loading...

9 sintomi che indicano che soffri della “malattia della muffa” e cosa fare a riguardo

La “malattia della muffa” è poco conosciuta, ma molto diffusa. La muffa, che è composta da biotossine che il corpo non riesce a processare, può entrare nel nostro organismo e causare una serie di sintomi che possono essere vari da persona in persona. Di seguito ti elenchiamo 10 sintomi della “malattia della muffa“.

Naso che cola. Assieme alla congestione, è uno dei principali sintomi della malattia della muffa. A causare ciò è il muco che viene creato dal sistema immunitario per proteggere il corpo dalla muffa.

Starnuti. La muffa può causare sintomi simili a quelli del raffreddore, starnuti compresi. Le spore della muffa causano irritazione nel naso e nella gola.

Tosse. Quando vengono inalate le spore della muffa, irritano le pareti della gola causando tosse.

Prurito agli occhi. Proprio come altri allergeni come il polline, anche la muffa spinge il corpo a rilasciare istamina. Una delle cause più comuni è il prurito ad occhi, naso e gola.

Lacrimazione. L’istamina favorisce anche la produzione di lacrime: spinge il sistema immunitario a creare fluidi per espellere gli allergeni e altre tossine.

Pelle secca. La reazione allergica alla muffa può causare infiammazione e irritazione della pelle.

Dispnea. Un altro dei sintomi più frequenti: quando si inalano spore microscopiche, esse irritano e infiammano le pareti della gola e le vie respiratorie, riducendo il flusso di aria.

Mancanza d’aria. Un sintomo associato alla dispnea. Anche l’asma può essere una conseguenza della malattia da muffa.

Dolore al petto. E’ meno frequente, ma anch’esso associato a questa condizione. Al dolore è associata una sensazione di pressione.

Cosa fare per ridurre il rischio. Si suggerisce di usare un deumidificatore nei luoghi della casa in cui circola meno aria, come nel bagno se non dotato di finestre. Pulisci con frequenza le aree più esposte all’accumulo di acqua e umidità.

Fonte: www.rimedio-naturale.it

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *