loading...

Gli scienziati dicono: almeno una civiltà aliena avanzata può esistere nella Via Lattea

Sulla base della loro ricerca , gli scienziati hanno dimostrato la possibilità che in una scala galattica esista almeno una civiltà extraterrestre che abbia i mezzi necessari per comunicare con la Terra nella nostra galassia, la via lattea.

Controversie o meno ma … Gli scienziati americani Luis A. Anchordoqui, Susanna Weber e Jorge F. Soriano hanno dimostrato la possibilità che una civiltà aliena in grado di comunicare con gli esseri umani esiste nella galassia della Via Lattea, secondo un articolo pubblicato sul sito web dell’Università di Cornell.

Gli esperti hanno basato la loro ricerca sulla formula di Drake per stimare il numero di civiltà della nostra galassia, la Via Lattea, che probabilmente possiede una tecnologia che potrebbe intercettare o trasmettere emissioni radio.

Secondo i loro calcoli , in una scala galattica, c’è almeno una civiltà extraterrestre che possiede i mezzi necessari per comunicare con la Terra.

Tuttavia, gli scienziati notano che i potenti scatti di raggi gamma possono compromettere l’esistenza della vita aliena.

Secondo gli esperti, il TESS (Transite Exoplanet Survey Satellite) e JWST (James Webb Space Telescope), che si stanno preparando per un lancio storico, permetteranno di verificare i risultati del loro lavoro.

E mentre gli scienziati dicono che almeno una civiltà aliena può esistere là fuori, hanno spiegato il fatto che la percentuale di civiltà aliene avanzate nella Via Lattea è estremamente piccola – circa lo 0,5% rispetto al numero totale di civiltà aliene che possono esistere nell’universo, che è qualcosa che complica notevolmente la ricerca dei nostri vicini cosmici.

Questo fatto, secondo loro, è una delle ragioni per cui non abbiamo ancora trovato gli alieni fino ad oggi.

Ricerca di indizi che portano alla scoperta di altre civiltà, secondo Soriano e i suoi colleghi, saranno possibili solo in futuro quando gli scienziati scopriranno più  pianeti “gemelli” della Terra.

Nel documento di ricerca il trio scientifico osserva:

“Un nuovo arsenale di dati fornirà certamente un terreno di prova ideale per migliorare la nostra comprensione circa: (i) il verificarsi di esopianeti nella zona abitabile, (ii) i modelli di velocità della formazione iniziale, e (iii) la fenomenologia di GRB. Gli ultimi anni hanno testimoniato la scoperta di sempre più pianeti rocciosi che sono più grandi della Terra “.

“Trovare i gemelli della Terra è una sfida  superiore, perché questi pianeti più piccoli producono segnali più freddi e quindi ne sono stati scoperti pochi. La tecnologia per la rilevazione e l’immagine di pianeti simili alla terra è stata sviluppata per l’uso dei telescopi spaziali di nuova generazione. L’esplorazione satellitare di transizione (TESS) è il prossimo passo della NASA nella ricerca di pianeti al di fuori del nostro sistema solare, inclusi quelli che potrebbero supportare la vita “.

“La mappa stradale della NASA proseguirà successivamente con il lancio del telescopio spaziale James Webb (JWST) e il telescopio per il rilevamento a raggi infrarossi a larga scala – Astrophysics Focused Telescope Assets (WFIRST-AFTA) all’inizio del prossimo decennio. La capacità di individuare la vita aliena può attendere anni o più, ma la ricerca è in corso “.

Nel 2016, gli  scienziati adattarono l’equazione Drake con i dati del satellite Kepler della NASA sui pianeti abitabili nel cosmo. I ricercatori hanno modificato l’equazione Drake nel dettaglio del numero di civiltà extraterrestri che potrebbero esistere ora, alla possibilità che la nostra civiltà sia l’unica esistente.

La ricerca indica le probabilità di forme intelligenti di vita che si evolvono nei pianeti abitabili sono estremamente bassi, però la vita sulla Terra non è l’unica che si è evoluta in una fase avanzata.

 


(H / T arXiv )

Fonte: www.ancient-code.com

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *