Scienziati:antichi manoscritti contengono prove del pianeta Nove

Analizzando antichi manoscritti e dati raccolti dagli astronomi anglosassoni, in combinazione con i dati moderni della NASA e di altre agenzie spaziali, gli esperti della Queen’s University sperano di restringere il campo riguardo alla  posizione del  pianeta Nove.

Nel lontano passato, antichi astronomi individuarono innumerevoli segni nel cielo notturno.

Ad esempio, migliaia di anni fa, gli antichi egizi scoprirono una stella situata a 92 anni luce di distanza.

Loading...

Uno studio di scienziati dell’Università di Helsinki ha analizzato un antico papiro egiziano e ha scoperto che è il più antico testo storico conservato di osservazioni ad occhio nudo di una stella variabile situata a 92 anni luce di distanza, la stella binaria eclissante Algol 

Una rappresentazione del 1145 della cometa di “Halley”. Immagine di credito: Queen’s University di Belfast.

Ora, gli scienziati della Queen’s University di Belfast credono che tracce di polvere e gas nel cielo notturno, avvistate dagli astronomi anglosassoni, possano fornire la prova del misterioso Pianeta Nove.

Nel 2016, gli astronomi del Caltech hanno pubblicato uno studio che riportava l’esistenza di un pianeta non ancora scoperto, situato nelle parti più esterne del nostro sistema solare.

Si stima che Planet Nine abbia dieci volte la massa e da due a quattro volte il diametro della Terra.

Secondo gli astronomi del Caltech, Planet Nine ha un’orbita massiccia, il che significa che ci vogliono tra 10.000 e 20.000 anni per fare un solo passaggio intorno al sole.

Ma anche prima del 2016 gli astronomi si sono chiesti  se un tale pianeta  possa esistere ai margini del nostro sistema solare.

Secondo le notizie del  gennaio 2016, l’astronomo Michael Brown suggerisce che esiste una probabilità del novanta per cento che un tale pianeta esista davvero. Gli astronomi dicono che l’esistenza di un tale mondo alieno spiegherebbe lo strano modo in cui gli oggetti distanti nello spazio si muovono.

Arazzo di Bayeux e presenta una raffigurazione della cometa di Halley del 1066. Ora, gli esperti della Queen’s University Belfast dicono che tracce di polvere e gas nel cielo notturno registrate da antichi astronomi anglosassoni possono contenere prove del pianeta Nove. Immagine di credito: Wikimedia Commons .

E dal momento che il pianeta nove sfugge ancora alla scoperta, gli scienziati della Queen’s University credono che le antiche raffigurazioni di comete nel Medioevo possano fornire dati cruciali sull’ubicazione del misterioso mondo alieno.

Gli esperti credono che gli antichi resoconti anglosassoni, insieme ai moderni metodi scientifici, potrebbero essere usati per investigare gli effetti di un tale mondo e individuarlo nel cielo.

Secondo gli storici medievali e gli astronomi della Queens University, potremmo conoscere l’enigmatico pianeta esplorando la comprensione anglosassone del cosmo.

Gli esperti combinano i dati di comete individuate da astronomi anglosassoni, nonché immagini contemporanee di oggetti spaziali, compresi i dati ottenuti dalla NASA e dalla Northern Ireland Amateur Astronomy Society.

Combinando dati moderni con resoconti antichi, i ricercatori ritengono di poter restringere  il campo per l’individuazione della posizione del pianeta nove.

“Questo progetto di ricerca rinegozia il significato e l’importanza della scienza medievale e dimostra come le registrazioni medievali delle comete possano aiutare a testare la teoria dell’esistenza del fantomatico” Pianeta Nove “.”

“Guardando le registrazioni di comete in inglese antico, latino, antico irlandese e testi russi, miriamo a dimostrare che le popolazioni altomedievali effettivamente registrarono vere osservazioni astronomiche, riflettendo il loro interesse per la cosmologia e la comprensione dei cieli. L’idea di questo studio è nata dal forte desiderio di contestare l’assunzione e la percezione della mancanza di indagine scientifica nell’alto Medioevo, comunemente denominata “Dark Age”, ” spiegano gli esperti .

Il dott. Pedro Lacerda, un astrofisico ed esperto di comete e sistema solare di Queen’s ha affermato: “è fantastico poter usare dati che hanno circa mille anni per indagare su una teoria corrente. Per me, questo è uno degli aspetti più affascinanti del nostro progetto.

“Qualsiasi forte indicazione  dell’esistenza del ” Pianeta Nove ” individuata  negli  avvistamenti di comete registrate nel Medioevo sarà  importante e  avrà certamente un notevole impatto sulla nostra comprensione del sistema solare.”

Riferimento: Queen’s University Belfast .

Immagine in evidenza Credito: Wikimedia Commons / Queen’s University Belfast

Fonte: ancient-code.com 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.