loading...

Il futuro è già qui: entro 10 anni verrà rianimato il primo uomo “congelato”

Ibernazione e crionica, due pratiche ormai di sempre più grande diffusione: tra 10 anni verrà rianimato il primo uomo “congelato”
Ibernazione e crionica, due pratiche ormai di sempre più grande diffusione, ma che spaventano ancora molto. Cosa accadrà quando e persone ‘congelate’ saranno rianimate? Riprenderanno davvero a vivere come prima nonostante i decenni passati nel ghiaccio? Lo scopriremo in un tempo relativamente breve: il primo essere umano “congelato” con le tecniche criogeniche potrebbe essere “riportato in vita” entro i prossimi 10 anni. Lo ha annunciato al Daily Stars Dennis Kowalski, presidente del Cryonics Institute con sede nel Michigan, che si occupa appunto di crioconservare essere umani.

In tutto il mondo sono all’incirca 350 le persone che hanno scelto di essere “congelate” subito dopo la morte nella speranza di poter essere rianimate in futuro. Il Cryonics Institute di Kowalksi ha quasi 2mila persone registrate per essere congelate dopo la loro morte. L’azienda ha gia’ 160 persone “congelate” in apposite vasche di azoto liquido. Kowalski ha dichiarato che la scelta del giorno i cui i primi pazienti verranno rianimati dipende dalla velocita’ con cui la medicina moderna migliorera’.

“Dipende dagli avanzamenti della tecnologia come quella delle cellule staminali”, ha detto. Ma la tecnologia, secondo Kowalski, sta avanzando velocemente. “Se pensate a qualcosa come la Cpr (rianimazione cardiopolmonare, ndr) – ha dichiarato Kowalski – sarebbe sembrato incredibile 100 anni fa. Ora diamo per scontato la tecnologia“. L’uomo ha aggiunto: “Riportare in vita ciogenicamente qualcuno dovrebbe essere definitivamente fattibile in 100 anni, ma potrebbero volercene appena 10”.

La crionica, nota anche come criogenia e crioconservazione, è la pratica che permette di congelare un cadavere o parti del suo corpo per preservarli. Coloro che credono in questa procedura pensano di poter ritornare un giorno in vita, quando la scienza medica riuscira’ a progredire tanto da curare il male che li ha uccisi. Al momento è legale solo congelare qualcuno quando è appena stato dichiarato morto: tale processo deve iniziare appena il paziente muore per prevenire danni cerebrali. Il servizio è offerto solo in apposite strutture che si trovano in Russia, negli Stati Uniti e nel Portogallo.

La procedura consiste nel raffreddare il corpo in una vasca di ghiaccio per ridurre gradualmente la temperatura. Poi gli esperti devono drenare il sangue e sostituirlo con una sorta di liquido antigelo per fermare la formazione di cristalli di ghiaccio che possono danneggiare il corpo. Il 49enne Kowalski ha speso 140mila dollari per congelare se’ stesso e la sua famiglia alla loro morte con lo scopo di essere rianimati insieme. Lui, sua moglie Maria e i tre figli (Jacob 19 anni, Danny 17 e James 16) saranno conservati in una vasca di azoto liquido alla loro morte. Per Kowalski coloro che scelgono questa opzione avrebbero “poco da perdere e praticamente tutto da guadagnare”.

 A cura di Antonella Petris

Fonte: www.meteoweb.eu 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *