loading...

Un corpo astronomico volò sulla Terra e produsse il diluvio universale della bibbia e dei “miti” di 12000 anni fa?

Quello che segue è un’ipotesi scientifica unificante che collega vari antichi miti di un inondazione a fatti scientifici tradizionali. Attualmente la narrativa biblica della grande alluvione non è sufficiente a spiegare alcuni fatti scientifici osservabili. Ecco alcuni esempi:

  • Tutti i pesci d’acqua dolce dovrebbero essere morti nell’alluvione.
  • Cosa mangiarono i carnivori dopo che scesero dall’arca? Mangiarono tutti gli erbivori?
  • Da dove viene l’immensa quantità d’acqua per poter coprire le montagne più alte del mondo? E anche se è successo, dove è finita tutta questa acqua dopo l’alluvione?

The Great Flood (circa 1450). ( Dominio pubblico )

The Great Flood (circa 1450). ( Dominio pubblico )

Miti di inondazione in tutto il mondo

Nonostante tali incongruenze inspiegabili, i miti dell’inondazione sono persistiti non solo nelle scritture abramitiche ma anche in molte altre culture distanti, varie e non connesse. E alcuni di loro sono ricchi di dettagli che hanno una strana somiglianza con il racconto di Noè. Nel suo libro ‘Fingerprints of the Gods’, Graham Hancock esamina a lungo le molte leggende di tutto il mondo – e alcune seguono una narrativa sorprendentemente simile: un uomo o una coppia sono preavvisati dagli dei della catastrofe imminente, incaricati di costruire un arca e raccogliere animali di ogni tipo, e così via …

Ecco alcuni che compongono la lunga lista:

  • Medio Oriente  L’epopea mesopotamica di Gilgamesh – la storia di Utnapishtim,
  • Centro America  il mito azteco di Coxcoxtly , mito mechoacanesecan di Tezpi , il mito maya del diluvio che ha travolto tutta la terra alla fine del quarto sole
  • Sud America  I Chibkas della Colombia centrale e la loro storia di Bochika e sua moglie , The Cañaris dell’Ecuador , la storia di Villa Coto dei nativi peruviani , gli Araucani del Cile precolombiano e la leggenda della montagna ThegTheg , The Pehuenche e Yamana di Terra del Fuoco
  • Nord America  Gli Inuit dell’Alaska e del Canada settentrionale, il Luiseno della Bassa California, Gli Uroni, Iroquois, Chickasaws, Sioux
  • Asia  I cinesi, i malesi, i tailandesi, i vietnamiti, i giapponesi e le Karens of Burma hanno tutti registri o leggende di un diluvio globale
  • Australia e Oceania  Ci sono miti di Hawaii, Samoa e diversi popoli aborigeni della parte nord tropicale dell’Australia
  • Grecia, India, Egitto – Il mito di Deucalion e Pyrrha (il greco Noè) , Il mito indiano vedico di Manu , Un testo funerario trovato nella tomba del faraone Seti I descrive la distruzione dell’umanità da un diluvio e le ragioni di questa catastrofe sono esposti nel libro dei morti …
Le inondazioni più mortali e dirompenti sarebbero discusse per gli anni a venire. Qui gli Aztechi eseguono un rituale per placare gli dei arrabbiati che hanno inondato la loro capitale. ( Dominio pubblico )

Le inondazioni più mortali e dirompenti sarebbero discusse per gli anni a venire. Qui gli Aztechi eseguono un rituale per placare gli dei arrabbiati che hanno inondato la loro capitale. ( Dominio pubblico )

Quindi, la domanda prevalente rimane – c’è stata una sola alluvione globale, o ci sono state una serie di inondazioni localizzate? E perché ogni mito parla di un diluvio globale che ha annullato l’umanità?

Curiosamente, gli Yamana ci hanno lasciato un indizio misterioso; il loro mito del diluvio porta un dettaglio interessante: “La donna della luna ha causato l’inondazione. Questo fu un periodo di grandi sconvolgimenti “.

Potrebbe essere un oggetto astronomico: un centauro o un pianeta minore volato via dalla terra, abbastanza lontano da non entrare in collisione o essere catturato in orbita, ma abbastanza vicino da causare un’immensa ondata di marea con la sua attrazione gravitazionale? Queste manovre da fionda sono anche comunemente utilizzate dalle navicelle interplanetarie sin dalle missioni dei Mariner negli anni ’60, quindi non c’è nulla di impossibile o improbabile in questo tipo di movimento.

Grafico raffigurante la traiettoria dell'asteroide 2012 DA14 il 15 febbraio 2013. In questa prospettiva, stiamo osservando dall'alto il polo nord della Terra. (Dominio pubblico)

Grafico raffigurante la traiettoria dell’asteroide 2012 DA14 il 15 febbraio 2013. In questa prospettiva, stiamo osservando dall’alto il polo nord della Terra. ( Dominio pubblico)

Tra le migliaia di oggetti minori in orbita attorno al sole, più di 150 di questi corpi hanno dimensioni superiori a 400 km. E alcuni di questi, i centauri, hanno orbite molto irregolari che attraversano le orbite dei principali pianeti.

Ci sono state molte congetture sull’esistenza di un corpo di centauro di questo tipo – comunemente noto come Pianeta X o Nibiru – una sfera ancora non rilevata e selvaggiamente speculativa – ma corpi di centauri così grandi esistono e ne vengono scoperti altri.

La resa di un artista di Planet X. (PlanetUser / CC BY SA 4.0)

La resa di un artista di Planet X. (PlanetUser / CC BY SA 4.0)

Uno di questi incontri ravvicinati, anche se senza una vera e propria collisione, potrebbe scatenare una catena catastrofica di eventi. Inizialmente, l’attrazione gravitazionale avrebbe devastato i livelli oceanici del mondo tirando su grandi maremoti  trasportandoli attraverso i continenti – un gigantesco tsunami – spazzando via tutto sul suo cammino. L’attrazione influirebbe anche sull’atmosfera – si noti che molti dei miti dell’inondazione descrivono forti venti e tempeste. Inoltre, separerebbe le placche tettoniche, causando terremoti e eruzioni vulcaniche.

Inoltre, con un sorvolo così vicino, l’attrazione gravitazionale della Terra altererebbe l’orbita dell’asteroide e probabilmente lo spezzerebbe con alcuni dei pezzi che potrebbero incendiarsi nell’atmosfera terrestre e colpire la terra.

E, naturalmente, questi eventi accaduti molti secoli prima della storia registrata sarebbero stati raccontati solo di bocca in bocca e diventati inaffidabili. Tuttavia, ecco che arriva una scienza difficile.

La scienza – Il collo di bottiglia della popolazione umana

Gli scienziati del DNA hanno osservato che le mutazioni accumulate nel genoma umano sono così poche, rispetto ad altri mammiferi, che l’intera popolazione umana ha una diversità genetica pari a un centinaio di scimmie. Lo attribuiscono a un recente collo di bottiglia evolutivo quando siamo quasi arrivati ​​all’estinzione e l’intera popolazione umana era stata ridotta a circa poche migliaia di individui. Questo ha ridotto la diversità genetica delle popolazioni che sono nate dopo.

La tempistica di questo collo di bottiglia è difficile da determinare – molti scienziati la basano sulla catastrofe di Toba di 70.000 anni fa, ma la stima in corso è che il più recente antenato europeo (mrca) possa essere vissuto fino a 1000 anni fa. Però da notare che mrca non significa che non ci fossero altre persone in giro.

Grafico che mostra l'evoluzione degli aplogruppi mtDNA in MRCA. (C. Rottensteiner / CC BY SA 3.0)

Grafico che mostra l’evoluzione degli aplogruppi mtDNA in MRCA. (C. Rottensteiner / CC BY SA 3.0)

Emergenti prove archeologiche

Gli archeologi notano anche che, sebbene esistano esseri umani intelligenti (Homo sapiens) da circa 300 mila anni, abbiamo solo prove di alta cultura o architettura fin dal 10000 aC. Nessun edificio o altra traccia di civiltà è sopravvissuta più a lungo di questo periodo, e tradizionalmente ciò è stato attribuito alla mancanza di una società umana organizzata.

Tuttavia, più recentemente ricercatori come Graham Hancock, Stephen Mehler e Brian Foerster, tra molti altri, stanno esaminando la possibilità di civiltà avanzate più vecchie che potrebbero aver preceduto un cataclisma globale di qualche tipo. L’evidenza archeologica sta crescendo per un evento catastrofico intorno ai 12.000 anni prima della fine dell’ultima era glaciale, che avrebbe messo in ginocchio la civiltà umana.

Gli storici e Erodoto danno prove di catastrofi

Anche se stiamo parlando di preistoria, il nostro primo storico affidabile – Erodoto – racconta di una conversazione con i sacerdoti egiziani – i grandi custodi del tempo – che menziona enormi eventi cataclismici che decimano le popolazioni di molte nazioni, inclusi gli ateniesi e che li portano a ricominciare “come bambini”.

Impressione della spettacolare cometa a dieci code registrata dagli antichi egizi nel 1486 aC. (Illustrazione di Graham Phillips)

Impressione della spettacolare cometa a dieci code registrata dagli antichi egizi nel 1486 aC. (Illustrazione di Graham Phillips)

Abbiamo anche intravisto una possibile linea temporale: Erodoto stima che la loro storia sia di circa 11000 anni, estrapolando dal numero delle generazioni reali:

” Dopo quest’uomo i sacerdoti elencati da me da un papiro tirano i nomi di altri re, trecentotrenta di numero; e in tutte queste generazioni di uomini diciotto erano etiopi, uno era una donna, un nativo egiziano , e il resto erano uomini e di razza egiziana . “

L’estinzione globale della megafauna di 12.000 anni fa

I paleontologi riconoscono l’estinzione della megafauna dei mammiferi come l’estinzione dell’Olocene di 12.000 anni fa- un’altra coincidenza temporale – ma molti studiosi nominano la sua causa principale dovuta all’uomo.

Questo è generalmente assunto dai mainstream perché l’estinzione coincide con la linea temporale in cui gli esseri umani moderni si diffondono attraverso i nuovi continenti. Tuttavia, l’evidenza è scarsa, la correlazione non dimostra la causalità e inoltre, se gli scienziati del DNA hanno ragione sul collo di bottiglia della popolazione umana – poche migliaia di esseri umani difficilmente cacciano le specie continentali fino all’estinzione, soprattutto prima dell’età della polvere da sparo.

Esposizione di mammiferi nel Royal BC Museum di Victoria (Canada). (CC BY SA 2.0)

Esposizione di mammiferi nel Royal BC Museum di Victoria (Canada). (CC BY SA 2.0)

Le prove qui suggeriscono che un evento è stato sperimentato da diversi popoli in tutto il mondo durante lo stesso periodo. Vi sono anche prove del fatto che la popolazione globale ne è stata fortemente colpita, il che si riflette in più resoconti e “miti” di tutto il mondo.

L’autore ha ipotizzato che un incontro ravvicinato da parte di un corpo astronomico potrebbe causare tale interruzione sulla Terra che spiegherebbe molti dei miti e della scienza emergente. Ma è possibile?

Questa è la parte conclusiva di un articolo in due parti che offre un’ipotesi scientifica unificante che collega vari antichi miti di inondazioni a fatti scientifici tradizionali.

Seconda parte

La prima parte offre fatti scientifici che sembrano corrispondere alle numerose storie di inondazioni che esistono in tutto il mondo. Avendo stabilito la probabilità di un massiccio evento globale, suggeriva la possibilità che un evento di questo tipo potesse essere causato da un incontro ravvicinato con un oggetto astronomico.

Questa sezione valuterà se la scienza consente a questa teoria di essere valida.

Il percorso della distruzione

Qui, ho tracciato tutti i luoghi del mito del diluvio secondo la ricerca di Graham Hancock e ho sovrapposto una possibile traccia a terra (vedi la definizione sotto) dove la forza gravitazionale del corpo avrebbe generato i più alti livelli di piena di marea. Nell’Oceano Pacifico questa ondata di marea si sarebbe estesa per colpire l’intera costa occidentale delle Americhe.

Posizioni di Myth Flood (cerchiate) con terreno tracciato e percorso delle maree suggerito. (L'autore ha fornito)

Posizioni di Myth Flood (cerchiate) tracciate sul terreno mostrano il percorso delle maree. (Fornito dall’autore)

Una traccia a terra è il percorso sulla superficie della Terra direttamente al di sotto di un satellite . È la proiezione dell’orbita del satellite sulla superficie della Terra (o qualunque corpo sia il satellite in orbita).

Una traccia terrestre satellitare può essere pensata come un percorso lungo la superficie terrestre che traccia il movimento di una linea immaginaria tra il satellite e il centro della Terra. In altre parole, la traccia di terra è l’insieme di punti in cui passerà il satellite  direttamente sopra la testa, o attraverserà lo zenit , nel quadro di riferimento di un osservatore di terra.

Esempio di una traccia a terra. ( Fornito dall'autore)

Esempio di una traccia a terra. ( Fornito dall’autore)

Un cataclisma gravitazionale non solo causerebbe immense inondazioni di marea, ma terremoti, eruzioni vulcaniche, e sarebbe seguito dall’inverno vulcanico associato, un congelamento che causerebbe la morte delle piante e la distruzione dell’habitat delle specie.

La fisica

Quindi, quanto dovrebbe essere grande un tale corpo spaziale a non influenzerebbe l’orbita della Terra?

La forza gravitazionale

Per calcolare la forza gravitazionale tra due oggetti con masse di m1 e m2, l’equazione è:   dove G è la costante gravitazionale (6.67E-11 m3 s-2 kg-1), r è la distanza tra i due oggetti, e F è la grandezza della forza tra gli oggetti.

Alcuni fatti, numeri e ipotesi

Massa terrestre: 5,97237 × 10 24  kg

Massa lunare: 7,342 × 10 22  kg

Raggio medio della Terra – 6371 km

La distanza orbitale media della Luna al momento attuale: 384,40 km

I corpi astronomici più grandi di 400 km  hanno sufficiente attrazione gravitazionale per assumere una forma sferica.

L’altezza media (ampiezza) delle maree oceaniche causata dalla luna è di circa 0,54 metri . Poiché l’80% dell’umanità vive vicino a una costa, o nelle pianure, è necessario un catastrofico  tsunami che potrebbe devastare le valli e le pianure costiere. essere più alto di 50-100 metri.

The Flood (Die Sintflut, Suendflut) di Lesser Ury. (The Commons)

The Flood (Die Sintflut, Suendflut) di Lesser Ury. (The Commons)

Ciò significa che la forza gravitazionale necessaria per crearla deve essere circa 50-100 volte più forte di quella che attualmente la Terra sperimenta dalla luna. Questo tuttavia non richiede un oggetto 50-100 volte più grande della luna, l’equazione di gravità sopra ci permette di avere un corpo molto più piccolo che vola molto più vicino alla terra. Questo perché la gravità è inversamente proporzionale al quadrato della distanza. Ma non la massa. Per illustrare questo, immaginiamo di dimezzare la massa lunare e allo stesso tempo portarla a metà strada più vicino alla terra, quindi la forza gravitazionale sarebbe raddoppiata!

Possiamo dividere entrambi questi valori per 50 per ottenere una distanza di circa 8000 km  e un volume di circa 400 k m3 , che si traduce in circa 900 km  di diametro. Questo ci darà una spinta gravitazionale di 50 volte la luna.

Se i miei calcoli e le ipotesi sono corrette, un oggetto di circa 900 km di diametro che passa vicino la terra ad un’altitudine inferiore a 1000 chilometri (di media densità rocciosa) sarebbe grande e abbastanza pesante da creare una forte marea localizzata  con sollevamento negli oceani sotto la sua traiettoria di volo (circa 50 volte l’attuale ampiezza di marea). Questo è abbastanza grande da distruggere la maggior parte del genere umano e una grande porzione della fauna, ma abbastanza piccola da non causare un evento di estinzione importante o per disturbare il percorso e la rotazione orbitale della Terra.

Una grande meteora ha sorvolato gli Urali in Russia nelle prime ore del mattino del 15/02/2013. La palla di fuoco è esplosa sopra la città di Chelyabinsk che ha causato danni agli edifici e centinaia di persone sono rimaste ferite. (Alex Alishevskikh / CC BY SA 2.0)

Una grande meteora ha sorvolato gli Urali in Russia nelle prime ore del mattino del 15/02/2013. La palla di fuoco  esplosa sopra la città  di Chelyabinsk causando danni agli edifici e centinaia di persone sono rimaste ferite. (Alex Alishevskikh / CC BY SA 2.0)

Immagine di anteprima: colpo di meteora. ( Dominio pubblico )

Di KIRK KIRCHEV

Fonte:

Un corpo astronomico volò sulla Terra e produsse le inondazioni dei “miti” di 12000 anni fa? – Parte 1

Un corpo astronomico volò sulla Terra e produsse le inondazioni dei “miti” di 12000 anni fa? – Parte 2

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *