loading...

Non stiamo cambiando solo la Terra,ma per sbaglio abbiamo creato una bolla protettiva

La NASA ha rilevato una massiccia “bolla” creata dagli umani nello spazio attorno alla Terra.

Questa barriera ha un effetto sul clima spaziale che va ben oltre l’atmosfera del nostro pianeta. Ciò significa che non stiamo cambiando solo la terra, ma anche lo spazio.

Gli scienziati ritengono che dovrebbe essere nominata una nuova era geologica, determinata dall’umanità.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Science Space Reviews.

La sorpresa

La buona notizia è che, a differenza della nostra influenza sul pianeta stesso, questa bolla che creiamo nello spazio è vantaggiosa per noi.

Nel 2012, la NASA ha lanciato due sonde spaziali per osservare le fasce di Van Allen. Il nostro pianeta è circondato da due di queste cinture di radiazioni (e una terza temporanea): l’interno si estende da 640 a 9.600 chilometri sopra la superficie della Terra, mentre l’esterno si trova a un’altitudine compresa tra 13.500 e 58.000 chilometri.

L’anno scorso, le sonde hanno rilevato qualcosa di strano mentre monitoravano l’attività delle particelle cariche intrappolate nel campo magnetico terrestre: queste pericolose scariche solari venivano tenute sotto controllo da una sorta di barriera a bassa frequenza.

Mentre i ricercatori investigavano ulteriormente,hanno scoperto che questa barriera stava attivamente allontanando le cinghie di Van Allen dalla Terra negli ultimi decenni, e che le correnti di radiazione erano in realtà più lontane da noi che negli anni ’60.

VLF

La barriera era formata da un certo tipo di comunicazione radio chiamata “frequenza molto bassa” (VLF).

Questo segnale è diventato molto più comune ora che negli anni ’60 e può influenzare come e dove si muovono certe particelle nello spazio.

In altre parole, grazie a VLF, ora abbiamo un clima spaziale antropogenico, cioè creato dall’uomo.

“Diversi esperimenti e osservazioni hanno scoperto che, nelle giuste condizioni, i segnali di comunicazione radio nella gamma VLF possono effettivamente influenzare le proprietà dell’ambiente delle radiazioni ad alta energia intorno alla Terra”, ha affermato Phil Erickson dell’Istituto di Tecnologia Massachusetts (USA).

La formazione della bolla

I segnali VLF non giocano un ruolo importante nella nostra vita quotidiana, ma sono uno dei pilastri di molte operazioni scientifiche, militari e ingegneristiche.

Le frequenze tra 3 e 30 kilohertz sono troppo deboli per le trasmissioni audio, ma sono perfette per trasmettere messaggi codificati su lunghe distanze o in acque profonde.

Uno degli usi più comuni di questi segnali è la comunicazione nei sottomarini, ad esempio. Poiché le loro ampie lunghezze d’onda possono diffondersi attraverso grandi ostacoli, come le montagne, vengono anche utilizzate per effettuare trasmissioni su terreni accidentati.

Questi segni non dovrebbero andare da nessuna parte eccetto la Terra, ma si stanno perdendo nello spazio attorno al nostro pianeta – e in quantità sufficiente per formare una gigantesca bolla protettiva.

Influenze umane nello spazio

Quando i ricercatori NASA hanno confrontato la posizione della bolla VLF ai limiti delle fasce di radiazione, inizialmente hanno pensato che fosse solo una coincidenza interessante che l’estensione esterna della bolla corrispondesse quasi esattamente al bordo interno delle fasce.

Una volta che si sono resi conto che i segnali VLF potevano influenzare il movimento delle particelle cariche all’interno di queste cinture di radiazioni, hanno concluso che questa barriera fatta inavvertitamente dall’uomo stava progressivamente spingendoli via.

Anche se la bolla protettiva involontaria è probabilmente la migliore influenza che  l’uomo abbia mai avuto sullo  spazio, non è certamente l’unica: abbiamo lasciato il segno là fuori dal diciannovesimo secolo e in particolare negli ultimi 50 anni, grazie a test con esplosioni nucleari.

Queste esplosioni hanno creato cinghie di radiazioni artificiali vicino alla Terra che hanno già provocato ingenti danni a diversi satelliti. Altri impatti antropogenici sull’ambiente spaziale includono esperimenti chimici e riscaldamento della ionosfera da parte di onde ad alta frequenza. [ ScienceAlert ]

Fonte: hypescience.com

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *