Eclissi, cometa e luna piena: tripletta celeste tutta in una notte

Preparatevi ad uno spettacolare tripudio celeste.
La notte tra venerdì 10 e sabato 11 febbraio il cielo ci regala ben tre eventi astronomici.
Per l’esattezza, vedremo un’eclissi con la cometa in una notte di Luna Piena.

La “cometa di Capodanno”

45P/Honda-Mrkos-Pajdušáková prende il nome dagli astronomi che la scoprirono nel 1948 – Minoru Honda, Antonín Mrkos, e Ľudmila Pajdušáková, ma recentemente è nota come “Cometa di Capodanno” perché ha iniziato il suo viaggio attraverso i cieli dell’emisfero settentrionale alla fine del 2016.

È una cometa periodica, ovvero segue un percorso prevedibile intorno al Sole, e può essere vista dalla Terra ogni cinque anni e un quarto.
Il suo ultimo passaggio è stato nel 2011, il prossimo nel 2022.

Questo fine settimana, passerà a circa 13 milioni di km di distanza dal Terra.

Gli astrofili potranno godersi il suo passaggio nella costellazione di Ercole dalla mezzanotte del 10 febbraio.
Si presenterà con la ‘testa’ verde-blu e la coda a forma di ventaglio.

Se il cielo è chiaro e privo di inquinamento luminoso, dovrebbe essere visibile ad occhio nudo, ma con un binocolo sarà più facile osservarla.

cometa 45p

La NASA spiega sul suo sito web: “La cometa poi passerà attraverso le costellazioni Corona Boreale, Boote, Cani da Caccia e Orsa Maggiore. Raggiungerà il Leone entro la fine di febbraio”.

Eclissi lunare penombrale

Come le altre eclissi lunari, quelle penombrali si verificano quando la Terra passa tra la Luna e il Sole, bloccando la luce e gettando un’ombra sulla superficie del nostro satellite.
La Terra proietta due ombre che cadono sulla Luna durante un’eclisse lunare: umbra è una completa ombra scura. La penumbra è un’ombra esterna parziale.
Nell’eclissi penombrale, la Luna transita solo nella penombra proiettata dalla Terra, senza essere occultata dall’ombra.

Tuttavia, a differenza delle più famose totali e parziali, quelle penombrali sono difficile da cogliere, e quella di venerdì notte non fa eccezione.
L’eclissi inizierà venerdì 10 febbraio alle 23.32 e raggiungerà la massima occultazione alle 01:44.
Tornerà tutto alla normalità alle 3:53.

L’unica differenza che si potrà notare sarà nella luce della Luna, leggermente meno luminosa.

Eclissi con la cometa nella notte della Luna pienaLuna piena della Neve

Anche il plenilunio di febbraio arriverà nella notte tra il 10 e l’11 (dopotutto, non c’è eclissi senza luna piena).
In realtà, questo meso vedremo la Luna Piena della Neve.
Ma cosa significa?
Per rispondere bisogna tornare indietro di qualche centinaia di anni fa, quando i nativi americani diedero dei nomi alle Lune Piene dell’anno.

Ogni mese, così, ha una Luna piena con un suo nomee quella di febbraio è, appunto, la Luna Piena della Neve.

Le Lune dell’anno

Gennaio: è il mese della Luna Piena del Lupo. In mezzo alle nevi fredde e profonde del pieno inverno, i branchi di lupi ululavano affamati fuori villaggi indiani.

Febbraio: è il mese della Luna Piena della Neve. Di solito le nevi più pesanti cadevano proprio in questo mese. La caccia diventava molto difficile, e, quindi, per alcune tribù questa era anche la Luna Piena edlla Fame.

Marzo: è il mese della Luna Piena del Verme o Tiepida. Dopo le nevi dell’inverno, in questo mese il terreno si ammorbidisce e il lombrico riapparire, invitando il ritorno dei pettirossi. Altre tribù definivano la Luna Tiepida, perchè apriva la stagione della primavera e di temperature più miti.

Aprile: è il mese della Luna Rosa. Non fatevi confondere con quella di giugno, questa è quella vera. Prende il suo nome dal primo fiore che germogliava nel mese, il Phlox selvatico, rosa appunto.

Maggio: è il mese della Luna Piena del Fiore. In questo mese si risveglia al natura e fiori sono ormai abbondanti ovunque.

Giugno: è il mese della Luna Piena della Fragola. Era il periodo migliore e più prolifico per la raccolta delle fragole.
Luglio: è il mese della Luna Piena del Cervo. Le corna del cervo, che si rinnovano ogni anno, iniziano a ricrescere proprio durante questo mese.

Agosto: è il mese della Luna Piena dello Storione. Prende il nome dalla pesca prolifica del pesce, abbondante nei laghi in agosto.

Settembre: è il mese della Luna Piena del Raccolto. Tradizionalmente, questa denominazione va alla Luna Piena che si verifica più vicino all’ equinozio d’autunno. Al culmine del raccolto, gli agricoltori lavoravano nella notte alla luce di questa Luna.

Ottobre: è il mese della Luna Piena del Cacciatore. Con le foglie che cadono e i cervi ingrassati, era il momento giusto per la caccia. I campi sono stati mietuti, i cacciatori possono vedere più facilmente volpi e altri animali.

Novembre: è il mese della Luna Piena del Castoro. Prima che arrivasse la neve, questo era il momento migliore per piazzare trappole per castoro, in modo da garantirsi cald pellicce per l’inverno.

Dicembre: è il mese della Luna Piena Fredda. Segnava l’inizio del freddo invernale.

Fonte: www.diregiovani.it

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu  e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter

Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,aspetta due secondi si aprirà un finestrella.

Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *