loading...

80 km nel deserto di Negev per superare i propri limiti

I motivi per correre sono diversi. Qualcuno corre per la prova costume, qualcuno perché sta per perdere il bus, qualcun altro perché vive a Milano e come dice il detto “Chi va piano non è di Milano”. Se poi ti chiami Franka Potente e sei la protagonista di “Lola corre”, i motivi per correre sono anche più seri.

Nella pellicola girata da Tom Tykwer, la bella Lola riceve una telefonata dal suo ragazzo in pericolo di vita e per salvarlo ha 20 minuti di tempo per accumulare 100 mila marchi (il film è del ’98, non c’era ancora l’euro) e tre diversi modi per farlo, uno dei quali coinvolge una roulette. Non tutti dobbiamo correre per motivi così gravi, per fortuna, e c’è perfino qualcuno che corre per il solo gusto di farlo.

È a queste persone che si rivolge Donna Moderna, il brand del gruppo Mondadori che poche ore fa ha lanciato “Donna Moderna Negev Adventure”, progetto rivolto a tutte le donne che vogliono superare i propri limiti nella corsa. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con l’Ufficio Nazionale israeliano del Turismo, è diretta sia alle principianti che vogliono accostarsi a questa attività per la prima volta, sia alle esperte che desiderano prepararsi per affrontare l’ardua impresa di correre 80 km nel deserto del Negev, in Israele.

Stimolare le donne a superare i propri limiti

A tale scopo, a partire da questo mese e fino al mese di ottobre, Donna Moderna offre un percorso multipiattaforma su magazine, web e social completo di programmi di corsa e consigli alimentari e psicologici, allenamenti sul territorio in tre città italiane (Torino, Pescara e Palermo) e la possibilità di partecipare in prima persona, all’interno di un team di donne selezionate dalla testata stessa, a una corsa nel deserto israeliano insieme al direttore Annalisa Monfreda.

«La missione di Donna Moderna è stimolare le donne a sfidare i propri limiti, a tirar fuori le proprie risorse e potenzialità, in tutti i campi, dalla vita privata al lavoro. L’attività fisica è un’ottima palestra per allenare la nostra determinazione, perché ci mette subito di fronte ai limiti del nostro corpo e ci insegna che, con disciplina e passione, possiamo superarli. Abbiamo scelto la corsa perché sta vivendo un momento di grande popolarità: è uno degli sport più democratici, non richiede particolari strutture o attrezzature per essere praticata, e regala grandi soddisfazioni a tutti i livelli», ha commentato Monfreda.

Come funziona l’iniziativa

Il percorso prevede lo svolgimento di 4 differenti capitoli in base agli obiettivi: chi inizia a correre da zero, chi corre già i 10 km, chi vuole correre i 42 km, chi vuole prepararsi a correre gli 80 km nel deserto. Gli allenamenti previsti per il progetto “Corri con noi” si svolgeranno una volta a settimana, dal 21 giugno al 26 luglio. Le partecipanti saranno suddivise in tre gruppi differenti (principianti, intermedio e avanzato) e seguite da un trainer qualificato. A turno, in ciascuna città, ci sarà l’occasione di confrontarsi con uno dei tre ambassador dell’iniziativa – Daniel Fontana, campione olimpionico di triathlon, e le maratonete Luisa Balsamo e Anna Incerti – che saranno pronti a dare informazioni e suggerimenti su stretching, postura, respirazione e alimentazione.

Dopo ogni allenamento, la redazione sceglierà e riposterà sul profilo Instagram di Donna Moderna le foto più divertenti, spettacolari ed energiche delle utenti che hanno partecipato con gli hashtag ufficiali #corriconnoi e #dmnegevadventure ai gruppi delle tre città, o che abbiano deciso di prendere parte all’iniziativa dalla propria palestra o con un gruppo di amiche inviate. Infine, da fine giugno, all’interno dello speciale dedicato alla corsa su Donnamoderna.com, oltre ai contenuti editoriali e ai consigli degli esperti, ci sarà la possibilità di iscriversi per essere scelte e far parte delle cinque donne che voleranno a ottobre con Donna Moderna in Israele, dove per quattro giorni vivranno l’emozione di una corsa di 80 km alla scoperta del deserto del Negev e scopriranno le meraviglie del Paese. Per candidarsi basta accedere all’area riservata al concorso e raccontare la passione per la corsa e perché l’occasione di farlo nel deserto del Negev potrebbe essere una bella sfida per superare i propri limiti.

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

 

loading...