loading...

Gli scienziati annunciano piano “folle” per ricongelare l’Artico

Tempi disperati richiedono misure disperate. Un gruppo di scienziati ha proposto un piano folle per “ricongelare” l’Artico, dal momento che le temperature vicino al Polo Nord sono incredibili 20 ° C più caldo rispetto alla media dello scorso anno.

Il ghiaccio marino sta scomparendo nella regione ad un ritmo senza precedenti, con conseguenze disastrose per il mondo nel suo complesso.

Pertanto, i ricercatori hanno proposto un’idea che può aiutare a congelare di nuovo questo mare: installando circa 10 milioni di pompe eoliche sulla calotta artica per spruzzare acqua di mare sulla superficie per ricostituire il ghiaccio.

“La nostra unica strategia al momento sembra essere quella di dire alla gente di smettere di bruciare combustibili fossili”, ha detto al The Guardian il capo ricercatore e fisico dell’Arizona State University, Steven Desch, 

“E ‘una buona idea, ma c’è bisogno di molto di più di quello per evitare la scomparsa del ghiaccio marino dell’Artico .”

I 10 milioni di pompe eoliche potrebbero aggiungere un metro in più di ghiaccio marino al livello corrente della regione, il che aiuta a proteggerlo dalle temperature in rapido aumento del globo.

“Con il ghiaccio più spesso significherebbe una sua durata più lunga”, dice . “A sua volta, ciò significherebbe che nel pericolo estivo nel Mare Artico la scomparsa del ghiaccio sarebbe ridotta in modo significativo.”

L’idea è quella di erigere milioni di pompe ad energia eolica in tutta la regione artica per disperdere l’acqua di mare sulla superficie ghiacciata da congelare come un ulteriore livello e addensare la calotta di ghiaccio. 

La squadra prevede che il pompaggio di 1,3 metri d’acqua sulla superficie porterà il ghiaccio ad essere più spesso di 1 metro.

“È interessante notare che la metà del ghiaccio marino artico ha attualmente uno spessore medio annuo di soli 1,5 metri. Aggiungere un metro è un cambiamento significativo “, hanno detto gli scienziati.

Quel metro in più sarà come spingere il tempo indietro di 17 anni.

Ma quante bombe avremmo bisogno? I numeri sono sconvolgenti.

L’area dell’Oceano Artico è di circa 3,8 milioni di miglia 2. Se le pompe eoliche devono essere distribuite in tutto il 10 per cento di quella zona, questo richiederebbe circa 10 milioni di pompe eoliche;. In caso di distribuzione su tutta la regione artica, sarebbero necessarie circa 100 milioni.

Ogni pala eolica dovrebbe essere di 6 metri di diametro con un peso  4000 kg di acciaio. Per mantenere questa a galla avrà bisogno di un galleggiante con all’incirca un peso equivalente in acciaio. A completare le statistiche, circa 10.000 kg di acciaio sarebbero necessari per il dispositivo.

Per costruire una flotta di 10 milioni di pompe, richiederebbe circa 10 milioni di tonnellate di acciaio all’anno. Se si vogliono distribuire pompe su tutta la regione artica, ci sarebbero bisogno di 100 milioni di tonnellate di acciaio all’anno.

In confronto, gli Stati Uniti attualmente producono circa 80 milioni di tonnellate di acciaio all’anno.

Questa non è la prima volta che i ricercatori considerano seriamente l’utilizzo della geoingengneri in risposta al riscaldamento causato dall’uomo.

Proposte precedenti includono sbiancamento artificiale dell’Artico per aiutare a riflettere la radiazione solare verso lo spazio, creare nuvole artificiali sopra la regione che impedirebbero al calore di raggiungere la superficie.

Il nuovo progetto ha un prezzo stimato di circa 500 miliardi di dollari, il che significa che i vari governi di tutto il mondo dovrebbero impegnare fondi per coprire i costi astronomici dell’installazione.

C’è qualcosa di inutile, ma – al contrario.

Con l’Artico si sta riscaldando più velocemente insieme a qualsiasi altro luogo del pianeta in questo momento, e con gli sforzi per ridurre le emissioni di CO2 che fino ad ora si sono dimostrati inefficace, si corre un serio rischio di perdere la maggior parte del ghiaccio artico marino nei prossimi decenni.

Ciò avrà effetti incalcolabili non solo sugli ecosistemi locali, ma sul pianeta in generale. Non solo si perderanno specie già in declino come gli orsi polari e il merluzzo artico, ma se tutto questo ghiaccio scompare, si perde uno dei principali meccanismi che la Terra ha di  riflettere la radiazione solare verso lo spazio.

La differenza tra le temperature dell’Artico e quelle viste attraverso le medie latitudini del Nord America, Europa e Asia nel 2016 è stato il più basso nella storia registrata. E che sembra aver innescato condizioni climatiche bizzarre, come ondate di calore, siccità e pesanti nevicate.

Gli eventi estremi sono indagati per la loro connessione con l’Artico, tra cui la siccità in California, i recenti inverni rigidi negli Stati Uniti e in Siberia e gravi inondazioni nel Regno Unito.

I piani attuali da parte dei governi per ridurre gli effetti del cambiamento climatico non si sono avvicinati all’obbiettivo di salvare l’Artico, perché già si sta riscaldando due volte più velocemente dei modelli climatici previsti alcuni anni fa.

La realtà è dura: il progetto può essere folle e assurdo, ma è molto peggio mantenere lo status quo e lasciare il ghiaccio artico scomparire. [ScienceAlert ]

Fonte: hypescience.com

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter

Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà un finestrella.

Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *