loading...

Più di 50 enormi disegni antichi trovati in Perù si aggiungono al mistero delle linee di Nazca

Sono stati rinvenuti più di 50 nuovi geoglifi,che si  aggiungono alle misteriose sculture del Perù. Alcuni sono appartenenti alla stessa cultura delle linee di Nazca e altri mostrano disegni unici. Gli archeologi hanno fatto la loro emozionante scoperta  combinata con la conoscenza e l’esplorazione in loco.

Secondo il National Geographic , i nuovi disegni sono stati identificati nella provincia di Palpa o in Perù e comprendono sia le figure lineari e poligonali realizzate dalla cultura nazca tra il 200 e il 700 d.C., sia figure umane scolpite nella terra dalle culture di Paracas o Topará tra il 500 a.C. e il 200 d.C.

Le figure umane sono più prominenti nei geoglifi di Paracas. ( National Geographic )

L’archeologo Luis Jaime Castillo Butters, il nuovo co-scopritore dei geoglifi, afferma che i precedenti geoglifi peruviani non sono così visibili come le linee di Nazca, essendo stati per lo più posti sui fianchi delle colline e logorati dal tempo. “La maggior parte di queste figure sono di guerrieri. Questi potrebbero essere stati  individuati da una certa distanza, quindi le persone li hanno visti, ma nel tempo sono stati completamente cancellati. ”

Recentemente scoperte le linee di Nazca catturate da un drone. (Luis Jaime Castillo, Palpa Nazca Project) Gli archeologi ritengono che queste linee siano state realizzate in momenti diversi e con scopi diversi.

Recentemente scoperte le linee di Nazca catturate da un drone. ( Luis Jaime Castillo, Palpa Nazca Project ) Gli archeologi ritengono che queste linee siano state realizzate in momenti diversi e con scopi diversi.

 

GlobalXplorer , un progetto di archeologia crowdsourcing presentato dall’archeologa spaziale Sarah Parcak e gestito da oltre 70.000 volontari, ha utilizzato immagini satellitari per contrassegnare centinaia di potenziali siti di interesse in Perù attorno alle linee di Nazca. Gli archeologi peruviani, quindi ,hanno preso queste informazioni per esplorare i luoghi più probabili con droni ad alta quota.

Parcak ha spiegato al National Geographic che GlobalXplorer è un servizio per aiutare gli archeologi a localizzare e proteggere i siti, : “Forniamo i dati agli esperti locali: questo è il loro patrimonio culturale, sono le parti interessate. Stiamo fornendo una risorsa. ”

E il capo restauratore e protettore delle linee di Nazca , l’archeologo del Ministero della Cultura peruviano Johny Isla, dice che l’aiuto è incommensurabile ,

“I dati e le informazioni ottenuti con il progetto GlobalXplorer sono straordinari in termini di qualità e quantità e, soprattutto, forniti  in un periodo di tempo relativamente breve. Questo ci pone in prima linea nel registro dei siti archeologici e dei geoglifi in particolare. “

Capo del geoglifo appena scoperto "il pellicano". (National Geographic)

Geoglifo appena scoperto “il pellicano”. ( National Geographic )

Mentre le immagini satellitari possono aiutare a individuare alcuni luoghi di interesse, non sono in grado di vedere tutti i dettagli che,invece, i droni a volo più basso possono vedere. Castillo dice che i droni che volano a  60 metri o meno forniscono viste più dettagliate di disegni più piccoli  “essendo la risoluzione della [fotocamera da drone]  incredibilmente alta.”

Il lavoro non è finito, ci sono ancora molte altre location da esplorare e la lotta per preservare le linee di Nazca e i geoglifi più antichi continua. Castillo descrive l’immensità della battaglia per la preservazione dicendo :

“Non stiamo combattendo contro il saccheggiatore con la sua pala,che scappa appena  fai un fischio; stiamo combattendo un esercito di avvocati. Questa è una battaglia costante, quindi il lavoro che stiamo facendo, documentando i siti, la georeferenziazione, è la migliore protezione che possiamo offrire ai siti “.

 La più grande minaccia non è necessariamente il saccheggio, ma lo sviluppo urbano e rurale non pianificato,che  si riversa nel deserto. C’è sempre la preoccupazione che una protesta nel deserto sfugga di mano o un guidatore imprevedibile causi anche una distruzione irreparabile .

I geoglifi nel deserto peruviano sono indubbiamente importanti per comprendere le culture pre-ispaniche del Perù, di aspetto impressionante e un mistero affascinante che attende ancora di essere risolto, ma purtroppo la battaglia per la loro conservazione non finisce mai.

Il geoglifo completo del pellicano. (National Geographic)

Il geoglifo completo del pellicano. ( National Geographic )

Immagine in alto: raffigurazione di un umano volante legato a una scimmia. I geoglifi che precedono le linee di Nazca mostrano molti più disegni umani. Fonte: National Geographic

Di Alicia McDermott

Fonte: www.ancient-origins.net 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *