Loading...

I dieci geoglifi più incredibili e misteriosi del mondo antico

I geoglifi più conosciuti nel mondo sono senza dubbio le Linee di Nazca del Perù. Eppure, sparsi in tutto il mondo ci sono migliaia di altre geoglifi che sono altrettanto impressionanti. Le sculture di terra rimangono uno dei più grandi misteri dell’archeologia. Nonostante una pletora di ricerca su queste creazioni sorprendenti, i geoglifi continuano a sfuggire ai ricercatori e rimangono una questione di congetture. Alcuni scienziati ritengono che sono legati al cielo, che rappresentano le costellazioni nel cielo notturno. Altri esperti ritengono che le linee hanno avuto un ruolo in pellegrinaggio per raggiungere un luogo sacro. Un’altra idea è che le linee sono collegate con l’acqua, qualcosa di vitale per la vita  difficile da ottenere nel deserto. Qui esaminiamo dieci geoglifi allettanti provenienti da tutto il pianeta.

Le enigmatiche linee di Nazca del Perù

Le linee di Nazca enigmatiche del Perù

Situati nella arida pianura costiera del Perù, a circa 400 km a sud di Lima, i geoglifi di Nazca coprono un incredibile distesa di 450 km2. Sono tra i più grandi enigmi dell’archeologia a causa della loro quantità, la natura, le dimensioni e la continuità. I geoglifi raffigurano creature viventi, piante stilizzate ed esseri immaginari, come pure figure geometriche lunghe diversi chilometri. La caratteristica sorprendente dei geoglifi di Nazca è che possono solo essere veramente apprezzato dall’alto, sollevando domande su come e perché sono stati creati. Il numero delle linee Nazca e migliaia e la stragrande maggioranza di loro sono datati dal 200 aC al 500 dC, un tempo in cui un popolo i Nazca ha abitato la regione. Le prime linee, create con sassi ammucchiati, sono datati nel lontano 500 aC. Anche se le linee possono infatti essere visti da terra, non c’è nulla di lontanamente eccitante di vederli da questa prospettiva. Tuttavia, dall’alto, la loro vera bellezza e le meraviglie della loro creazione può essere realizzata. Nonostante una pletora di ricerca su queste creazioni sorprendenti, lo scopo delle linee continua a sfuggirci e per i ricercatori  rimane una questione di congetture. Alcuni scienziati ritengono che sono legati al cielo con alcune costellazioni che rappresentano il cielo notturno. Tuttavia, la ricerca ha scoperto che ci sono altrettante linee non legate alla costellazioni , il che significa che questa teoria non è in grado di fornire una spiegazione completa. Altri esperti ritengono che le linee hanno avuto un ruolo in pellegrinaggio per raggiungere un luogo sacro come il Cahuachi e le sue piramidi di adobe. Un’altra idea è che le linee sono collegate con l’acqua, qualcosa di vitale da ottenere nel deserto, e potrebbero aver avuto un ruolo nei rituali per la pioggia. Tuttavia,  le linee sono rimaste enigmatiche ed hanno promosso teorie alternative   sulla comunicazione extraterrestre o ‘messaggi agli dei “.

 

Il caso sconcertante del gigante di Atacama

Il caso sconcertante di Atacama Giant

I geoglifi del deserto di Atacama in Sud America sono meno familiari rispetto alle linee di Nazca di fama mondiale, ma sono molto più numerosi in numero, più vari nello stile, e coprono un’area molto più grande. Uno dei più intriganti e controversi dei geoglifi del deserto di Atacama è il cosiddetto gigante di Atacama , che continua a suscitare dibattito sulla suo vero significato e l’interpretazione. Il Gigante di Atacama è un geoglifo antropomorfo misura 119 metri di altezza, che lo rende il più grande geoglifo conosciuto in tutto il mondo. Caratterizzato da una testa quadrata e gambe lunghe altamente stilizzate. Quattro linee possono essere viste che escono dalla parte superiore della testa del gigante, nonché su ciascun lato della testa. Non c’è stata alcuna carenza di spiegazioni e teorie per spiegare le strane caratteristiche di questo enorme geoglifo. Secondo una interpretazione, si trattava di una sorta di calendario astronomico che indicava il movimento della Luna. Con questa conoscenza, si dice che il giorno, il ciclo delle colture, e le stagioni possono essere calcolati. Un’altra interpretazione sostiene che il gigante di Atacama  rappresenta una divinità venerata dalla popolazione locale. Altre teorie suggeriscono visite extraterrestri, la marcatura di un percorso di pellegrinaggio, o che riflette un antico tipo di linguaggio. Anche se la funzione dei geoglifi del deserto di Atacama rimane ancora un mistero, è innegabile che hanno tenuto una grande importanza per le persone che vivevano nella regione. Si spera che i geoglifi saranno conservati per le generazioni future, e che ulteriori ricerche potrebbero un giorno scoprire i loro segreti.

Oltre 50 geoglifi antichi, tra cui una svastica, scoperti in Kazakhstan

Oltre 50 geoglifi antichi, tra cui svastica, scoperti in Kazakhstan

Gli archeologi le hanno chiamate  le  linee di Nazca del Kazakistan – oltre 50 geoglifi giganti formati con cumuli di terra e legno si estendeno attraverso il paesaggio nel nord del Kazakhstan. Essi sono progettati in una varietà di forme geometriche, tra cui croci, quadrati, anelli e persino una svastica, antico simbolo che è stato in uso per almeno 12.000 anni. I geoglifi, che sono molto difficili da vedere sul campo, sono stati avvistati su Google Earth. Da allora, un team di archeologi del Kazakistan e Lituania, hanno studiato le strutture gigantesche utilizzando la fotografia aerea e radar a penetrazione del suolo. I loro risultati hanno rivelato una grande varietà di forme da 90 ai 400 metri di diametro, per lo più realizzati in tumuli di terra, ma uno – la svastica – è stato realizzato utilizzando legno. I ricercatori non hanno ancora datato le strutture, ma le loro caratteristiche suggeriscono che hanno circa 2.000 anni. “Ad oggi, possiamo dire solo una cosa -. I geoglifi sono stati costruiti da gente antica ma da chi e per quale scopo, rimane un mistero”, ha detto Irina  Shevnina e Andrew Logvin, di Kostanay University, in una e-mail to Live Science .

Linee di roccia antica creati dalla cultura enigmatica Paracas anteriori ai geoglifi di Nazca

Linee di roccia antica creati dalla cultura enigmatica Paracas anteriori geoglifi Nazca

Un recente studio pubblicato negli atti del giornale della National Academy of Sciences, ha rivelato la scoperta di un insieme complesso di geoglifi costruiti dai misteriosi Paracas popolo peruviano. Le caratteristiche archeologiche, che risalgono a 2.300 anni, sono state trovate per essere allineate al tramonto durante il solstizio d’inverno, e si ritiene che sono state create per celebrare tumuli cerimoniali e siti residenziali. Charles Stanish, il direttore dell’Istituto di Archeologia Cotsen presso l’Università della California, e la sua squadra, ha trovato 71 linee di geoglifo o segmenti, 353 tumuli di roccia, rocce che formano cerchi o rettangoli, due tumuli a forma di U, e un punto con  un serie di linee convergenti in un cerchio di raggi. Molte delle caratteristiche archeologiche hanno allineamenti astronomici, altri indicano luoghi speciali nel paesaggio, come alcune delle antiche piramidi della regione. Il team di ricerca ha ipotizzato che le linee avevano  scopi diversi – alcuni sembrano avere marcato il tempo , altri possono avere attirato partecipanti a partecipare ad eventi importanti, e altri ancora avrebbero potuto indicare la strada per strutture sacre.

Le ‘Opere di Old Men’: i geoglifi del Medio Oriente

Il 'Opere di Old Men': geoglifi del Medio Oriente

Stretching dalla Siria all’Arabia Saudita, migliaia di geoglifi antichi costruite in pietra  attraverso le pianure desertiche. Conosciute come “le opere di vecchi uomini”, una struttura è simile ad un aquilone  mentre le altre hanno la forma di una ruota. Simile alle linee di Nazca in Perù, sono disponibili in una grande varietà di forme e dimensioni, con molta diversità tra le strutture. I geoglifi sono praticamente invisibili da terra, ma si possono vedere facilmente con un aereo. I beduini locali si riferiscono a loro come le “opere di vecchi”, ma sono stati in grado di fornire ulteriori approfondimenti sui loro creatori.

Alcune delle strutture circolari contengono due raggi che formano una barra e puntano nella stessa direzione in cui il sole sorge e tramonta, mentre altri contengono raggi che non sembrano avere un significato astrologico. Si ritiene che un tipo di struttura, indicata come un “ala”, è stata effettivamente usata come parte di un sistema per la caccia. I muri di pietra lunghe formano un ampio spazio aperto, che poi si incanala in uno più piccolo, un’area chiusa. Gli animali selvatici potrebbero incanalare dalla zona più ampia attraverso il collo nella zona stretta che è stato chiamata il “piano di uccidere.” In questo modo sarebbe più facile cacciare animali selvatici, una volta raggiunto il piano uccisione. Ci sono circa 2000 strutture ad aquilone attraverso i deserti della Siria, Giordania, Israele meridionale e l’Arabia Saudita che illustrano che questo metodo di caccia deve essere stata ampiamente utilizzata.

Geogrifo Wari  simile alle linee di Nazca trovati in Perù

Wari geoglyph simile alle linee di Nazca trovati in Perù

Gli archeologi che svolgono scavi in ​​Arequipa nel sud del Perù sono stati sorpresi di trovare un grande geoglifo che ricorda le famose linee di Nazca. Il geoglo è il primo del suo genere scoperto nella regione. E ‘stato legato alla cultura pre-Inca Huari (1200-1300 dC), anche se non è chiaro in che modo i ricercatori hanno raggiunto questa conclusione. Il geoglifo, che misura 60 metri per 40 metri, è costituito da una grande immagine rettangolare con forme geometriche e linee all’interno di esso. Il geogrifo scoperto di recente è stato creato dal popolo Wari, la scoperta potrebbe servire a gettare nuova luce sulle loro pratiche culturali, che avrebbero potuto essere influenzati dal popolo Nazca. Il Wari (spagnolo: Huari) civiltà del 600 dC degli altopiani andini e forgiato da una società complessa ampiamente considerata oggi come primo impero antico del Perù. La loro capitale andina, Huari, divenne una delle grandi città del mondo di allora. Relativamente poco si sa circa i Wari perché nessun documento scritto rimane, anche se migliaia di siti archeologici rivelano molto della loro vita.

I bambini hanno aiutato a costruire un misterioso geoglifo di alce di 6.000 anni

I bambini hanno aiutato costruire misterioso 6.000 anni geoglyph alce in Russia

Recenti ricerche hanno rivelato che un enorme geoglifo di un alce nei monti Urali, Russia, è tra i più antichi esempi di land art al mondo, risalente a circa 6000 anni. Le misure di alce di circa 275 metri  di lunghezza (nel suo punto più lungo), ed è stato formato da fossati di 30 centimetri  e profonde tra i 4,5 metri  e 10 metri  di larghezza. I fossati sono stati scavati e poi riempiti di pietre, con le pietre più grandi di solito poste lungo i bordi e le pietre più piccole utilizzate per riempire in mezzo. Gli zoccoli dell’alce sono stati riempiti con una miscela di argilla e pietrisco. L’analisi di strumenti di pietra ritrovati nel sito hanno rivelato uno stile di riduzione litica che corrisponde al periodo tra il 3000 e il 4000 aC. Forse una delle scoperte più interessanti emergono da recenti lavori di scavo presso il sito, è che l’esame di oltre 150 strumenti trovati intorno al geoglifo suggerisce che i bambini sono stati coinvolti nella sua costruzione, così come gli adulti. “Ma non era una sorta di schiavitu del lavoro dei bambini”, ha detto Stanislav Grigoryev, un ricercatore senior di Storia e Archeologia al Chelyabinsk Institute. “Sono stati coinvolti di condividere valori comuni, di aderire a qualcosa di importante per tutto il popolo.”

Cerchi di pietre giganti nel puzzle archeologi in Medio Oriente

Cerchi di pietre giganti nel puzzle archeologi Medio Oriente

Cerchi di pietre enormi in Medio Oriente sono stati ripreso dall’alto, ma i ricercatori rimangono perplessi sul motivo per cui esistono, e chi li ha fatti. Undici grandi cerchi punteggiano il paesaggio attraverso la Giordania e la Siria. Risalgono ad almeno 2.000 anni, ma possono anche essere preistorici, creati in un tempo prima dell’invenzione della scrittura. I geoglifi sono molto grandi, alcuni dei quali di circa 1.300 metri di diametro, e sono composti da brevi  muri in pietra costruiti da rocce locali. I ricercatori dicono che i cerchi avrebbero richiesto una pianificazione, in quanto molti dei circoli sono molto precisi. E ‘probabilmente ci fosse una sorta di “architetto” ad aver realizzato il progetto. I ricercatori si chiedono se i cerchi sono stati utilizzati per mantenere gli allevamenti di animali, o possono essere stati le aree di sepoltura, ma finora non sono stati trovati resti contemporanei – o gli usi pratici evidenti. Migliaia di altre strutture antiche sono state trovate in tutto il Medio Oriente, quali ruote, pareti, pendenti  e aquiloni (muri di pietra utilizzati per guidare gli animali in aree per luccisione). Proprio come le enigmatiche linee di Nasca in Perù – geoglifi giganti mezzo mondo di distanza dal Jordan – le intenzioni dei costruttori, e lo scopo dei disegni restano, per ora, un mistero molto sconcertante.

Le origini sconosciute delle incredibili Linee di Sajama in Bolivia

Le origini sconosciute delle incredibili Linee di Sajama in Bolivia

In Bolivia occidentale, migliaia e migliaia di percorsi perfettamente rettilinei sono incisi nel terreno, creando uno spettacolo incredibile. Queste linee sono state scavate nel terreno per un periodo di 3.000 anni dai popoli indigeni che vivono vicino al vulcano Sajama. Non si sa esattamente quando e perché sono stati costruiti, ed è difficile immaginare come la costruzione di qualcosa di tale portata potrebbe essere avvenuta in un periodo di pre-tecnologia. Le linee di Sajama coprono una superficie di circa 22.525 chilometri quadrati, 8.700 miglia quadrate.  Ogni singola linea è di 1-3 metri, o larga 3-10 metri. Le linee più lunghe misurano 20 km. La creazione di queste linee, senza l’aiuto della tecnologia moderna è una meraviglia. La precisione delle linee Sajama è notevole. Mentre molte di queste linee sacre si estendono fino a dieci o venti chilometri (e forse più), tutti sembrano mantenere una notevole rettilineità nonostante la topografia e gli  ostacoli naturali. Alcuni credono che gli indigeni utilizzavano le linee come strumento di navigazione durante i pellegrinaggi sacri. Wak’as (santuari), chullpas (torri funerarie) e frazioni si alternano tra le linee, creando un paesaggio culturale.

Il misterioso geoglifo preistorico dei candelabri di Paracas

Il misterioso geoglyph preistorico del Paracas Candelabri

Il candelabro di Paracas  è un geoglifo preistorico trovato nella penisola di Paracas a Pisco Bay, Perù.  Il candelabro di Paracas  è stimato essere di circa 595-800 metri di altezza e può essere visto da una distanza di 12 miglia fuori in mare. Il geoglifo è stato creato scavando a due metri di profondità nel terreno indurito, con rocce disposte intorno alla figura. La forma del geoglifo è misteriosa e un po ‘difficile da descrivere. Alcuni hanno paragonato ad una pianta di cactus, mentre altri credono che sembra più un candelabro a tre braccia, da cui il nome “candelabri”. Il significato e lo scopo del candelabro di Paracas  sono sconosciute fino ad oggi. I conquistadores presumibilmente credevano che il geoglifo rappresenta la Santissima Trinità, e lo hanno preso come un buon auspicio e un segno che dovevano procedere con la loro ricerca per conquistare e cristianizzare la gente del posto. Alcuni ritengono che il candelabro di Paracas è una rappresentazione di una pianta allucinogena chiamata Jimson erbaccia, mentre altri hanno suggerito che il geoglifo rappresenta un parafulmine del dio Viracocha, che era il grande dio creatore nella mitologia pre-Inca e Inca nella regione delle Ande del Sud America. Il vero significato e lo scopo del candelabro di Paracas  rimangono elusivi , e possono essere per sempre perduti alla storia. Tuttavia, l’enorme geoglifo continua ad attrarre persone da tutto il mondo che ammirare la sua vastità e la meraviglia sulla sua origine e la creazione.

Fonte:http://www.ancient-origins.net/unexplained-phenomena/ten-amazing-and-mysterious-geoglyphs-ancient-world-002443

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter. Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog  tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.