loading...

Quando morirai saprai che sei morto, dicono gli scienziati

Al momento della morte, sappiamo di essere morti o no?

Questa è una domanda curiosa,alla quale alcuni ricercatori in tutto il mondo stanno cercando di rispondere.

La morte inizia con un arresto cardiaco –  con la cessazione dell’impulso elettrico che crea i battiti cardiaci. Di conseguenza, il cuore si ferma. Ma questo  “cancella” immediatamente la nostra capacità di  comprensione di quello che ci accade ?

No. Secondo uno studio americano, la coscienza dura qualche secondo dopo la morte.

Le esperienze di  quasi morte

Gli scienziati stanno studiando da qualche tempo “le esperienze di quasi morte” (NDE). Tra le scoperte più notevoli,vi  è il fatto che un’ondata di energia elettrica invade il cervello appena prima della morte di questo organo.

Uno studio del 2013 dell’Università del Michigan, che ha esaminato i segnali elettrici nel cervello dei topi, ha rilevato che sono entrati in uno stato vigile poco prima della morte.

Oggi, gli scienziati stanno cominciando a pensare che un NDE è causata da un flusso di sangue ridotto, insieme a un comportamento elettrico anomalo all’interno del cervello.

Così, il famoso “tunnel di luce bianca” che alcuni sostengono di aver visto quando sono  quasi morti (e sono stati risuscitati) può  derivare da questo aumento dell’attività neurale.

La coscienza è un fatto

Il Dr. Sam Parnia, direttore della ricerca  di terapia intensiva e rianimazione dell’Università di New York, sta esaminando esattamente come il cervello muore.

Nelle opere precedenti, ha eseguito esperimenti su animali, osservandoli poco prima e dopo la morte. Ha anche studiato NDE.

“Spesso, coloro che hanno avuto tali esperienze raccontano di fluttuare  in giro per la stanza e di essere a conoscenza del personale medico che lavora sul loro corpo”, ha detto il Dr. Parnia a Live Science. “Descrivono di vedere i medici e gli infermieri che lavorano e le loro  conversazioni, cose che altrimenti non potrebbero conoscere “.

La domanda è: se queste persone erano tecnicamente morte, come fanno a sapere cosa stava succedendo attorno a loro?

Corteccia

Secondo il dottor Parnia, anche dopo la cessazione della respirazione e della frequenza cardiaca, rimaniamo coscienti per circa 2-20 secondi. Questo è probabilmente il momento in cui  la corteccia cerebrale può essere attiva senza ossigeno -mantenendo in funzione  la regione responsabile del pensiero e del processo decisionale del cervello, e che si occupa di decifrare le informazioni raccolte dai nostri sensi.

Durante questo periodo, si perdono tutti i riflessi del gambo cerebrale, compresi i mascellari e pupillari. Le onde cerebrali della corteccia presto diventano inosservabili. Anche quando si raggiunge questo stato, possono trascorrere ore perché il nostro pensiero sia completamente spento.

Rianimazione cardiopolmonare

L’ultimo studio condotto da Dr. Parnia esamina un gran numero di europei e americani che hanno subito un arresto cardiaco e sono sopravvissuti.

Uno degli obiettivi è osservare come il cervello agisce e reagisce durante l’arresto cardiaco, attraverso il processo di morte e durante la CPR (rianimazione cardiopolmonare).

Quanto ossigeno ci vuole per riavviare il cervello? Com’ è influenzato il cervello dopo la CPR? Generalmente, quando il cuore smette di battere, la CPR fornisce circa il 15% dell’ossigeno necessario per consentire il  normale funzionamento del cervello. Più dura, più le cellule cerebrali continuano a morire, solo a un ritmo più lento.

Imparare i limiti  del cervello può migliorare le tecniche di rianimazione, che possono salvare  innumerevoli  vite ogni anno.

“Allo stesso tempo, studiamo la mente umana  anche  nel contesto della morte per capire  se la coscienza continua dopo che si è morti  per un certo periodo di tempo – e come questo avviene dentro al  cervello in tempo reale “Spiega Parnia. [ BigThink ]

Fonte: hypescience.com 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *