loading...

La famiglia salva un gattino abbandonato – guardandolo da vicino scoprono che non è un gatto ordinario

Un giorno una famiglia in Thailandia ha visto qualcosa fuori dalla finestra. Era un piccolo gattino che se ne stava tutto solo sulla strada. Sono andati fuori a dare un’occhiata più da vicino al povero gattino solitario. E non hanno visto la madre nella vicinanze.

Hanno allora portato il gattino in casa e hanno deciso di chiamare l’organizzazione animale Wildlife Friends Foundation in Thailandia per chiedere aiuto. Questo perché avevano qualche sospetto che non fosse un gatto ordinario.

Dopo un esame il veterinario ha osservato che in effetti l’animale apparteneva a una razza in via d’estinzione: il gatto viverrino o gatto pescatore. Questa razza si trova nelle zone umide del sud est asiatico, può crescere fino a 86 centimetri di lunghezza ed è molto diverso da un gatto ordinario.

Il gatto pescatore è infatti il doppio rispetto a un gatto ordinario, ama l’acqua e inseguire i pesci. E dato dal fatto che le zone umide nel mondo vengono distrutte, questi animali sono in pericolo. Non sono solo in via di estinzione, rischiano la loro vita anche per la caccia illegale.

Shutterstock

Il gatto è potuto rimanere con la famiglia e con il tempo ha imparato a sentirsi a casa proprio e a suo agio con i suoi membri.

La famiglia in Thailandia ha continuato a cercare la madre nelle vicinanze. L’organizzazione animalista WWFT stima che il gatto selvaggio avesse solo qualche ora quando è stato trovato e non è facile capire il perché la madre lo abbia abbandonato.

Ma la madre non è mai venuta. Di conseguenza, la famiglia ha preso sotto la sua ala il piccolo gatto dandogli il latte caldo, per farlo crescere.

Il gatto pescatore è stato chiamato Simba. WFFT pensa che sia importante che sopravviva per il bene della specie. In Thailandia, i nomi di numerose specie di animali si sono ridotte negli ultimi anni. In soli tre anni, l’84% di tutti i gatti pescatori nel paese sono morti a causa della perdita del loro habitat naturale e del bracconaggio.

Fonte: incredibile.guru

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *