loading...

L’Antartide si divide? Le immagini satellitari rivelano una diffusione di crepe giganti

Subito dopo che un iceberg di un trilione di tonnellate si è staccato nel luglio 2017 dalla  piattaforma di ghiaccio Larsen C gli scienziati affermano che “possono osservare  crepe che continuano a crescere verso una caratteristica chiamata Bawden Ice Rise, che fornisce un sostegno strutturale critico per la rimanente piattaforma artica”.

Gli scienziati hanno scoperto grosse fessure che si diffondono su un ripiano di ghiaccio antartico dove un iceberg di un trilione di tonnellate si è interrotto non molto tempo fa.

Nuove immagini satellitari sono state presentate da esperti che mostrano il momento in cui la penisola antartica ha perso circa il 10 per cento della sua area nel luglio 2017, mettendo in dubbio se questo è solo l’inizio?

Fin dall’ evento, gli scienziati hanno seguito attentamente il destino dell’iceberg supermassivo, mentre una frattura è apparsa tra il continente principale e la massa di acqua congelata.

Tuttavia, gli scienziati hanno ora identificato nuove crepe che si stanno formando sul ripiano di ghiaccio e continuano a progredire, è probabile che il ripiano di ghiaccio potrebbe collassare.

Gli scienziati hanno avvertito che se tutto il Larsen C crolla, il ghiaccio che detiene potrebbe aggiungere circa 10 centimetri ai livelli del mare della Terra nei prossimi anni.

Da quando l iceberg si è staccato nel luglio del 2017, la dottoressa Anna Hogg, dell’Università di Leeds e il suo collega, il dottor Hilmar Gudmundsson, della British Antarctic Survey e i  membri del team hanno continuato a seguire l’iceberg chiamato A68, grazie Alla Copernicus Sentinel 1 Satellite dell’Agenzia Spaziale Europea.

La crepa continua ad avanzare. Credito di immagine

Finora, gli scienziati hanno scoperto che, dopo il distacco dell’enorme iceberg ha iniziato lentamente a scappare dal ripiano di ghiaccio di Larsen-C.

Gli esperti indicano  un gap massiccio di cinque chilometri  visibile tra l’iceberg e lo scaffale di ghiaccio dell’Antartide.

Oltre all’enorme ghiacciaio, gli esperti hanno individuato più di 11 piccoli iceberg – con il più grande con una lunghezza superiore ai 13 chilometri.

Questi piccoli iceberg – o Bergy bit come gli scienziati li chiamano – si sono formati dopo essere stati separati dall’iceberg gigante dal principale scaffale di ghiaccio in Antartide.

Parla degli eventi che si sono svolti finora, il dottor Hogg, un ricercatore dell’ESA al centro dell’osservazione e della modellazione polare a Leeds, dichiara:

“Le immagini satellitari mostrano un sacco di azioni continue sulla Larsen-C Ice Shelf. Possiamo osservare che le continue crepe continuano a crescere verso una caratteristica chiamata Bawden Ice Rise, che fornisce un sostegno strutturale critico per il rimanente ripiano di ghiaccio “.

“Se uno scaffale di ghiaccio perde il contatto con il ghiaccio continentale, sia attraverso  un grande evento di mutazione di iceberg, può incoraggiare un’accelerazione significativa nella velocità del ghiaccio e forse di ulteriori destabilizzazione. Sembra che la storia di Larsen-C non sia ancora finita purtroppo “, ha  aggiunto il dottor Hogg .

Scrivendo nella rivista Nature  Climate Change , il Dr. Hogg e il Dr. Gudmundsson hanno analizzato gli eventi che hanno portato a questo drammatico fenomeno naturale che si potrebbe riformare nel continente in futuro, discutendo come il distacco degli iceberg massicci interessa direttamente la stabilità dei ripiani di ghiaccio in Antartide .

Gli scienziati affermano che un evento di maturazione non deve necessariamente essere correlato alle condizioni ambientali ma ci sono diversi fattori che devono essere presi in considerazione quando si esamina la causa.

Il duo scientifico implica come gli eventi possono riflettere solo un processo di crescita e decadimento naturale del ripiano di ghiaccio.

“Anche se i ripiani di ghiaccio galleggianti hanno solo un effetto moderato sul livello del mare, il ghiaccio del cuore dell’Antartide può scappare nell’oceano quando collassa”, ha spiegato il dottor Gudmundsson . “Di conseguenza, vedremo un aumento del contributo del ghiaccio sul livello globale del livello del mare”.

“Con questo grande evento di maturazione, oltre alla disponibilità della tecnologia satellitare, abbiamo un’ottima opportunità per osservare questo esperimento naturale che si svolge davanti ai nostri occhi. Ci aspettiamo di imparare molto di più su come i ripiani di ghiaccio si rompono e come la perdita di una sezione di un ripiano di ghiaccio influenza il flusso delle sue rimanenti parti “, hanno  aggiunto gli esperti .


(H / T ESA )

Fonte: www.ancient-code.com

Se ti è piaciuto l’articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *