IL SUONO PIU’ FORTE MAI ASCOLTATO NEL MONDO: L’URLO DEL KRAKATOA!

Era il 27 agosto 1883 e causò onde d’urto 100.000 volte più forte di quella di una bomba all’idrogeno

Redazione Blue Planet Heart

vulcano

Una litografia dell’eruzione risalente al 1888. Immagine: Parker & Coward / Wikimedia

Il suono più forte mai registrato mandò in frantumi i timpani di velisti che erano a più di 50 chilometri di distanza, inviando onde d’urto che hanno percorso tutto il mondo per diverse volte, e fu possibile sentirlo chiaramente in 50 posizioni geologiche che coprivano oltre il 10 per cento del globo.
 

Il 27 agosto 1883 la Terra ha generato il suono più forte che la storia ricordi. Proveniva dall’isola di Krakatoa, che si trova tra le isole di Giava e di Sumatra, in Indonesia e fu possibile sentirlo chiaramente quasi a 5.000 chilometri di distanza e da persone in 50 diverse località geologiche di tutto il mondo.

Secondo Aatish Bhatia, a circa 3.200 chilometri da Krakatoa, i residenti di Nuova Guinea e Australia Occidentale riportato sentire “una serie di esplosioni molto forti, simili a quelle di artiglieria in direzione nord-ovest”, e a oltre 4.800 chilometri di distanza, sull’isola di Rodrigues nell’Oceano Indiano, gli abitanti locali udirono quello che sembrava come il rombo lontano di un gigantesco colpo di cannone.
 
Il suono è stato causato da un eruzione vulcanica record che ha scagliato in aria una colonna di cenere alta quasi 80 km in aria, che poi ricadde in mare fino a circa 20 chilometri di distanza. Nubi piroclastiche e detriti incandescenti furono sparati dalla bocca del vulcano Krakatoa a velocità fino a 2575 chilometri all’ora, che è più del doppio della velocità del suono.

 
L’evento è stato definito il più grande disastro naturale del 19° secolo, perché con un tale incredibile rilascio di energia, ci furono gravi conseguenze per il pianeta, non solo per l’area circostante. Le onde d’urto della eruzione viaggiarono in tutto il mondo per diverse volte creando uno tsunami alto oltre 45 metri che finì per colpire le coste di Giava e di Sumatra, causando centinaia di migliaia di morti. 

E non sarebbe stato proprio simpatico essere in acqua con un’imbarcazione a meno di 100 chilometri dal Krakatoa, al momento dell’esplosione, come spiega Bhatia alla rivista  Nautilus:
 
“La nave britannica Castello Norham era di 40 miglia (64 chilometri) dal Krakatoa al momento dell’esplosione. Il comandante della nave scrisse questo nel suo diario:” Così violenta è stata l’esplosione, che i timpani di oltre la metà del mio equipaggio sono stati perforati. I miei ultimi pensieri sono per la mia cara moglie. Sono convinto che il Giorno del Giudizio è arrivato. “”
 
Secondo The Independent, la forza dell’esplosione fu di 10.000 volte superiore a quella di una bomba all’idrogeno, e Bhatia riferisce che il suono che fu generato arrivò a circa 172 decibel fino a oltre 160 chilometri di distanza. Questo è pazzesco, visto che la soglia per il dolore umano è di 130 decibel, e il suono di un motore a reazione, quando si sta in piedi proprio accanto ad esso, è di 150 decibel.
Non abbastanza esplosivo (per fortuna!) come il Krakatoa, ma comunque impressionante, questo video girato da una coppia in Papua Nuova Guinea che mostra un vulcano in eruzione e l’onda d’urto che ne è seguita.

Tradotto da sciencealert

Redazione Blue Planet Heart

Fonte:http://blueplanetheart.blogspot.it/2014/10/il-suono-piu-forte-mai-ascoltato-nel.html

 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo e iscriviti alle nostre pagine Facebook “ Pianeta blu e Beautiful exotic planet earth” ed al nostro profilo su twitter. Per l’iscrizione:passa il mouse sul tasto ti piace,

aspetta due secondi si aprirà un finestrella.
Clicca sul tasto “Mi piace” e poi su “ricevi notifiche” per seguirci costantemente
.

Pianetablunews lo trovi anche su google plus

Segui anche il nostro blog tramite email per non perdere altri articoli, curiosità e consigli!!

Ti è piaciuto l’articolo? condividilo anche tu sui social, clicca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *