loading...

Gran parte dell’Europa è coperta da una misteriosa nube di radiazioni

L’Europa ha trascorso il mese scorso cercando di svelare un mistero: come ha fatto una nube radioattiva a coprire la maggior parte del continente?

Dopo settimane di silenzio e smentite, la Russia alla fine ha confermato di aver rilevato prove di tali radiazioni, notando un picco drammatico sopra gli Urali.

Il riconoscimento è arrivato dopo che diverse altre nazioni europee hanno suggerito che il paese fosse la probabile fonte del cloud, identificato per la prima volta in settembre.

Secondo la BBC, diverse stazioni europee hanno misurato tra il 29 settembre e il 13 ottobre alti livelli di rutenio-106, una sostanza che non si trova in natura ma è prodotta in impianti nucleari in gran parte dell’Europa.

La fonte della fuga rutena sembrava essere la Russia, ma i funzionari russi continuarono a dire che non avevano alcuna conoscenza di alcun incidente nucleare nel loro territorio, dal momento che nessuna compagnia registrava livelli di radiazione superiori alla norma.

Il servizio meteorologico del paese, Rosidromet, ha ora confermato per la prima volta i risultati ottenuti dall’Istituto francese per la protezione dalle radiazioni e la sicurezza nucleare.

Hanno riconosciuto la “contaminazione estremamente elevata” sopra gli Urali, rilevando i livelli dell’isotopo radioattivo di rutenio-106  quasi 1.000 volte maggiore della quantità normale.

Pur ammettendo un’elevata contaminazione nel suo territorio, la Russia continua a sostenere che non ha prodotto l’aumento, suggerendo che gli alti livelli di radiazione sopra l’Italia, la Romania e l’Ucraina potrebbero significare che questi paesi erano responsabili della perdita.

“I dati pubblicati non sono sufficienti per stabilire la posizione della fonte di inquinamento”, ha detto il capo di Rosidromet Maxim Yakovenko.

Mentre il picco delle radiazioni si trova nella regione di Chelyabinsk, vicino al confine con il Kazakistan, l’inchiesta francese ha suggerito che “la zona di rilascio più plausibile sarebbe tra il fiume Volga e le montagne degli Urali” all’interno della Russia.

La buona notizia è che la nube di radiazioni è probabilmente innocua.

“È importante metterlo nel contesto”, spiega Malcolm Sperrin, MD, un fisico medico presso l’Università di Oxford nel Regno Unito. “Il rutenio è molto raro e quindi la sua presenza potrebbe suggerire che si è verificato un evento di qualche tipo. Detto questo, l’abbondanza è così bassa che persino un fattore di 900 sopra i livelli naturali è ancora molto basso. “

Si ritiene che il materiale possa essere stato rilasciato a causa di un incidente non dichiarato in un impianto di trattamento di combustibile nucleare, o in un impianto di produzione di materiali radio-medici-farmaceutici.

Un incidente più pericoloso in un reattore nucleare è improbabile perché un tale incidente avrebbe rilasciato altri elementi radioattivi, non solo il rutenio-106.

storia

I russi hanno rilevato la nube di radiazioni utilizzando due stazioni di monitoraggio intorno all’impianto nucleare di Mayak, uno dei più grandi impianti del paese.

Nel 1957, Mayak fu il luogo del “Disastro di Kyshtym”, il terzo incidente nucleare più grave mai registrato al mondo, dietro solo a Fukushima e Chernobyl.

L’evento ha disperso particelle radioattive in una regione che copre circa 52.000 chilometri quadrati, ma le autorità sovietiche hanno tenuto l’incidente in segreto per quasi due decenni.

Il portavoce di Mayak ha negato di essere responsabili della fuga, e Rosatom, l’ente statale che sovrintende all’industria nucleare russa, ha anche affermato che non vi è nulla da fare.

Prudenza

Questa cattiva abitudine russa di guardare dall’altra parte o di gettare la terra sotto il tappeto è sicuramente preoccupante.

Sebbene il cloud non fosse considerato un problema per la salute umana e l’ambiente, l’Istituto francese per la protezione dalle radiazioni e la sicurezza nucleare ha concluso che se il rilascio accidentale  rutenio-106 si fosse verificato in suolo francese, le evacuazioni dalla zona immediatamente fino a qualche miglio intorno al punto di origine si sarebbe verificata.

Cioè, questo eè ancora un evento significativo che avrebbe dovuto essere trattato con più cautela. [ ScienceAlert , BBC ]

Fonte: hypescience.com 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *