loading...

10 simboli antichi di cui pensi di conoscere il significato (ma probabilmente non lo sai)

Dai pigmenti alle macchine da stampa, i simboli hanno sempre  fatto parte della nostra comunicazione fin dalle origini dell’umanità. L’imperfezione della parola  ha indubbiamente accresciuto il bisogno di  condividere idee e  ha stimolato l’invenzione , alla fine ha portato alla creazione di nuove forme di comunicazione, migliorando sia la gamma a cui le persone possono attingere sia la longevità delle informazioni.

Al giorno d’oggi, i simboli sono così comuni che non ci chiediamo quasi mai come sono comparsi o quale sia la loro origine. Un simbolo può dare molte informazioni su una persona, un gruppo di persone, un’organizzazione, o persino  su una religione e  su un’ideologia politica più di mille parole. Molti di noi sono perfettamente consapevoli di ciò che certi simboli rappresentano e in molti casi basta un solo gesto o saluto per fornire un messaggio chiaro. Ogni dicembre, ad esempio, milioni di persone in tutto il mondo decorano le loro case con il vischio e si baciano sotto di esso. Il significato originale di questa pianta, tuttavia, non aveva nulla a che fare con il bacio o il Natale. Il mito norreno antico, dove ha origine il vischio, ha visto il vischio come simbolo di castrazione rituale.

Qui sono elencati altri dieci simboli dell’antichità a cui nell’era moderna attribuiamo un significato spesso molto diverso rispetto al passato, e che noi non conosciamo.

Il dito medio

Non è necessario spiegare il significato moderno di questo gesto  irrispettoso dal momento che è estremamente diffuso. Ma non tutti sanno che questo simbolo risale all’antica Grecia. Ma non era  considerato nè offensivo  nè ostile   come  oggi. Veniva semplicemente  associato a rapporti sessuali e alla  fertilità. Nello specifico, rappresentava un fallo.

Pollice in su

Il  pollice in su è un altro gesto della mano molto diffuso nei  nostri tempi il cui vero significato e origine pochi conoscono. A seconda che il pollice sia esteso verso l’alto o verso il basso, viene visto rispettivamente  come una rappresentazione di approvazione o disapprovazione. Oggi questo simbolo ha una scarsa connessione con le sue origini, quando si decideva se salvare la vita (o meno) di un gladiatore romano. Come molti hanno probabilmente visto nei film, le folle romane hanno usato questo gesto della mano alla fine di un evento gladiatorio per decidere se un gladiatore sconfitto dovesse vivere o morire.

'Pollice Verso', dipinto del 1872 di Jean-Léon Gérôme (Phoenix Art Museum)

Pollice Verso’ , dipinto del 1872 di Jean-Léon Gérôme (Phoenix Art Museum). ( Dominio pubblico )

Il pentagramma

Il pentagramma è il più semplice poligono delle stelle regolari ed è stato associato al rapporto aureo e alla perfezione architettonica nell’antica Grecia. Al giorno d’oggi, tuttavia, molte persone pensano al male e alla magia nera quando vedono un pentagramma – dal momento che il simbolo è stato collegato al satanismo.

Immagine di un corpo umano in un pentagramma tratto da "Libri tres de occulta philosophia" di Heinrich Cornelius Agrippa. I simboli del sole e della luna sono al centro, mentre gli altri cinque "pianeti" classici sono intorno al bordo.

Immagine di un corpo umano in un pentagramma tratto da “Libri tres de occulta philosophia” di Heinrich Cornelius Agrippa. I simboli del sole e della luna sono al centro, mentre gli altri cinque “pianeti” classici sono intorno al bordo. ( Dominio pubblico )

Il segno V

Il segno V è un gesto della mano che le persone usano ampiamente  per mostrare le loro intenzioni pacifiche o per esprimere la vittoria. L’origine di questo segno, tuttavia, non ha nulla a che fare con la pace o la vittoria. Risale alla Guerra dei Cent’Anni (1337-1453) quando gli arcieri inglesi schernivano i loro nemici francesi alzando le loro due dita, l’indice e il medio.Ma proprio per questo gesto, quando un arciere inglese veniva  catturato dai francesi di solito gli veniva mozzata la mano destra, assicurandosi  che non sarebbe  più stato  in grado di uccidere un  soldato francese in battaglia.

Winston Churchill in Downing Street dà il suo famoso segno a "V".

Winston Churchill in Downing Street dà il suo famoso segno a “V”. ( Dominio pubblico )

La forma del cuore

La forma del cuore è un simbolo che oggi è strettamente associato all’amore, alle relazioni romantiche e, più recentemente, a San Valentino. Ma nell’antica Grecia non aveva nulla a che fare con niente di tutto ciò. Per prima cosa incontriamo la forma del cuore come simbolo del silfio, una specie di finocchio gigante che un tempo cresceva sulla costa nordafricana vicino alla colonia greca di Cirene. Gli antichi greci usavano il silfio per aromatizzare il cibo e come medicinale, ma in seguito sarebbe diventato la forma più popolare di controllo delle nascite.

Silphium integrifolium.

Silphium integrifolium. ( Dominio pubblico )

Il barbiere

Probabilmente pochi sanno che  i colori sul palo del barbiere vecchio stile, quasi iconico, non sono casuali. Essi simboleggiano un’eredità sanguinosa del periodo medievale, quando la gente andava dai barbieri non solo per un taglio di capelli e una rasatura, ma anche per il salasso e altre procedure mediche.Durante il Medioevo il salasso era un trattamento comune per una vasta gamma di malattie e  i barbieri erano  considerati di fiducia, come medici per eseguire la procedura.

Barbiere-dentista del XVI secolo.

Barbiere-dentista del XVI secolo. ( Dominio pubblico ) Durante il Medioevo il salasso veniva eseguito da barbieri e medici.

Le corna del diavolo

La maggior parte di noi pensa alla musica hard rock quando vediamo le corna del diavolo, ma la storia di questo simbolo risale addirittura all’antica India, dove fu usato come gesto del Buddha per espellere demoni e rimuovere ostacoli come malattie o pensieri negativi.

Segno di mano di corna del diavolo.

Segno di mano di corna del diavolo. (Ra Boe / CC BY SA 3.0 )

Il “Saluto a due dita”

Il saluto a due dita – da non confondere con il segno V – non è un modo popolare per salutare qualcuno, ma alcune persone lo fanno, per lo più istintivamente. Indipendentemente da come viene considerato oggi, questo gesto della mano risale all’antica Roma, dove i gladiatori sconfitti lo usavano per chiedere misericordia al Signore dell’Arena.

Spartacus esegue un "saluto a due dita".

Spartacus esegue un “Saluto a due dita”. ( Taringa! )

Mudra (gesti delle mani)

Potrebbe suonare  divertente a chi conosce l’origine dei mudra, ma ci sono davvero molte persone, specialmente negli Stati Uniti, che sono convinte che alcuni dei mudra abbiano avuto origine nei ghetti americani e rappresentino certe gang come Bloods o Crips. Naturalmente, i mudra originali non hanno nulla a che fare con la violenza o le bande e hanno avuto origine in India, dove simboleggiano pace, armonia e buona salute mentale, tra le altre cose positive.

Un mudra popolare.

Un mudra popolare. ( CC0 )

La svastica

Nella maggior parte dell’Occidente, la svastica è sinonimo di nazismo, fascismo e razzismo, ma in realtà questo simbolo di buona fortuna e benessere è stato un simbolo sacro nell’induismo, nel buddismo e in altre religioni euroasiatiche negli ultimi dodici mila anni.

Un collage di stili svastica trovati in quattro culture diverse.

Un collage di stili svastica trovati in quattro culture diverse. ( CC BY SA 4.0 )

Top Image: Acollection of ancient signs and symbols: le mani di Buddha formano un mudra. ( CC BY SA 3.0 ) Un cuore. ( Public Domain ) Segno di mano di corna del diavolo. (Ra Boe / CC BY SA 3.0 ) Pollice su e giù. ( CC0 ) Un palo da barbiere. (Dave Barr / CC BY SA 2.0 ) Un pentagramma. (Sam Kelly / CC BY 2.0 )

Di Theodoros Karasavvas

Riferimenti

Il libro dei simboli: riflessioni su immagini archetipiche (libro). Disponibile a:

https://www.goodreads.com/book/show/9321125-the-book-of-symbols

JE Cirlot. (2014). Un dizionario di simboli . Disponibile a:

https://www.amazon.com/Dictionary-Symbols-JE-Cirlot/dp/1566490545/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&qid=1460457962&sr=8-1&keywords=cirlot+dictionary+of+symbols&linkCode=sl1&tag=templumkabbal-20&linkId= a9cb4fb374876c588c38138cbb70f39d

Theodoros Karasavvas. (2016). 25 simboli moderni che hanno perso il loro significato originale. Disponibile a:

https://list25.com/25-modern-symbols-that-have-lost-their-original-meaning/

Fonte: www.ancient-origins.net

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *