loading...

Perché Avril Lavigne e Bruno Mars sono le celebrità più pericolose su Internet

La ricerca su internet del nome della tua celebrità preferita (e non) potrebbe non sembrare abbastanza dannosa, ma certi nomi potrebbero metterti al rischio di criminali informatici rispetto ad altri.

Questo è il risultato di una ricerca secondo la società di sicurezza web McAfee, che ha appena pubblicato il suo 11 ° studio McAfee’s Most Dangerous Celebrities . Ciò rivela quelle celebrità con i risultati di ricerca più pericolosi, considerati come quelli più probabili che ti portano a malware e altre cose dannose.

Precedenti “vincitori” del riconoscimento hanno incluso Emma Watson e Amy Schumer. Quest’anno, tuttavia, la cantante canadese pop Avril Lavigne è in cima l’elenco. Complimenti!

“Stiamo navigando in internet per trovare gli ultimi gossip di celebrità, scoprire una nuova canzone e anche interagire con le nostre stelle preferite. E i cybercriminali lo sanno  “dice McAfee in un post sul blog . “In realtà, stanno capitalizzando su questo per tessere intrusioni cibernetiche all’interno di siti di celebrità”.

Lavigne è seguita nell’elenco da Bruno Mars, Carly Rae Jepsen, Zayn Malik e Celine Dion. Le prime dieci sono Calvin Harris, Justin Bieber, Diddy, Katy Perry e Beyoncé. Nel Regno Unito, Craig David è stato nominato la celebrità più pericolosa da cercare.In Italia Emma Marrone e Vasco Rossi al top

McAfee

Come ha fatto Lavigne ad essere in cima a questa classifica? Beh, la prima ragione sembra essere perché c’è una bizzarra teoria di cospirazione su di lei, vale a dire che la vera cantante è morta nel 2003 ed è stata sostituita da un impostore chiamata Melissa. Ciò può portare a fonti inaffidabili e siti compromessi.

“La seconda ragione è che alla fine del 2016 Lavigne ha annunciato di lavorare su un nuovo album che verrà rilasciato prima della fine del 2017”, ha dichiarato McAfee. “E purtroppo, le ricerche di contenuti per nuove musiche [cose come” Avril Lavigne + free mp3 “] portano molti in aree poco sicure di Internet”.

Utilizzando questo contenuto scaricabile a loro vantaggio, gli hacker possono invogliare gli utenti in siti web dannosi e installare malware sui propri dispositivi per rubare informazioni personali.

Così c’è qualche speranza per noi semplici fruitori dei media? sì. McAfee dice dovresti stare attento su quello su cui clicchi. In secondo luogo, la ricerca di “free MP3” probabilmente non è una rapida traccia alla sicurezza di Internet. E in terzo luogo, utilizzare il software antivirus.

Immagine anteprima: Frederic Legland/Comeo/Shutteshock

Fonte:www.iflscience.com

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *