune foto di un bigfoot morto, ma  (dicono le foto) in realtà hanno avuto davanti  proprio un bigfoot morto! Stiamo parlando di bistecche di bigfoot, pelliccia di bigfoot, testa di bigfoot, zampe di piede grosso e tutto il resto.

Dettaglio del bigfoot nella foto del 1894. (L'autore ha fornito)

Dettaglio del bigfoot nella foto del 1894. 

Poiché la Hudson’s Bay Company era specializzata nel’uccisione di  animali e nell’utilizzo della loro  pelliccia, si potrebbe pensare che questo animale – qualunque esso fosse – sia stato  accuratamente spellato e conservato. La sua testa fu esposta nella tana di qualche presidente della compagnia? Oggi sembra inverosimile, ma forse nel lontano 1894 poteva essere stato visto, forse circondato da un certo segreto, nella collezione personale di alcuni aristocratici canadesi o britannici.

Ci si pone spesso una  domanda: “Perché non ci sono più prove sull’esistenza del  bigfoot delle semplici storie? Dove sono le foto e dove sono i cadaveri che devono essere stati trovati nel corso degli anni? ”

La  risposta a queste domande potrebbe essere che non si vede un orso morto o un leone di montagna sulla pista quando si cammina attraverso le Montagne Rocciose o il Pacifico nord-occidentale. Anche se questi animali  tutti sappiamo che esistono, raramente li  vediamo e mai uno morto steso lì nella foresta. La carcassa resta visibile nella foresta solo per alcune ore, giorni o settimane, e molti animali vanno a morire da qualche parte molto lontano dalla strada.

Ma ora abbiamo un’altra spiegazione. Una che è sorprendente per il ricercatore e per lo scettico allo stesso modo – che le prove sul  bigfoot, comprese buone foto e corpi conservati, sono state raccolte ma tenute segrete. “Ma perché?” . Perché la Hudson’s Bay Company non dovrebbe pubblicare le sue foto e mostrare un bigfoot mummificato ai turisti a Toronto? Perché il governo canadese (o americano o britannico) dovrebbe sopprimere le prove del bigfoot? Non viviamo in una società trasparente in cui tutto ciò che esiste,dovrebbe essere mostrato agli spettatori interessati in tutto il mondo?

Iscriviti su Pikes Peak Highway. (CC BY SA 3.0)

Iscriviti su Pikes Peak Highway. ( CC BY SA 3.0 )

O viviamo in un mondo in cui alcune cose sono  nascoste e soppresse, inclusa la prova del bigfoot? Aggiungiamo alla soppressione delle vere prove dei bigfoot alcuni casi di  notizie bufala di cui tutti possono ridere, e si  ha un soggetto che sembra essere solo fantasy . Alcune cose sono semplicemente troppo scioccanti per lo status quo – strane mutazioni o collegamenti mancanti che ci fanno dubitare delle credenze religiose tradizionali o dei principi del sacro pilastro della scienza e della ragione dell’umanità. Se  riteniamo che tutti gli esperti e gli studiosi  abbiano consapevolmente occultato delle notizie importanti per decenni, possiamo ancora fidarci di loro?

Nel caso di questa foto, parte di una serie apparentemente, deve essere stato coinvolto  un fotografo professionista. La fotografia, fino a poco tempo fa, era costosa e rara; richiedeva fotografi professionisti con attrezzature costose e pesanti. Avere una fotografia scattata nel 1894 era un grosso problema, la fotografia della lastra di vetro richiedeva molto tempo per ogni singola foto. Scattare tali foto nel deserto sarebbe stata una vera impresa. La fotografia per l’uomo comune si ebbe molti decenni  dopo  negli anni 40 e 60 con Kodak Brownie e Instamatic . Poi, finalmente,anche la gente comune potè avere con sé una semplice macchina fotografica per scattare foto  in lunghi viaggi, in campeggio ed escursioni in remote zone di montagna.

Una fotografia composita del 1893 che mostra un interno di uno studio fotografico. Un uomo è seduto su uno sgabello vicino a un morsetto regolabile per tenere la testa ferma durante una lunga esposizione verticale. Il secondo uomo, in piedi accanto a una grande telecamera, sembra la persona fotografata. (Dominio pubblico)

Una fotografia composita del 1893 che mostra un interno di uno studio fotografico. Un uomo è seduto su uno sgabello vicino a un morsetto regolabile per tenere la testa ferma durante una lunga esposizione verticale. Il secondo uomo, in piedi accanto a una grande telecamera, sembra la persona fotografata. ( Dominio pubblico )

In cerca di Lilliott

Il fiume Yalikom, come scritto sul retro della foto, è un affluente del fiume Bridge che è a sua volta un affluente principale del fiume Fraser, una parte importante del territorio di Rupert’s Land. Inoltre,  il fiume Yalakom entra nel fiume Bridge vicino alla città di Lillooet, che a quanto pare è la città menzionata come Lilliott.

Lillooet è apparentemente una delle città più antiche del Nord America. È così antica che la sua età non è nota. È considerata uno dei più antichi luoghi abitati ininterrottamente nel Nord America. La città ha attratto grandi popolazioni stagionali e permanenti di popoli nativi per via  della confluenza di diversi corsi principali con il Fraser, e anche a causa di una piattaforma di roccia appena sopra la confluenza del fiume Bridge che è un ostacolo alla migrazione annuale del salmone, che era  un’abbondante fonte di cibo.

Fraser River a Lillooet. (Andybremner2012 / CC BY SA 4.0)

Fraser River a Lillooet. (Andybremner2012 / CC BY SA 4.0 )

Questa piattaforma di roccia  ha forse  causato la rovina del nostro sfortunato bigfoot, ucciso da un trapper al servizio della Hudson’s Bay Company? Secondo le informazioni su Lillooet questa mensola naturale lungo il letto del fiume è un’importante stazione di salmoni sul fiume Fraser-Bridge-Yalakom:

Questo ripiano di roccia, conosciuto nei tempi  dell’oro come la Fontana Inferiore, era come una  piattaforma per le persone che catturavano  e asciugavano il pesce. Questa posizione, denominata Sat ‘o Setl nella lingua nativa e conosciuta come Bridge River Rapids o Six Mile in inglese, è il luogo di pesca più frequentato sul Fraser sopra la sua foce e ci sono numerosi rack di essiccazione sparsi sulle rive del canyon del fiume intorno ad esso.

 

Turismo Apeman

Ora abbiamo la scena finale del  bigfoot nella nostra fotografia: era venuto a Lillooet (Lilliott come scritto sul retro della foto) per prendere un salmone che era abbondante in questo punto. Mentre i nativi americani che vivevano nella zona da migliaia di anni sapevano di non dover  disturbare il bigfoot che arrivava in quest’area di abbondanza,  questa povera bestia fu uccisa  dagli europei che penetravano nell’area della Hudson’s Bay Company. La vista del bigfoot li scioccò.Gli spararono  e lo  uccisero. Poi gli scattarono una foto. Ma qualcuno della compagnia ordinò che la  foto venisse soppressa.

Sì, sembra esistere una cospirazione criptozoologica. Le prove, comprese foto e corpi, vengono tenute  nascoste alla  stampa e al pubblico in generale. Sembrerebbe che il governo e le identità aziendali stiano attivamente coprendo le prove  sul bigfoot. Mentre i governi del Canada e degli Stati Uniti potrebbero cercare di proteggere i bigfoot sopprimendo le prove della loro esistenza, alcuni paesi usano l’apeman per promuovere il turismo. Paesi come il Nepal e il Bhutan promuovono il “turismo yeti”, ma tutelano ancora le specie con leggi nazionali.

Una rappresentazione di uno Yeti all'International Mountain Museum, Pokhara, Nepal. (MMuzammils / CC BY SA 3.0)

Una rappresentazione di uno Yeti all’International Mountain Museum, Pokhara, Nepal. (MMuzammils / CC BY SA 3.0 )

Sembra incredibile, ma la realtà del bigfoot ,sembra difficile da negare di fronte a ciò che sembra essere una quantità schiacciante di prove. Tutte le storie che sono arrivate fino a noi per quasi 200 anni dal Nord America sono casi di errata identificazione degli orsi o di qualche occasionale gorilla ? O falsi? Questo sarebbe molto difficile da digerire.

Immagine in alto: rappresentazione artistica del bigfoot. (deriv) Fonte: wallace / Deviant Art

Di David Hatcher Childress

Questo articolo è un estratto dal libro: Bigfoot Nation di David Hatcher Childress, disponibile tramite il seguente link: www.adventuresunlimitedpress.com

Fonte: www.ancient-origins.net

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

loading...